/ Nicaragua, Venezuela e Iran. Lo schema di "regime change" di Trum...

Nicaragua, Venezuela e Iran. Lo schema di "regime change" di Trump č identico a quello di Soros

 



Ad ascoltare Donald Trump e i suoi sostenitori, il magnate miliardario degli hedge fund George Soros sarebbe il perno dello “stato profondo” che finanziava e dirigeva operazioni di "cambio di regime" in tutto il mondo e Trump colui che ha bloccato tutto questo. Nulla di più falso per il noto esperto di questioni internazionali Wesley Madsen nel suo ultimo articolo su the Strategic Culture. L’amministrazione Usa, infatti, è sempre impegnata ad utilizzare alcune delle entità preferite di Soros, come il National Endowment for Democracy (NED), per installare governi filoamericani in Nicaragua, Venezuela e altri paesi. E’ quanto scrive nel suo ultimo articolo per the Strategic Culture.


Il NED, sostiene Madsen, è impegnato in questo momento nel tentativo di rovesciare i governi socialisti del Venezuela e del Nicaragua. Questi sforzi hanno recentemente ricevuto una spinta con la vittoria in Colombia di Duque, il quale ha incontrato il senatore repubblicano della Florida, Marco Rubio, “nuovo leader de facto del ramo del Partito Nazionalsocialista del NED, l'International Republican Institute (IRI) dopo che il senatore John McCain è stato emarginato dal cancro al cervello”.

E’ Rubio, prosegue l’analista, che ha invitato Trump a sottoporre nuove sanzioni al governo del Nicaragua, oltre ai divieti di visto USA già imposti da Washington ai funzionari del governo, inclusi i membri delle loro famiglie. Rubio è strettamente legato ai membri dell'opposizione nicaraguense, inclusi molti ricchi uomini d'affari del Nicaragua che mantengono costose case nel sud della Florida e che contribuiscono alle sue campagne elettorali.

L'altro senatore repubblicano che ha assunto la causa anti-sandinista è il Texas Ted Cruz. Nel giugno 2018, sottolinea Madsen, Cruz e Rubio hanno ospitato un gruppo di attivisti della "società civile" di destra nicaraguense a Washington. "La società civile è una famosa frase in codice impiegata dai responsabili politici di Soros in tutto il mondo. Il viaggio dei Nicaraguensi a Washington era stato finanziato dai conti bancari del NED, attraverso il denaro anti-Nicaragua fornito dall'agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), noto cifrario per la Central Intelligence Agency”, prosegue nella sua analisi Madsen.

Dopo aver sottolineato come uno dei maggiori destinatari dell'assistenza anti-sandinista USAID in Nicaragua è l'Istituto per gli studi strategici e le politiche pubbliche (IEEPP) – le cui sue operazioni e la sua struttura a Managua assomigliano al tipico fronte della CIA impiegato nell'oscuro passato dell'America Latina da Langley per distruggere i sistemi e le economie politiche – Madsen scrive come se, da un lato, Trump e i suoi sostituti di estrema destra si scagliano contro l'influenza di Soros sulla scena internazionale; dall’altro, semplicemente fanno lo stesso.
A prova di questo c’è il fatto che il complemento delle azioni di Trump per rovesciare il governo di Daniel Ortega in Nicaragua, è proprio Global Witness finanziato da Soros. “Il gruppo con sede a Londra e Washington ha avviato una campagna di lotta civile tra gli indigeni Miskito della regione autonoma dei Caraibi del Nord. I provocatori del NED e del Testimone Globale stanno cercando di convincere i Miskitos, bersagli di un'analoga manipolazione da parte della CIA durante la guerra civile degli anni '80 contro i Led, che il governo di Ortega si oppone ai diritti degli indigeni, quando è vero l'esatto opposto.”

L'amministrazione di Soros - Trump sta coordinando gli sforzi per finanziare gruppi nicaraguensi antigovernativi nel settore pubblico, sindacati, gruppi di studenti, organizzazioni religiosi e media. Lo stesso scenario è stato messo in atto da Soros e Trump in Venezuela, dove l'opposizione politica, attraverso il denaro dei gruppi finanziati da NED e Soros, ha quasi paralizzato il sistema politico e l'economia del Venezuela.

Trump ha mentito sulla sua opposizione all'invasione e all'occupazione dell'Iraq da parte di George W. Bush. Vuole fare, conclude Madsen, la stessa cosa contro il Venezuela. Secondo un rapporto della Associated Press del 4 luglio 2018 a Bogotà, in Colombia, nell'agosto 2017, Trump, in una discussione dell'ufficio ovale con il segretario di stato Rex Tillerson e il consigliere per la sicurezza nazionale, il tenente generale HR McMaster, sull'aumento delle sanzioni sul Venezuela, ha chiesto al due consiglieri perché gli Stati Uniti non potevano invadere il Venezuela e rovesciare il suo presidente, Nicolas Maduro.

“I sostenitori di Trump nella comunità di estrema destra amano sostenere che Trump stia combattendo contro un "stato profondo" americano, nebuloso e amorfo, che cerca di cambiare i governi stranieri. Ora, queste stesse forze di estrema destra chiedono apertamente un "cambio di regime" in Iran. Tra i loro eroi c'è l'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani e l'ex presidente della Camera Newt Gingrich, che hanno recentemente affrontato una riunione dell'organizzazione cult terroristica anti-iraniana, Mohajedin-e-Khalq (MEK), alla loro riunione annuale a Parigi. Un altro sostenitore del MEK, John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, sta conducendo gli sforzi di Trump per i regime change in paesi di tutto il mondo, incluso l'Iran. Il 7 dicembre 2016, il presidente eletto Trump ha pronunciato un discorso in North Carolina dove ha esposto la sua politica estera. Ha dichiarato: "Smetteremo di correre per rovesciare regimi stranieri di cui non sappiamo nulla, con cui non dovremmo essere coinvolti." Le parole di Trump, insieme alla sua altra retorica, erano e restano vuote come la sua integrità personale e l'etica. Ma sono musica per le orecchie dello "stato profondo" dell'intelligence militare-industriale che Trump afferma di detestare.”
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa