Putin e Maduro non hanno discusso delle basi russe in Venezuela

Putin e Maduro non hanno discusso delle basi russe in Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nella giornata di ieri c’è stato un incontro telefonico tra il presidente della Russia Vladimir Putin e il suo omologo venezuelano Nicolas Maduro. I due leader hanno confermato la vicinanza tra i due paesi, entrambi vittima del bullismo imperialista fatto di minacce e sanzioni. 

Il presidente russo Putin ha espresso sostegno incondizionato agli sforzi delle autorità venezuelane per rafforzare la sovranità del paese sudamericano. 

I presidenti non hanno toccato il tema riguardante lo schieramento di armi e truppe russe nel paese latinoamericano, come ipotizzato da alcune speculazioni di stampa. 

La questione non era all’ordine del giorno, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

"No, la questione non è stata specificamente toccata, il tema non è stato affrontato. Nel complesso, la cooperazione bilaterale russo-venezuelana è molto sfaccettata e basata sul partenariato. Gli aspetti più diversi di questa interazione sono stati discussi ieri durante la conversazione", ha detto Peskov ai giornalisti.

Il ministero degli Esteri russo aveva in precedenza affermato di non avrebbe escludere a priori il dispiegamento di forze russe in Venezuela e Cuba, mentre le tensioni con Washington peggiorano sull'Ucraina e la considerevole attività minacciosa della NATO nei pressi del territorio russo aumenta. Mosca ha notato, tuttavia, che la possibilità di un tale dispiegamento dipende dalla risposta di Washington alle sue proposte di garanzia di sicurezza.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo