Francia, Corte suprema: Lafarge deve essere indagata per crimini contro l'umanità in Siria

Francia, Corte suprema: Lafarge deve essere indagata per crimini contro l'umanità in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Corte di Cassazione in Francia ha invalidato l'annullamento del procedimento contro il produttore di cemento Lafarge per “complicità in crimini contro l'umanità” in Siria deciso dalla Corte d'Appello di Parigi nel settembre 2019.

Si tratta di una nuova svolta avvenuta oggi e riportata dai media francesi in merito all'inchiesta sulle attività dell'impresa cementiera Lafarge in Siria fino al 2015.

La Corte di Cassazione, infatti, ha invalidato la decisione resa dalla Corte d'Appello di Parigi nel settembre 2019 che aveva annullato la sua atto d'accusa per "complicità in crimini contro l'umanità". Inoltre, la Corte di Cassazione ha annullato anche la decisione della Corte d'Appello, mantenendo l'imputazione del produttore di cemento per aver "messo in pericolo la vita di altri". Secondo questa decisione, la camera inquirente dovrà quindi riesaminare queste due questioni. Inoltre, il gruppo è ancora perseguito per "finanziamento del terrorismo" e "violazione di un embargo". Nell'ambito dell'indagine giudiziaria aperta nel 2017 e a seguito delle denunce di diverse associazioni nonché del ministero dell'Economia francese, otto dirigenti Lafarge erano stati incriminati per "finanziamento di una società terroristica".

Lo stato francese al corrente?

Lafarge è sospettata di aver pagato, tra il 2011 e il 2015, oltre 12 milioni di euro a gruppi armati in Siria, incluso l'ISIS-Daesh, per poter continuare a gestire il suo cementificio Jalabiya nonostante la guerra. Nel dicembre 2017, l'associazione Sherpa, che aveva sporto denuncia contro il gruppo, ha accusato Lafarge di aver cercato di sabotare prove sfruttabili nell'ambito delle indagini. "I computer [sono stati] formattati per impedire al sistema giudiziario di funzionare", si denunciò all'epoca. Infine, nel 2018, dopo aver avuto accesso a diversi verbali dell'audizione del direttore della sicurezza del produttore di cemento Lafarge, Liberation ha rivelato che tra il 2012 e il 2014 il Quai d'Orsay e l'Eliseo avevano partecipato a discussioni strategiche relative all'invio di soldati alla fabbrica Lafarge in Siria, allora occupata dai combattenti del Daesh.

Secondo un'inchiesta del quotidiano pubblicata nel luglio 2021 , una nota della DGSE nell'estate del 2014 confermava che Daesh aveva appena autorizzato il produttore di cemento "a riprendere le attività commerciali" nel nord del Paese, a seguito di un accordo su "prezzo fisso e variabile per tonnellata trasportata".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia