Geopolitica dell'energia: le conseguenze del coinvolgimento dell'Iran nel conflitto israelo-palestinese

Geopolitica dell'energia: le conseguenze del coinvolgimento dell'Iran nel conflitto israelo-palestinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Anche se Israele non è un paese produttore di petrolio e non esistono importanti infrastrutture petrolifere internazionali vicino alla Striscia di Gaza o al sud di Israele, è noto il detto che "Mosè condusse gli ebrei nell'unico posto in tutto il Medio Oriente dove non c'è petrolio". Tuttavia, lo scoppio di conflitti nella regione ha comunque implicazioni sulla stabilità del mercato petrolifero globale. Questo a causa di due principali motivi: in primo luogo, i mercati energetici globali reagiscono negativamente alle turbolenze in Medio Oriente, poiché la regione contribuisce a circa un terzo della produzione mondiale di petrolio. Quindi, le azioni militari in Israele e nei territori palestinesi hanno aggiunto stress a un'economia e a un sistema finanziario globali già in difficoltà. L'effetto iniziale è stato moderato e gli investitori sono preoccupati per altre questioni altrettanto urgenti. Tuttavia, se le azioni militari si protraggono o si intensificano, l'impatto sui mercati potrebbe essere enorme - e questo vale non solo per il prezzo del petrolio, che è evidente a tutti.

Un esempio lo troviamo nella Guerra del Giorno del Giudizio (Yom Kippur) del 1973, l'evento geopolitico più sconvolgente per l'economia mondiale e i mercati finanziari dell'intero dopoguerra. La principale conseguenza del successivo scontro arabo-israeliano fu l'aumento del prezzo del petrolio di due volte e mezzo a causa dell'embargo imposto dai Paesi OPEC sulla fornitura di oro nero ai Paesi che sostenevano Israele. La crisi petrolifera che ne derivò ebbe conseguenze di vasta portata non solo in quel momento, ma stabilì anche le tendenze per molti decenni a venire.

Soprattutto, attualmente i mercati energetici globali riflettono la forte preoccupazione per il potenziale coinvolgimento dell'Iran nel conflitto. È possibile che i prezzi aumentino "non tanto perché il conflitto incide attualmente sulla fornitura di petrolio, ma per il timore che il conflitto possa attrarre altri attori come l'Iran, che ha sostenuto Hamas", ha affermato l'esperto Andy Lipow. capo del Dipartimento di Energia presso la società di consulenza Lipow Oil Associates. 

L’amministrazione Biden si trova messa sotto pressione da parte del Congresso affinché adotti misure drastiche contro Teheran. "Questi attacchi rafforzano la necessità di una politica più aggressiva" nei confronti dell'Iran e dei suoi governanti, ha insistito sabato scorso il senatore Jim Risch, il massimo repubblicano della commissione per le relazioni estere del Senato.

Il ruolo chiave dell'Iran nei mercati energetici

L'Iran ha fatto un significativo ritorno nei mercati petroliferi globali nell'ultimo anno, con una produzione e un'esportazione in forte crescita. Secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia (International Energy Agency), nei primi otto mesi del 2023, la produzione di petrolio greggio iraniano è aumentata di 600.000 barili al giorno, rappresentando la seconda fonte più grande di aumento dell'offerta globale del 2023, subito dopo gli Stati Uniti. Nel mese di agosto, la produzione iraniana ha raggiunto 3,14 milioni di barili al giorno, il livello più alto dal 2018, quando l'amministrazione Trump abbandonò l'accordo nucleare iraniano, noto formalmente come il Piano congiunto globale d'azione (Joint Comprehensive Plan of Action - JCPA), e ripristinò le sanzioni statunitensi sul petrolio iraniano. Le esportazioni di petrolio grezzo dell'Iran sono aumentate fino a 1,9 milioni di barili al giorno, secondo Kepler, l'80% dei quali destinato alla Cina.

Le misure di Trump avevano ridotto la produzione e le esportazioni di petrolio iraniano ai minimi degli ultimi 30 anni. Ma dal 2022, l'amministrazione Biden ha fatto finta di non vedere le proprie sanzioni e ha accantonato alcune misure volte a impedire le spedizioni di petrolio iraniano. La riduzione della pressione statunitense è stata effettuata per agevolare le trattative che hanno portato al rilascio di cinque cittadini USA detenuti in Iran e, soprattutto, per aumentare la liquidità del mercato petrolifero globale in un contesto di guerra in Ucraina e sanzioni sul petrolio russo.

Coinvolgimento dell'Iran nel conflitto contro Israele

L'eventuale coinvolgimento dell'Iran nell'attacco di Hamas contro Israele potrebbe spingere gli Stati Uniti a reintrodurre le proprie sanzioni contro Teheran, riducendo significativamente le sue esportazioni di petrolio. Questo potrebbe far salire i prezzi del petrolio a 100 dollari al barile o oltre, alimentando l'inflazione e complicando ulteriormente gli sforzi delle banche centrali per controllarla. Tuttavia, va notato che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti dispongono di significative capacità di produzione di petrolio e potrebbero aumentare la loro produzione se lo desiderassero.

Stretto di Hormuz

I mercati energetici globali temono anche che il coinvolgimento potenziale dell'Iran possa scatenare instabilità nello Stretto di Hormuz, il punto di passaggio energetico più importante al mondo. Ogni giorno, un quinto dell'offerta globale di petrolio e un quarto del commercio globale di gas naturale liquefatto (GNL) passano attraverso questa via marittima tra Oman e l'Iran.

Qualsiasi interruzione del transito, anche solo per pochi giorni, avrebbe conseguenze significative sui prezzi globali del petrolio e del gas. Allo stesso modo, sarebbero rilevanti le ripercussioni di atti di sabotaggio contro le infrastrutture petrolifere e del gas nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa. Anche se al momento non sono necessariamente tangibili, questi rischi per la sicurezza devono essere attentamente valutati e gestiti dai governi, a partire da quelli europei. 

Il parere degli esperti

Gli esperti sottolineano che l'Iran, con il suo ruolo chiave nei mercati energetici globali e la sua crescente produzione di petrolio, è un attore critico nella dinamica dei prezzi del petrolio. Il coinvolgimento potenziale dell'Iran nel conflitto israelo-palestinese potrebbe destabilizzare ulteriormente il mercato del petrolio, innescando un aumento dei prezzi e incertezza economica. Va notato che i paesi importatori e gli investitori reagiscono alle aspettative di aumento dei prezzi, il che potrebbe intensificare l'andamento dei mercati energetici globali.

Inoltre, il timore di perturbazioni nello Stretto di Hormuz è una preoccupazione concreta per i mercati energetici. Qualsiasi interferenza o instabilità in questa chiave via di transito potrebbe avere un impatto significativo sull'offerta globale di petrolio e gas, con conseguenze dirette sui prezzi. Pertanto, le implicazioni del coinvolgimento potenziale dell'Iran nel conflitto israelo-palestinese vanno ben oltre il piano geopolitico.

Israele e Palestina non sono diretti fornitori di petrolio, ma si trovano in una regione in cui i problemi energetici possono emergere rapidamente. Secondo il russo Dmitry Zhuravlev, direttore generale dell'Istituto per i Problemi Regionali e politologo, il conflitto in corso nel Medio Oriente ha già provocato un aumento dei costi di trasporto. Questo è dovuto principalmente all'innalzamento automatico delle tariffe assicurative durante le situazioni di conflitto. Zhuravlev afferma ad aif.ru: "Indipendentemente dalla distanza tra il campo di battaglia e una piattaforma petrolifera, un conflitto militare porta automaticamente a un aumento delle tariffe assicurative. Il Regno Unito è il principale assicuratore di trasporti marittimi al mondo, e ciò influenza fino all'80% delle tariffe”.

Un altro motivo del rialzo dei prezzi è legato alle aspettative. Zhuravlev sottolinea: "L'economia moderna è basata sulle aspettative. Quando le persone si aspettano che il prezzo delle merci aumenti, le acquistano in modo aggressivo. Questo aumento della domanda è alla base dell'aumento effettivo dei prezzi. Nel caso attuale, la guerra ha creato aspettative di aumento dei prezzi, spingendo molte persone a comprare future di petrolio e gas, anche se non intendono effettivamente riceverli. Questo comportamento contribuirà ad aumentare ulteriormente i prezzi”.

Come abbiamo visto, l’Iran gioca un ruolo chiave come uno dei principali hub mondiali per petrolio e gas. I timori riguardo al coinvolgimento dell'Iran nel conflitto hanno già portato all'incremento dei prezzi delle risorse energetiche.

Igor Yushkov, analista russo del Fondo per la Sicurezza Energetica Nazionale, avverte: "Se si verificasse un conflitto diretto tra Israele e l'Iran, ci aspettiamo una riduzione delle esportazioni di petrolio iraniano, che in gran parte sono dirette in Cina. Negli ultimi anni, la produzione e l'esportazione di petrolio iraniano sono cresciute. Pertanto, qualsiasi interruzione avrebbe un impatto significativo sul mercato. Anche ora stiamo già assistendo a una carenza. Anche una piccola interruzione delle forniture potrebbe spingere i prezzi al rialzo e colpire tutte le nazioni consumatrici”.

Nonostante queste preoccupazioni, Yushkov ritiene che non dovremmo aspettarci una ripetizione della crisi energetica del 1973. Durante quella crisi, i paesi arabi interruppero le forniture di petrolio a nazioni che avevano supportato Israele nella guerra, tra cui gli Stati Uniti, l'Europa e il Giappone. "Oggi, sembra improbabile che ciò accada, alla luce della consolidazione dei paesi arabi. Se il conflitto si dovesse intensificare, potrebbe colpire i produttori di petrolio, riducendo le esportazioni, ma per ora sembra che le limitazioni interessino soprattutto il mercato del gas. Recentemente, Israele ha sospeso la produzione di gas per la società Chevron, e già prima la domanda di gas in Europa era elevata, con prezzi che superavano i 100 dollari per 1.000 metri cubi. Pertanto, potenzialmente, il settore petrolifero è più vulnerabile, ma finora le limitazioni riguardano il mercato del gas”.

Conclusioni

In conclusione, il coinvolgimento potenziale dell'Iran nel conflitto israelo-palestinese rappresenta una variabile critica per l'equilibrio dei mercati energetici globali. L'Iran, con la sua significativa produzione di petrolio e gas, gioca un ruolo fondamentale nel panorama energetico mondiale, e qualsiasi interruzione delle sue esportazioni potrebbe innescare un aumento dei prezzi delle risorse energetiche.

Questa situazione suscita legittime preoccupazioni, soprattutto per l'Europa, che già ha subito notevoli conseguenze a causa delle sanzioni sulle risorse energetiche a basso costo provenienti dalla Russia. La regione europea è stata messa in ginocchio da tali sanzioni, che hanno inciso pesantemente sull'approvvigionamento di gas naturale e petrolio. Un ulteriore aumento dei prezzi delle risorse energetiche, derivante da un'eventuale escalation del conflitto in Medio Oriente e dall'instabilità nel Mar Arabico, potrebbe rappresentare un colpo ancora più duro per le economie europee già ridotte allo stremo.

In sintesi, l'Europa si trova nuovamente di fronte a un grave rischio, in parte derivante da eventi geopolitici in Medio Oriente, e in parte come conseguenza delle conseguenze delle politiche imperialiste dei cosiddetti ‘alleati’. 

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti