/ Gli ultimi passaggi nella vittoriosa battaglia della Siria per la...

Gli ultimi passaggi nella vittoriosa battaglia della Siria per la Pace e SovranitÓ

 

di Federico Pieraccini - StrategicCulture


Lo scenario in Siria evolve quotidianamente e vede due situazioni strettamente legate l'una all'altra, con il ritiro degli Stati Uniti e le conseguenti ambizioni espansionistiche di Erdogan in Siria, da una parte, e l'acquisizione di Hay'at Tahrir al-Sham (HTS) ad Idlib da parte dell’Esercito arabo siriano (ASA) e dell’aviazione russa per la liberazione del territorio, dall'altra.

Trump ha promesso di distruggere la Turchia economicamente se dovesse attaccare i curdi, rafforzando la sua promessa che Erdogan non prenderà di mira le forze democratiche siriane (SDF) una volta che gli Stati Uniti si ritireranno dalla zona. Una delle accuse più forti fatte contro il ritiro di Trump da parte dei suoi oppositori è che nessuna forza mediorientale si fiderà più degli Stati Uniti se dovessero abbandonare l'SDF al suo destino, cioè al suo annientamento per mano dell'esercito turco e dei suoi 2proxy FSA”.

Questo, tuttavia, non è possibile; non tanto a causa delle minacce economiche di Trump, ma a causa di Damasco e Mosca che sono fortemente contrari a qualsiasi azione militare turca nel nord-est della Siria.

Si tratta di una linea rossa tracciata da Putin e Assad, e il presidente turco probabilmente comprende le conseguenze di eventuali mosse sbagliate. Non è una coincidenza che abbia dichiarato più volte di non avere problemi con i "siriani o fratelli siro-siriani", e ha ripetuto che se l'area sotto la SDF fosse tornata sotto il controllo di Damasco, la Turchia non avrebbe avuto bisogno di intervenire in Siria. La richiesta di Trump che Ankara abbia una zona cuscinetto di 20 chilometri che separi le forze curde e turche sembra completare il desiderio di Damasco e Mosca di evitare uno scontro tra le forze armate turche (TAF) e l'SDF.

L'unico partito che sembra segretamente tifare per uno scontro tra la SDF e le forze turche è Israele, che critica Ankara e canta le lodi della SDF, al fine di cercare di accentuare le tensioni tra le due parti, anche se naturalmente senza successo. Le continue incursioni di Israele in Siria, anche se quasi costantemente fallimentari a causa della difesa aerea siriana, e la politica del dividi et impera contro la Turchia e la SDF, mostrano che Tel Aviv è ora indebolita e per lo più irrilevante nel conflitto siriano.

In Idlib, la situazione sembra essere sempre meno complicata e difficile da decifrare. La Russia, l'Iran e la Siria avevano chiesto a Erdogan di prendere il controllo della provincia attraverso i loro "jihadisti moderati", sedersi al tavolo dei negoziati e risolvere la questione attraverso una soluzione diplomatica. È successo esattamente il contrario. L'HTS (ex al-Nusra / al-Qaeda in Siria) ha nelle ultime settimane praticamente conquistato l'intera provincia di Idlib, con numerose forze legate alla Turchia (Ahrar al-Sham e Nour al-Din al-Zenki) che si dissolvono e si fondono in loro. Questo sviluppo esercita una pressione ancora maggiore su Erdogan, che probabilmente vedrà la sua influenza su Idlib svanire definitivamente.

Inoltre, questa evoluzione rappresenta un'opportunità unica per Damasco e Mosca per iniziare le operazioni a Idlib con la giustificazione della lotta al terrorismo. È una ripetizione di ciò che è accaduto in altre aree di de-escalation. Mosca e Damasco hanno ripetutamente chiesto che i “moderati” venissero separati dai terroristi, in modo da affrontare la situazione con un negoziato diplomatico.


In assenza di un'efficace divisione dei combattenti, tutti sono considerati terroristi, con l'opzione militare che sostituisce la diplomazia. Questa rimane l'unica opzione fattibile per liberare l'area dai terroristi che non sono disposti a restituire territorio al governo legittimo di Damasco e stanno tenendo ostaggi civili. La provincia di Idlib sembra aver sperimentato lo stesso playbook applicato in altre zone di de-escalation, questa volta con un netto contrasto tra Turchia e Arabia Saudita che mostra come la lotta tra i due paesi sia molto più profonda di quanto sembri. Le ragioni dietro al caso Khashoggi e allo scontro diplomatico tra Qatar e Arabia Saudita sono state messe a nudo nelle azioni dell'HTS di Idlib, che ha preso il controllo di tutte le aree precedentemente detenute dai delegati di Ankara.

Resta da vedere se Mosca e Damasco vorranno incoraggiare Erdogan a recuperare Idlib attraverso i suoi "delegati", cercando di incoraggiare i jihadisti a combattere l'un l'altro il più possibile per alleggerire il compito dell'ASA, o se preferiscono prendere il vantaggio stesso e attaccare in una fase in cui fronte terroristico sta vivendo una confusione interna.

In termini di territori occupati e conti da liquidare, rimangono irrisolte due aree di grande importanza per il futuro della Siria, vale a dire al-Tanf, occupata dalle forze statunitensi al confine tra la Siria e la Giordania, e l'area nel nord della Siria occupata dalle forze turche e i loro delegati FSA.
 
È troppo presto per affrontare militarmente una soluzione, essendo più facile per Damasco e Mosca completare il lavoro per liberare la Siria dai terroristi rimasti. Una volta fatto, la presenza di forze statunitensi o turche in Siria, sia direttamente che indirettamente, diventerebbe ancora più difficile da giustificare. Far scappare gli Stati Uniti e, soprattutto, la Turchia dal territorio siriano sarà il naturale passo successivo nel conflitto siriano. Questo è un segno inequivocabile che la guerra di aggressione contro la Siria sta finendo, e questo può essere osservato con l'apertura di una serie di nuove ambasciate a Damasco. Diversi paesi, tra cui l'Italia nel prossimo futuro, riapriranno le loro ambasciate in Siria a dimostrazione che la guerra, anche se non completamente, è stata vinta efficacemente da Damasco e dai suoi alleati.
 
Per questo motivo, diversi paesi che prima erano contrari a Damasco, come gli Emirati Arabi Uniti, hanno già ripreso una qualche forma di contatto con il governo di Damasco. Se intendono partecipare al processo di ricostruzione e ad ogni investimento futuro, dovranno naturalmente ristabilire relazioni diplomatiche con Damasco. Anche la Lega Araba sta cercando di dare il benvenuto alla Siria. Questi sono segnali che la Siria sta tornando alla normalità, senza dimenticare quali e quanti paesi hanno cospirato e agito direttamente contro i siriani per oltre sette anni. Un invito alla Lega Araba o all'inaugurazione di qualche ambasciata non sarà sufficiente a compensare il danno arrecato negli anni, ma Assad non esclude alcuna opzione, e nel frattempo sta dimostrando agli israeliani, ai sauditi e agli Stati Uniti che la guerra ha fallito e anche i loro alleati più leali riprendono i rapporti diplomatici con Damasco. Un doppio smacco contro i neocon, i wahhabiti ei sionisti.

Traduzione de l'AntiDiplomatico 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa