/ Secondo referendum sulla Brexit? Non in mio nome

Secondo referendum sulla Brexit? Non in mio nome

 

La testimonianza di uno studente socialista iscritto al Labour Party



Morning Star
 

Studio Spagnolo e Portoghese all'università. Parlo francese.

 

Nel mio cuore, sento una connessione profonda e significativa con l'Europa. Sono cresciuto con i valori di tolleranza e multiculturalismo, eppure ora sono rassegnato al fatto che la Gran Bretagna deve lasciare l'Unione Europea.

 

Ci sono molte cose che amo dell'Unione Europea, dalla libera circolazione delle persone alla stretta cooperazione con i nostri vicini continentali.

 

Eppure mi sono sempre visto come un po' euroscettico, lamentando la natura burocratica, neoliberista e non democratica dell'organizzazione.

 

Sebbene la mia preferenza sarebbe stata senza dubbio quella di rimanere e cercare riforme all'interno delle strutture dell’unione, ho riconosciuto che l'opportunità per questa ipotesi è svanita.

 

Mentre un secondo referendum potrebbe inizialmente sembrare la soluzione più desiderabile ai disordini politici in cui noi come nazione ci siamo trovati, rovesciare la volontà democratica del popolo britannico e optare per rimanere avrebbe un impatto disastroso sulla politica e sulla società britanniche per una generazione.

 

L'affermazione "Non voterò mai più" è stata più volte espressa dai membri dell'elettorato, sia al tempo del Question Time, che su una vasta gamma di piattaforme di notizie o con altri mezzi, in risposta a quello che viene visto come un tradimento della democrazia, visto che il Il governo conservatore non ha realizzato la Brexit come promesso.

 

Nel frattempo abbiamo assistito a un'impennata nell'estrema destra che sarebbe stata amplificata solo da un secondo referendum. In effetti, potremmo presto trovarci in una situazione in cui gente come Tommy Robinson e Nigel Farage non solo occupano posti, ma anche influenzano significativamente in quel di Westminster.

 

Un primo ministro di estrema destra di questo paese è già arrivato nella persona di Boris Johnson e il suo gabinetto è composto dai più illusi Brexiteer.

 

Dato che un numero crescente di elettori si sente privo di diritto di voto, non è solo la rabbia che Westminster deve temere, ma anche l’apatia.

 

Secondo me non avremmo mai dovuto realizzare un referendum. L'intero esercizio consisteva nel fatto che David Cameron metteva il partito prima del paese, mentre cercava di guadagnare qualche posto in più placando quelli di destra che chiedevano di andarsene.

 

Tale era la sua arroganza, non ha mai considerato la possibilità che la Gran Bretagna potesse effettivamente votare per uscire dall'Unione Europea.

Avendo posto il paese nella sua più grande crisi in tempo di pace, si è dimesso.

 

Certo, la vita non è troppo difficile per Cameron ora mentre prende il sole nella sua nuova vasca idromassaggio e cade in piedi con una posizione redditizia nel mondo delle corporation.

 

E per quanto non mi piaccia Theresa May, Farage, Jacob Rees-Mogg, Johnson e altri, è lui il più risentito, e da una certa distanza.

 

Sono stufo a morte degli sciocchi ingannevoli dietro la campagna Brexit e sono annoiato dalle lacrime per la natura santissima della campagna Remain.

 

Odio tutta la retorica attorno alle due campagne, che contemporaneamente affermano di rappresentare le masse. Non lo fanno.

 

Molti di coloro che hanno votato per il Leave hanno indubbiamente indotto in errore la nazione e l'hanno portata al punto di crisi, mentre quelli che stanno dietro la campagna per un "voto popolare" rappresentano una combinazione dell'establishment e dei migliori bigotti autorevoli dell'élite, specializzati in nel patrocinare la classe lavoratrice mentre spingono per dare loro "un'altra possibilità" per prendere la decisione giusta.

 

La Brexit è sempre stata un problema che ha diviso la nazione a metà. L'idea continuamente spinta da entrambe queste campagne, secondo cui ogni individuo nella nostra nazione diversa ed eclettica si trova fermamente dietro le posizioni polarizzate, di una Brexit sul bordo della scogliera o di ribaltare il risultato del referendum, manca di sfumature ed è una ridicola generalizzazione.

 

In effetti, mi sento in una maggioranza silenziosa: quelli che vogliono solo tornare alla vera politica.

 

Molte persone sono stufi del dibattito sulla Brexit che ruba le luci della ribalta dalle brucianti ingiustizie nella nostra società.

 

Odiano il fatto che la Brexit abbia assorbito lo spazio per un vero discorso politico sulle questioni che contano davvero nella nostra società e preferirebbero discutere del futuro del nostro servizio sanitario o di idee nuove ed eccitanti, ad esempio il reddito di base universale.

 

Ecco perché, da giovane che avrebbe votato per rimanere, dico di no, non voglio dire la mia in un secondo referendum.

 

Hector Gibbs è uno studente del King's College di Londra, un orgoglioso socialista e membro del Partito Laburista.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa