Petro contro Israele: "Questo si chiama genocidio e ricorda l'Olocausto"

Petro contro Israele: "Questo si chiama genocidio e ricorda l'Olocausto"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo il nuovo attacco di Israele contro la Striscia di Gaza dove sono state uccise almeno 100 persone che cercavano aiuti umanitari, il governo colombiano ha alzato il tono dei suoi dardi contro lo Stato ebraico e ha annunciato la sospensione di un'importante linea di collaborazione.

Il presidente Gustavo Petro ha annunciato, tramite il suo account X, che il Paese sudamericano smetterà di acquistare armi da Israele e ha ribadito che Benjamin Netanyahu sta commettendo un "genocidio".

"Chiedendo cibo, più di 100 palestinesi sono stati uccisi da Netanyahu. Questo si chiama genocidio e ricorda l'Olocausto, anche se le potenze mondiali non amano riconoscerlo. Il mondo deve bloccare Netanyahu. La Colombia sospende tutti gli acquisti di armi da Israele", ha dichiarato Petro.

Questa dichiarazione arriva 24 ore dopo che il Ministero degli Esteri ha convocato l'ambasciatore israeliano in Colombia, Gali Dagan, per un "commento sarcastico in riferimento agli affari interni colombiani" che ha fatto sul suo account X il 12 febbraio. In esso veniva nominato Luis Carlos Reyes, direttore del DIAN.

"Spero che tu (Reyes) non stia riscuotendo le tasse, come fai a raccogliere informazioni su un conflitto a migliaia di chilometri di distanza dal regime fiscale colombiano", ha risposto il diplomatico a un tweet di Reyes in cui menzionava il conflitto israelo-palestinese.

Inoltre, l'ambasciatore della Colombia in Israele, Margarita Manjarrez, è stata richiamata per consultazioni dalla Casa de Nariño (residenza presidenziale colombiana) più di un mese fa dopo che lo scontro diplomatico tra i due Paesi ha preso slancio per le frecciate reciproche tra Petro e Netanyahu.

Quali armi vengono acquistate da Israele?

L'elenco delle attrezzature di sicurezza che la Colombia riceve da Israele è lungo, poiché uno dei fattori chiave delle relazioni tra i due Paesi è stata la cooperazione militare. Entrambi gli eserciti hanno svolto numerose esercitazioni per rafforzare le tecniche di combattimento e antiterrorismo, ma, cosa ancora più importante, la Colombia ha acquistato dall'industria militare israeliana una parte significativa delle attrezzature militari con cui ha equipaggiato le proprie forze armate.

Secondo i dati del Centro per l'istruzione militare e l'industria militare colombiana (Indumil), l'esercito, la polizia e il CTI della Procura Generale utilizzano diverse armi prodotte dall'industria bellica israeliana (IWI), tra cui la pistola semiautomatica Jericho, il fucile X95 e i fucili Galil. In alcuni dei suoi veicoli ed elicotteri, l'esercito utilizza anche i missili anticarro Nimrod e Spike. Nel 2023, la Colombia ha anche deciso di acquistare diverse unità del sistema di cannoni semoventi Atmos.

Anche la Forza Aerospaziale Colombiana (FAC) ha diversi fucili israeliani nel suo inventario. Il pezzo più importante, tuttavia, è la flotta di 24 aerei da combattimento Kfir che la Colombia ha acquisito negli anni Novanta. Questi aerei non sono più in uso in Israele o negli Stati Uniti e il governo sta pianificando l'acquisto di una nuova flotta.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti