Non solo guerra di dazi. La Fed inserisce Deutsche Bank nella lista delle banche disastrate

Non solo guerra di dazi. La Fed inserisce Deutsche Bank nella lista delle banche disastrate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Non solo dazi. L'attacco della nuova amministrazione americana contro la Germania è anche e soprattutto finanziaria. Con la Federal Reserve statunitense che ha definito, secondo quanto riporta oggi il WSJ, «problematiche» le condizioni delle attività negli Usa di Deutsche Bank, prosegue il momento terribile del colosso finanziario europeo. Il titolo in rapido calo sotto la soglia dei 10 euro -  Deutsche Bank a Francoforte è arrivato a perdere più del 5,3% e ha aggiornato al ribasso i minimi storici - è pericolosamente vicino agli 8 834 EUR del settembre 2016 quando la speculazione aveva scommesso sul fatto che la Germania sarebbe stata costretta a salvare dalla bancarotta la prima banca europea.


 
Come riporta il WSJ, il downgrade della Fed è avvenuto "segretamente" circa un anno fa, e non è stato reso pubblico fino ad oggi. Lo stato di "condizione problematica", una delle designazioni più basse utilizzate dalla Fed, è stato assegnato alla banca per ridurre l'assunzione di rischi in aree come il commercio e il prestito ai clienti. Negli Stati Uniti il sistema di rating delle banche è chiamato "CAMELS", che indica l’adeguatezza patrimoniale, qualità delle attività, gestione, guadagni, liquidità e sensibilità al rischio di mercato. Il punteggio di prima linea di una banca, da 1 a 5, tiene conto di tutte queste categorie. La valutazione migliore è "1". Le banche in difficoltà sono classificate come "4" o "5". I punteggi non sono resi pubblici.
 
La designazione della Fed significa che la banca ha dovuto e dovrà chiarire le decisioni sull'assunzione e sul licenziamento degli alti funzionari statunitensi. I manager in altre parole sono sorveglianti della Fed. Anche la riassegnazione delle mansioni lavorative e il pagamento delle indennità per alcuni dipendenti richiedono l'approvazione della Fed, hanno proseguito le fonti del WSJ.
 
Commentando la decisione della Fed, una portavoce della Deutsche Bank ha detto che la banca non discute di "specifici feedback normativi" e ha aggiunto che la banca "è molto ben capitalizzata e ha riserve di liquidità significative". Ha anche osservato che in precedenza abbiamo indicato che i nostri regolatori hanno identificato diverse aree di miglioramento relative al nostro ambiente di controllo e alle infrastrutture. Siamo molto concentrati sull'affrontare le debolezze nei nostri Stati Uniti.” Lo riporta il Sole 24 Ore che sottolinea anche come l’azione punitiva ha pesato nelle relazioni di DB “con gli altri regolatori come la Federal Deposit Insurance Corp (che in Usa garantisce i depositi bancari).
 
Le attività Usa di Deutsche Bank fallirono gli stress test della Fed nel 2015 e nel 2016. Nel 2017 la Fed ha compiuto azioni sulla banca per via di una carenza dei controlli sul trading di valute, sul riciclaggio di denaro e nel rispetto della cosiddetta Volcker-rule. Il gruppo ha inoltre pagato miliardi di dollari per patteggiare con la Giustizia Usa.
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti