/ Non si ferma la mobilitazione popolare a Porto Rico contro il gov...

Non si ferma la mobilitazione popolare a Porto Rico contro il governatore

 
 

La mobilitazione popolare contro il governatore di Porto Rico, Ricardo Rosselló, non si ferma, questo venerdì le proteste hanno raggiunto la vecchia San Juan, sede dell'Esecutivo, via mare con moto d'acqua, camion e persino a cavallo.

 

La settima manifestazione contro Rosselló, ha assunto un tono più festoso in relazione al mercoledì quando la manifestazione convocata dagli artisti si era conclusa con scontri e repressione da parte delle forze di sicurezza dell'isola.

 

Centinaia di persone hanno partecipato alla mobilitazione chiamata dai sindacati che hanno marciato dall'ingresso della Vecchia San Juan, il centro storico della capitale, fino alla residenza del governatore.

 

Tra i sindacati che hanno invitato alla mobilitazione c'erano l'Unione dei lavoratori dell'industria elettrica e dell'irrigazione (UTIER), la Coordinazione Sindacale, l'Unione dei lavoratori dell'industria elettrica e dell'irrigazione, l'Associazione portoricana dei professori universitari e i lavoratori centrali portoricani, tra gli altri.

 

Con lo slogan "Ricky, dimettiti, sei licenziato", i manifestanti, i lavoratori e i giovani hanno approfittato dell'occasione per chiedere miglioramenti del lavoro, misure per riattivare l'economia dell'isola caraibica.

 

L'Associazione degli avvocati di Porto Rico ha rilasciato una dichiarazione in cui ritiene che vi siano motivi per iniziare un processo di licenziamento del governatore per la sua partecipazione a una controversa chat.

 

Anche i vescovi cattolici chiedono le dimissioni di Rosselló.

 

Il rigetto dei portoricani verso il governatore Ricardo Rosselló si è manifestato dopo che il Centre for Investigative Journalism ha rivelato 889 pagine di chat ‘Telegram’ tra funzionari governativi, che contengono espressioni sessiste, offensive e omofobiche, inviate tra la fine del 2018 e il passato 20 gennaio.

 

Un altro motivo per chiedere le dimissioni è lo scandalo sulla deviazione di oltre 15 milioni di dollari per l'istruzione e la sanità. 

Fonte: teleSUR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa