Siria e Fatto Quotidiano: Vescovo di Aleppo, 'mezze verita'' e 'mezzi giornalisti'

Siria e Fatto Quotidiano: Vescovo di Aleppo, 'mezze verita'' e 'mezzi giornalisti'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il Fatto Quotidiano e la politica estera, un cocktail spesso pericoloso e sempre fuorviante per chi cerca informazioni dal mondo.



L'ultimo esempio è un articolo di tal Andrea Valdambrini dal titolo 'il Monsignore di Aleppo testimone di mezze verità'. Nell'articolo si commentano le affermazioni di Padre Tobij, vescovo maronita di Aleppo e aleppino di nascita, in Italia nei giorni scorsi a raccontare la situazione della città.

Al vescovo che denuncia l'assedio dei terroristi che dura da 5 anni, mentre in occidente si continua a scambiare impunemente i carnefici con le vittime; 
al vescovo che denuncia che quelli che in occidente chiamiamo impunemente ribelli "moderati" utilizzano in realtà le stesse teniche di Al-Qaeda:
al vescovo che denuncia come le sanzioni economiche dell'Unione Europea, le criminali sanzioni dell'Unione Europea, uccidano più delle bombe e dei colpi di mortai:
al vescovo di Aleppo e aleppino di nascita che racconta quello che era la Siria, paese esempio di Welfare e convivenza religiosa, e quello che è oggi per una guerra per procura;

Alle parole del vescovo maronita di Aleppo e aleppino di nascita, il signor Valdambrini, dall'alto della sua nota superiorità morale, utilizza il termine "mezze verità".

E scrive: "Dice di voler parlare della vita quotidiana della 'sua' città". La parola Sua è virgolettata, anche se Padre Tobij è nato realmente ad Aleppo, per buona pace del Valdambrini.

Quale arroganza da parte del giornale che non passa giorno in cui non vuole confermare l'appellativo di peggior giornale in politica estera in Italia. Quale superbia da chi accetta come "verità" le bufale che da anni sulla Siria vengono filtrate all'opinione pubblica dal famigerato "Osservatorio siriano dei diritti umani", con sede a Londra e finanziamenti accertati da parte di agenzie del governo britannico. Quale tristezza, profonda tristezza per un giornale che si conferma ogni articolo di più dalla parte sbagliata della storia.


Alessandro Bianchi

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti