/ Mosca: "La posizione dell'Occidente sulle armi chimiche in Siria ...

Mosca: "La posizione dell'Occidente sulle armi chimiche in Siria è sull'orlo della copertura del terrorismo"

 

La Russia presenterà al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite la sua posizione in merito all'azione da intraprendere sulla missione OPCW in Siria dopo che sarà presentata la relazione sull'attività dell'agenzia in merito all'uso di armi chimiche nel paese arabo.


La posizione dei paesi occidentali nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull'utilizzo di armi chimiche in Siria "è all'orlo della copertura dei terroristi", si legge in una dichiarazione pubblicata dal ministero degli Esteri russo.
 
Nel documento si legge che  negli ultimi anni "tutti i tentativi russi per ottenere una reazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro i crimini di terroristi con le armi chimiche sono stati sempre bloccati dalla troika occidentale [ il Regno Unito, gli Stati Uniti e la Francia]. "
 

"L'insolenza ha superato il limite"
 
Mosca ha anche aggiunto che "l'insolenza" delle dichiarazioni di diversi paesi occidentali dopo il veto russo della risoluzione delle Nazioni Unite sul mandato della missione dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) in Siria, "ha superato ogni limite".
 
Il ministero russo ha affermato, infatti: "non ci importa come si esprimano per distorcere la nostra posizione". Tuttavia, è necessario "ricordare loro ciò che è accettabile negli affari internazionali su cosa è meglio astenersi".
 

"Seguire le regole"
 
Il ministero degli Esteri russo ha indicato che, in particolare, l'addetto stampa della Casa Bianca, Sarah Sanders, "è giunta nelle sue dichiarazioni a dire che Mosca 'approva l'uso di armi chimiche da parte del regime di [presidente siriano Bashar] Assad contro le donne e bambini innocenti ". Il ministero russo ha anche ricordato che l'ambasciatore statunitense Nikki Haley, all'ONU, precedentemente, ha dichiarato che la Russia "ha nuovamente preso le difese di dittatori e terroristi che utilizzano armi chimiche".

 
Con questo, Mosca ha invitato i partner nordamericani a "rispettare almeno le regole minime". "Alla Casa Bianca e il Dipartimento di Stato non riesce di capire che non siamo contro l'estensione del mandato della missione della OPCW, ma contro una decisione affrettata sulla questione senza prendere in considerazione la relazione sull'attività di questo meccanismo per un anno", ha sottolineato il ministero degli Esteri russo.
 
Il ministro russo ha affermato che "sarebbe non professionale e irresponsabile se, a seguito dei desideri degli Stati Uniti, si prendesse una decisione a lungo termine senza pensarci o comprendere la situazione".
 

Aumentare la pressione
 
La Russia presenterà al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in breve tempo, "considerazioni concreti sulle misure da adottare", dopo aver ricevuto la relazione sulla missione OPCW in Siria. Mosca ha sottolineato che ciò significa "con azioni e non con parole, garantendo la vera indipendenza, obiettività e professionalità" nelle indagini sui reati perpetrati con l'uso di sostanze tossiche.
 
Il comunicato rileva che l'uso del sarin nella città siriana di Jan Sheijun lo scorso aprile e gli eventi successivi hanno esposto "i problemi seri" delle missioni OPCW raccogliendo prove e promuovendo l'inchiesta. Secondo le stime di Mosca, i partner occidentali sono "totalmente in accordo" con lo stato di cose. Il loro obiettivo "non è quello di determinare la verità, ma di approfittare di strutture specializzate internazionali per aumentare la pressione su Damasco", ha concluso il ministro degli Esteri russo.
Fonte: http://www.mid.ru
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa