Da Israele ammettono incapacità di fronte a missili di precisione di Hezbollah

Da Israele ammettono incapacità di fronte a missili di precisione di Hezbollah

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un quotidiano israeliano esprime preoccupazione per la potenza del movimento libanese Hezbollah e mette in guardia Israele sulle capacità missilistiche di questo gruppo.

Il quotidiano israeliano Maariv , in un articolo pubblicato ieri, ha consigliato all'esercito del regime israeliano di prepararsi allo scontro con il Movimento di resistenza islamica libanese (Hezbollah).

Secondo il media, in ogni caso, Israele si avvicina a un momento critico e dovrà decidere come affrontare uno dei suoi problemi principali nei prossimi anni, ovvero il progetto missilistico di precisione di Hezbollah.

A tal proposito, ha sottolineato che, secondo le valutazioni, il movimento libanese possiede decine di migliaia di questi ordigni e anche la capacità di svilupparli in termini di quantità e qualità, senza che l'esercito israeliano possa scoprire le piattaforme di questi proiettili.

Ha anche ricordato che la tecnologia è a disposizione di Hezbollah e questo lo aiuterà sempre più a sviluppare il proprio potenziale.

Tra l'altro, è stato menzionato l'ultimo scontro tra le forze israeliane e palestinesi nella Striscia di Gaza, dal 10 al 21 maggio, ed è stato ribadito che “questo scenario rischia di ripetersi, in caso di conflitto con Hezbollah, e che Israele non sarà mai in grado di far fronte al gran numero di missili di precisione, lanciati [dal movimento libanese] da più postazioni e piattaforme sotterranee” .

Dall'ultima guerra di Israele contro il Libano nel 2006, la capacità deterrente di Hezbollah è notevolmente aumentata, come  hanno ammesso le autorità israeliane .

Di fronte a uno scenario del genere, diversi funzionari del regime hanno espresso il loro timore per lo scoppio di una nuova guerra con il Libano e hanno chiesto al regime di Tel Aviv di porre fine all'escalation delle tensioni con Hezbollah e altri movimenti di Resistenza, poiché, in caso di guerra, città come Tel Aviv e Haifa, all'interno dei territori palestinesi occupati, potrebbero affrontare una grandinata di proiettili.

Sulla stessa linea, un rapporto preparato dall'esperto israeliano in affari militari Eli Bar-On, ha ricordtao che il "massiccio arsenale" di Hezbollah è composto da "170.000 tra razzi e missili", avvertendo che il movimento libanese "può lanciare fino a 4.000 missili al giorno". 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti