La Comune di Parigi: la lotta di classe che continua ancora oggi

La Comune di Parigi: la lotta di classe che continua ancora oggi

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Commemorare il centocinquantesimo anniversario della Comune, a che serve? Celebrare l'eroica insurrezione del popolo parigino, rivivere il ricordo di questa magnifica rivolta contro il tradimento nazionale e l'oppressione sociale, sì, certo. Ma a cosa servirà questo eroismo, se non se ne apprende nulla al momento? Il miglior tributo che si può rendere ai Comunardi è vedere la loro storia con chiarezza. È rendere giustizia a questi uomini e donne immolati dal capitale, senza cadere nelle beate scuse facilitate dall'omissione di debolezze e contraddizioni. È rileggere la storia del Comune senza pregiudizi agiografici, inserendola nel campo di una lotta di classe che continua ancora oggi.

Come scrive Lissagaray, il miglior storico della Comune: egli sarebbe "un nemico", che "avrebbe lusingato, costruito false cosiddette leggende rivoluzionarie", sarebbe stato "criminale come il cartografo che, per i combattenti di domani, farebbe carte false".

Alcuni trovano che se ne parli un po' troppo, come François Furet, sommo sacerdote dell'ideologia dominante applicata agli studi storici, per il quale "nessun evento nella nostra storia moderna è stato oggetto di un tale interessamento eccessivo" per la sua brevita '. Ma secondo quale criterio va giudicato l'interessamento a cui è soggetto un evento storico? È una scommessa sicura che Furet abbia il suo e che sia diverso dal nostro.

Difficile anche parlare del Comune senza correre il rischio dell'anacronismo. Anche i suoi contemporanei percepirono l'enigma dietro i soliti punti di riferimento. "Allora cos'è la Comune, questa sfinge così dura per la comprensione borghese?", chiede Marx, un entusiasta sostenitore dell'insurrezione parigina. Rivolta patriottica, certamente. Questo è anche quello che, con il secolarismo, è chiaramente un consenso tra i comunardi. Rivoluzione sociale abbozzata o sognata? Inoltre, ovviamente, e non senza contraddizioni.

Tragedia umana, terribile e grandiosa, il Comune del 1871 fa parte della lunga serie di episodi rivoluzionari che punteggiano la storia del popolo francese. Ma il suo martirio fa anche parte del patrimonio storico dell'emancipazione umana. "La Parigi operaia, con la sua Comune", scrive Marx, "sarà celebrata per sempre come il glorioso baluardo di una nuova società"; e "la memoria dei martiri della Comune è piamente conservata nei grandi cuori della classe operaia". Quindi non richiede solo un gesto commemorativo: ci invita soprattutto a riflettere sulla sua esperienza, a trarre le lezioni politiche dal suo fallimento.

Strano scoppio, in ogni caso, quello di questa rivoluzione parigina. Quando Thiers volle che le truppe si impossessassero dei cannoni di Montmartre il 18 marzo 1871, la reazione spontanea delle Guardie Nazionali fu una reazione patriottica, acuita dalla rabbia provata per mesi contro un governo alla rovina. Rabbia condivisa da una folla dove le donne sono in prima fila e che esortano i soldati a disobbedire ai loro ufficiali.

Chiamati ad aprire il fuoco dal generale Lecomte, hanno messo le chiappe in aria e il tentativo del governo si è trasformato in un fiasco. Questi 171 pezzi di artiglieria sono stati pagati con una sottoscrizione dei parigini e la Guardia Nazionale li considerava proprietà collettiva degli abitanti della capitale.

Per il governo la cattura dei cannoni di Montmartre dovrebbe essere prima di tutto un'operazione simbolica. Fu il disarmo, infine, di questa milizia popolare, la Guardia Nazionale, la cui esistenza era giustificata dalla guerra contro i prussiani, ma che ora rappresentava una minaccia per l'ordine sociale.

Ma il sequestro dei cannoni di Montmartre, contemporaneamente, serviva da pretesto per una resa dei conti con i piantagrane dei quartieri popolari. Si trattava di fare un ampio giro di rete nei circoli rivoluzionari, come l'arresto di Auguste Blanqui effettuato lo stesso giorno nelle province a seguito di una lunga caccia alla polizia. E se mai i proletari armati avessero osato resistere, allora avrebbero ricevuto una buona lezione. Tale era il piano di Thiers, che contava allo stesso tempo sulla stanchezza dei parigini e sull'efficacia della truppa per compiere questa retata mirante a "decapitare l'estrema sinistra, dopo aver decapitalizzato Parigi", secondo la formula del Guillemin.

Questa operazione, sia preventiva che punitiva, questo soffocare sul nascere un centro di infezione rivoluzionaria che esaspera i ricchi, la grande borghesia e l'aristocrazia terriera richiesta al governo. Continuavano a chiederlo, e il prima possibile, a porre fine ai piantagrane che si infiltrano nei battaglioni della Guardia Nazionale e minacciavano la "proprietà".

Questo è ciò che lo stesso Thiers dichiarerà in seguito: "Gli uomini d'affari andavano dappertutto ripetendo: non farai mai transazioni finanziarie se non metti fine a questi furfanti". Il governatore della Banque de France lo ha aveva bombardato di lettere, esortandolo ad agire: “È chiaro; è la repubblica rossa, giacobina e comunista che ha il suo Mont-Aventin a Montmartre. Queste persone conoscono solo una sconfitta, quella della forza ".

Ma fallendo, il colpo di stato del governo del 18 marzo aveva scatenato un'insurrezione ed aperto un cuneo tra Parigi e Versailles. Le barricate si stavano alzando da tutte le parti. I battaglioni popolari della Guardia Nazionale erano in subbuglio. Dalla parte di Thiers e della sua squadra, c'è una fuga precipitosa. Certo, era stato affisso un poster che accusa i "comunisti" di voler "saccheggiare Parigi" e che invita le guardie nazionali borghesi a difendere "le vostre case, le vostre famiglie, le vostre proprietà". Ma questa ulteriore provocazione segnava il destino del governo, screditato definitivamente agli occhi dei parigini.

La causa della rivolta del 18 marzo è stata questa miscela esplosiva: l'indignazione patriottica di un popolo tradito, resa improvvisamente viva dal fallito colpo di stato di un governo capitolante.

Abbandonato da Thiers, Favre e dai loro amici, Parigi si pone quindi come potere di sostituzione. Di fronte alla fuga delle autorità, il comitato centrale della Guardia nazionale rileva l'inanità del potere e decide immediatamente di sostituirlo.

Così va intesa la sua dichiarazione del 19 marzo: "I proletari della capitale, in mezzo al fallimento e ai tradimenti delle classi dirigenti, hanno capito che era giunto il momento per loro di salvare la situazione prendendo in mano la direzione degli affari pubblici ”.

Questo potere, il comitato centrale non lo ha voluto né conquistato. È caduto nelle sue mani, sotto la pressione popolare, grazie alla disfatta del governo. Le prime decisioni del comitato sono la revoca dello stato d'assedio, l'abolizione dei consigli di guerra e l'amnistia per tutti i crimini e reati politici. Ma la rivoluzione non è all'ordine del giorno. Perché il comitato vuole soprattutto la salvaguardia della Repubblica, e sa anche che la legalità della sua azienda è dubbia.

I sindaci dell'arrondissement propongono una mediazione con il governo ritirato a Versailles, e il comitato centrale parteciperà a questi colloqui fino al loro fallimento provocato dall'intransigenza di Thiers, determinato a spegnere il centro della ribellione parigina. Durante queste discussioni sulle sorti della futura Comune, alcuni membri del comitato centrale, riferisce Lissagaray, sono indignati per l'accusa di aver fomentato la rivolta. "Che cosa! Abbiamo osato parlare di insurrezione! Chi aveva scatenato la guerra civile, attaccato? Cosa aveva fatto la Guardia Nazionale se non rispondere a un assalto notturno e riprendersi le armi da loro pagate? Che cosa aveva fatto il Comitato Centrale se non seguire la gente, occupare un municipio abbandonato? "

La rivoluzione del 18 marzo 1871 non ha bisogno di essere costruita una leggenda, e si deve misurare ciò che è realmente accaduto per cercare di capire la sequenza degli eventi. "Che cosa è successo, eccolo", riassume Henri Guillemin: un tentativo di raid tentato da Thiers contro i militanti estremisti e i membri del Comitato Centrale, e all'improvviso, l'incidente, lo strumento di repressione che si rompe, la truppa che entra in insubordinazione; poi si alza la guardia nazionale federata, questa volta per sempre; stupita di quanto sta accadendo, e con questa città lasciata a se stessa, la Guardia Nazionale si riduce a fare affidamento solo sul suo Comitato Centrale per prendere il posto di un'amministrazione in fuga, scomparsa ”.

Nessuna premeditazione, in questo caso, non l'ombra di un complotto rivoluzionario. Se il governo della Comune fosse "il governo della classe operaia", come direbbe Marx, non si può dire che la sua istituzione sia stata covata nell'ombra da chissà quale conduttore sotterraneo. La propaganda di Versailles tenterà di incriminare i militanti dell'Internazionale, ma questa accusa è smentita dai fatti. Leggiamo ancora Henri Guillemin: "Eccola, la verità sul 18 marzo.

Niente che assomigli a una rivoluzione concertata, preparata, portata avanti dal popolo. Un gruppo di uomini in divisa, come delegati sindacali, si ritrovano improvvisamente a capo del Comune, e sono i primi ad essere stupiti. Lie, l'affermazione di Thiers che denuncia alla popolazione questo "comitato occulto" che "vuole formare un governo". Lungi dall'aver fatto il 18 marzo, il Comitato centrale ne ha sofferto piuttosto. Questi soldati di seconda mano che le circostanze vertiginose costringono, innamorati a prima vista, a fare i ministri faranno del loro meglio per avere un bell'aspetto nella professione che non è la loro".

Eppure, la scintilla del 18 marzo ha acceso la polvere. Questa rivoluzione improvvisata ha cambiato improvvisamente le regole del gioco: il comitato centrale della Guardia Nazionale è composto da una ventina di operai, artigiani e commercianti, la maggior parte dei quali completamente sconosciuti, che danno il permesso alla classe politica e prendono il congedo al suo posto.

Immediatamente evacuata dalla scena, questa confraternita di politici il cui sotterfugio deve ancora raccogliere i frutti della rabbia popolare. Il 1871 non è né il 1830 né il 1848! La solita etichetta dell'evento rivoluzionario, il suo dirottamento fraudolento da parte dei professionisti del parlamentarismo borghese, questa volta è finita! Dal momento della sua inaugurazione, il 18 marzo, è stato questo processo a segnalare la radicale novità del Comune. Né l'assemblea reazionaria eletta l'8 febbraio, né il governo capitolare di Adolphe Thiers, né gli avvocati repubblicani esperti di ripresa politica confischeranno il potere e sottometteranno Parigi, questo è il messaggio.

Ora colpisce che questo potere che le spetta inaspettatamente, questo potere che il Comitato centrale si impadronisce di default, pensa solo a consegnarlo ai futuri funzionari eletti del Comune. Perché ciò che questi rivoluzionari in uniforme vogliono prima, ciò su cui sono tutti d'accordo, sono le concessioni municipali e la conservazione della Repubblica.

Alcuni saranno sorpresi da questa rivoluzione che organizza elezioni locali invece di piombare su Versailles e chiamare la provincia all'insurrezione. Brutta prova. Secondo quanto riferito, i battaglioni popolari della Guardia Nazionale furono fatti a pezzi dall'esercito governativo, per non parlare delle truppe prussiane che occuparono Parigi occidentale.

Nel comitato centrale, una minoranza voleva iniziare la resa dei conti. Avrà luogo più tardi, il 3 aprile, e sarà un disastro militare. Molto prima del 18 marzo, le apprensioni dei futuri comunardi non sono mancate per questa resa dei conti tanto voluta dalle forze conservatrici. Perché non è affatto sicuro che stia lavorando a vantaggio dei veri repubblicani, e padre Duchesne li avverte: “Vogliono spingerci alla guerra civile; attenzione patrioti! Stiamo cercando di coinvolgerti, f ... ancora una volta nei guai ”.

Lo spettro dei giorni del giugno 1848 incombe su Parigi, e i comunardi sanno bene che la classe dirigente, che tiene al guinzaglio la massa della popolazione rurale, non esiterà a infliggere punizioni esemplari a coloro che hanno osato sfidare l'autorità di il governo e mettere in pericolo l'ordine sociale. Non l'hanno letto, ma sanno che lei pensa, come la monarchica Louis Veuillot, che "è l'ultimo mascalzone che regna sulla capitale" e che "nessun accordo è possibile". O, come il generale Du Barail, che Parigi è afflitta da "una di quelle malattie che devi curare con queste pillole chiamate palle di cannone".

Imperdonabile, questa arroganza del popolo che ha voluto resistere ai prussiani, e che oggi pretende di dettare legge nella capitale, per non parlare di chi sogna una società più giusta ed è pronto per i peggiori eccessi che minacciano la sacrosanta proprietà privata . Sì, imperdonabile. E durante i suoi 72 giorni di esistenza, fino al suo definitivo schiacciamento sotto il fuoco di una soldataglia brutalizzata dall'oppio del popolo, la Comune non conoscerà un giorno di tregua.

 

Bibliografia essenziale:

Prosper-Olivier Lissagaray, Storia del comune del 1871, François Maspero, 1982.

Jacques Rougerie, La Commune de 1871, PUF, 2014.

Henri Guillemin, The Advent of M. Thiers, and Reflections on the Commune, Gallimard, 1971.

Karl Marx, La guerra civile in Francia, 1871.

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti