Relatrice ONU: le Sanzioni USA violano i diritti fondamentali del popolo siriano

Relatrice ONU: le Sanzioni USA violano i diritti fondamentali del popolo siriano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La relatrice speciale delle Nazioni Unite (ONU) sulle ripercussioni negative delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei diritti umani, Alena Douhan, ha denunciato, ieri, che le sanzioni unilaterali imposte dagli Stati Uniti ai sensi del cosiddetto 'Caesar Act' violano i diritti fondamentali del popolo siriano.

Ha definito le sanzioni unilaterali come le più estese mai applicate contro il paese arabo devastato da dieci anni di conflitto in corso, e ha affermato che costituiscono "un trattamento crudele, inumano o degradante" dei civili siriani.

Con i nuovi blocchi imposti dal Caesar Act, entrato in vigore lo scorso giugno, gli Stati Uniti possono congelare i beni di qualsiasi società straniera che aiuti a ricostruire la Siria e persino gli operatori umanitari che distribuiscono aiuti umanitari al civili.

L'esperta ha criticato l'amministrazione statunitense uscente, presieduta da Donald Trump, per aver affermato che le sanzioni non avevano lo scopo di danneggiare la popolazione siriana, sebbene, secondo Douhan, "privino il popolo siriano dell'opportunità di ricostruire le proprie infrastrutture di base". .

L'imposizione di embarghi, ha proseguito, è preoccupante in un momento in cui il Paese arabo sta subendo gli impatti del COVID-19, e “espone il popolo siriano a un rischio maggiore di subire violazioni dei diritti. umani."

Le sanzioni violano il diritto del popolo siriano "alla casa, alla salute e ad un adeguato tenore di vita e di sviluppo", poiché ostacolano "la ricostruzione degli ospedali e portano alla mancanza di cure mediche minaccia il diritto stesso alla vita dei l'intera popolazione ”.

La relatrice Speciale delle Nazioni Unite ha inoltre accusato il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti di aver designato la Banca Centrale della Siria come sospetta di riciclaggio di denaro e ha denunciato che la misura crea ostacoli inutili nel trattamento degli aiuti esteri siriani e nella gestione delle importazioni umanitarie.

Douhan ha concluso chiedendo a Washington di revocare le sanzioni unilaterali sulla Siria e facilitare l'ingresso di aiuti umanitari e materiali da costruzione necessari in questo paese , il che potrebbe facilitare il ritorno degli sfollati mentre le infrastrutture vengono riparate.

Damasco sta già combattendo su due fronti contro i tentativi di minare la sua sovranità, vale a dire: il terrorismo e la pressione economica degli Stati occidentali.

Le autorità siriane continuano ad avvertire sulle sofferenze del loro popolo, assicurando che l'imposizione di embarghi sia un crimine di guerra.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai