La pressione degli USA e l'inerzia della UE non hanno lasciato altra scelta all'Iran, se non la rappresaglia

La pressione degli USA e l'inerzia della UE non hanno lasciato altra scelta all'Iran, se non la rappresaglia

Il sequestro di petroliere di proprietà britannica nello Stretto di Hormuz è il segnale che la pazienza iraniana si è esaurita, a causa dell'inerzia europea dopo oltre un anno dal il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare, secondo alcuni analisti.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Prima di maggio, l'Iran ha esercitato estrema moderazione nonostante le sanzioni statunitensi e la sua frustrazione per il fallimento dell'Europa nel compensare le perdite causate, ha affermato Hamed Mousavi, professore di scienze politiche all'Università di Teheran.
 
Alla fine, la pazienza dell'Iran si è esaurita, ma non prima che gli Stati Uniti "si accertassero che l'Iran avesse pochissime opzioni rimanenti".
 
"Per un anno Teheran non stava facendo nulla ed è rimasto fedele all'accordo sul nucleare alla lettera nella speranza che gli europei arrivassero con una forma di meccanismo ... che avrebbe permesso all'Iran di eludere le sanzioni statunitensi", ha aggiunto Mousavi.
 
Rifiutandosi di trattenersi ancora, l'Iran vuole inviare un chiaro segnale al Regno Unito, "ma soprattutto agli americani,"che Teheran ha "i mezzi e il potere di rispondere alle pressioni e alle aggressioni". Le azioni dell'Iran sono anche un risposta al rafforzamento militare degli Stati Uniti alla sua porta di casa in Medio Oriente, ha precisato il docente iraniano.
 
Il giornalista iraniano e esperto in Medio Oriente Abbas Aslani ha concordato che il ritiro degli Stati Uniti è stato ciò che ha scatenato la crisi insieme alla "inazione degli europei".
 
Gli Stati Uniti potrebbero piegare i muscoli militari nel Golfo Persico, ma probabilmente non vedranno l'ora di impigliarsi in una grande guerra con l'Iran, specialmente con le elezioni presidenziali americane che si avvicinano. In parte, è perché l'Iran ha convinto gli Stati Uniti che non sarebbe mai stata una guerra breve e vittoriosa.
 
"Quello che potrebbe essere, secondo lui [presidente degli Stati Uniti Donald Trump] un attacco breve e rapido contro il paese, ma l'Iran si è assicurato attraverso i canali che ha che non accadrà una guerra rapida se gli americani attaccano il paese".
 
Invece, gli Stati Uniti starebbero guardando a una lunga campagna che potrebbe vedere l'Iran attaccare le sue basi militari e gli interessi nella regione, il tipo di tormentone che può costare a Trump la sua rielezione.
 
Questa può essere una guerra totale nella regione, che sarà molto sanguinosa e costosa.
 
Ieri l'Iran ha sequestrato due navi operanti a comando britannico nello stato di Hormuz, una delle quali è stata rilasciata dopo aver ricevuto segnalazioni di avvertimenti relativi a questioni di sicurezza e ambientali.
 
L'altra nave, la Stena Impero, è ancora in custodia iraniana dopo essere stata accusata di violazioni marittime. L'Iran ha affermato che la petroliera ha spento il suo dispositivo di localizzazione e ha ignorato gli avvertimenti prima del sequestro. Il Regno Unito ha denunciato l'incidente come "inaccettabile", ma ha detto che spera di risolverlo attraverso la diplomazia.
 
'Il Regno Unito ha avuto la possibilità di fermare la crisi'
 
È "una scommessa sicura" che le navi siano state sequestrate per rappresaglia al comportamento del Regno Unito, ha detto a RT Kevin Afrasiabi, ex consigliere della squadra di negoziatori nucleari iraniani. Afrasiabi sostiene che il governo britannico avrebbe potuto facilmente evitare di infiammare la situazione di stallo con l'Iran se avesse rilasciato la petroliera iraniana sequestrata due settimane fa, quindi "insinuandosi follemente nella crisi tra Iran e Washington".
 
Invece di porre fine alla crisi, il Regno Unito "ha deciso di continuare a  i guerriglieri di Washington aiutando un embargo illegale di petrolio imposto unilateralmente all'Iran dagli Stati Uniti" e militarizzando il Golfo.
 
All'inizio di questa settimana, è stato rivelato che una terza grande nave da guerra del Regno Unito partirà per il Golfo Persico a metà settembre. Il Regno Unito ha già una nave da guerra permanentemente di stanza nel corso d'acqua, e un'altra sta navigando verso il Golfo per darle il cambio.
Londra "pensa che possa semplicemente calpestare i diritti delle nazioni del terzo mondo con impunità e aspettarsi che l'altra parte ci si sdrai e si muoia", ha detto Afrasiabi - ma che " non accadrà con l'Iran".  D'altra parte, se il Regno Unito fa un passo indietro e libera la petroliera, l'ex consigliere ritiene che l'Iran ricambierà.
 

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti