Ucraina, dietro la narrazione dell'invasione russa colossali affari del complesso militare-industriale occidentale

Ucraina, dietro la narrazione dell'invasione russa colossali affari del complesso militare-industriale occidentale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da qualche settimana assistiamo a un fenomeno abbastanza curioso: da una parte vediamo il governo degli Stati Uniti, taluni vassalli NATO e i media mainstream occidentali battere forte la grancassa della guerra in Ucraina, denunciando ossessivamente un’imminente invasione russa dell’Ucraina. Dall’altra parte il governo russo ha reiteratamente negato di avere piani di invasione e che le trattative con USA e NATO sono esclusivamente rivolte alla richieste di garanzie di sicurezza che Mosca pretende dai paesi occidentali. Quindi fermare l’avanzata verso est dell’alleanza atlantica e che armamenti occidentali non siano schierati a ridosso dei confini russi. Negli ultimi giorni è poi arrivato lo stesso governo ucraino, ieri lo ha ribadito il presidente Zelensky, ad affermare non ci sia alcun segnale di una imminente invasione russa. 

Invece il presidente statunitense Biden ha nuovamente alzato i toni affermando che presto nuove truppe statunitensi saranno schierate in Europa orientale e che l’invasione russa dell’Ucraina sarà drammatica per Kiev.

Qualcosa non torna e questa narrazione fa pensare che dietro certa retorica bellica ci siano ben altri interessi rispetto alla difesa della democrazia o i diritti umani. Temi che rappresentano sempre le foglie di fico dietro cui gli Stati Uniti nascondono le proprie avventure belliche di norma hanno tutt’altri scopi. Gli esempi sarebbero tanti ed è ormai inutile anche ripeterli. 

Dal 2014, i soli Stati Uniti hanno fornito alle Forze armate dell'Ucraina (AFU) armi e assistenza militare per un importo di oltre 2,7 miliardi di dollari, di cui oltre 650 milioni di dollari nel 202. Washington rileva separatamente che l'equipaggiamento fornito dai paesi occidentali è esclusivamente di natura difensiva e consente di scoraggiare l'aggressore, che secondo la narrazione statunitense e occidentale si chiama Mosca. 

Ecco il punto della questione. Dietro la retorica della difesa della democrazia in Ucraina ci sono i colossali affari del complesso militare-industriale statunitense, come ben evidenzia Lenta. L’entità degli armamenti forniti a Kiev dall’occidente è impressionante.  

Lanciagranate d'assalto

Come parte dell'ultimo lotto di assistenza militare annunciato, gli Stati Uniti hanno trasferito all'Ucraina circa 200 lanciagranate a mano M141 Bunker Defeat Munition (BDM), progettati per distruggere obiettivi protetti a breve distanza. L'M141 BDM è un lanciatore a colpo singolo dotato di un razzo non guidato da 83 mm in grado di penetrare fortificazioni di cemento e barriere di terra.

Il fucile d'assalto M141 BDM è un derivato del lanciagranate Mk 153 Shoulder-Launched Multipurpose Assault Weapon (SMAW) e utilizza un proiettile a frammentazione altamente esplosivo con una portata effettiva fino a 250 metri. In termini di capacità, l'M141 BDM assomiglia a una versione moderna dell'obsoleto lanciagranate anticarro portatile M72 Light Anti-Tank (LAW). Dovrebbe essere utilizzato nei combattimenti urbani contro veicoli corazzati, nonché per tendere imboscate sulle strade utilizzate dai veicoli di rifornimento e supporto.

Sistemi missilistici anticarro

Dal 2018, l'Ucraina ha ricevuto circa 150 lanciatori ricaricabili di sistemi missilistici anticarro portatili FGM-148 Javelin (ATGM) e circa 1.200 missili. Il raggio di tiro effettivo è fino a 2,5 chilometri. Un missile con una testa di riferimento a infrarossi è in grado di penetrare un'armatura omogenea arrotolata fino a 800 millimetri di spessore.

Secondo alcuni esperti, i sistemi anticarro FGM-148 Javelin in quantità fornite all'Ucraina non sono in grado di incidere seriamente sulla situazione in caso di un conflitto con la Russia. In particolare, il presidente della Fondazione Potomac, Philip Karber, è sicuro che i sistemi anticarro a disposizione di Kiev non potranno bastare a contenere la situazione sulla linea di contatto.

Missili guidati anticarro

L'assistenza militare britannica comprende circa duemila missili guidati anticarro (ATGM) portatili di nuova generazione (NLAW) sviluppati in Svezia, che, in termini di capacità, occupano una posizione intermedia tra i lanciagranate a mano e gli ATGM.

Gli ATGM NLAW sono in grado di colpire bersagli leggermente corazzati dall'alto e di operare a basse temperature. A differenza degli ATGM Javelin FGM-148, i lanciatori ATGM NLAW non possono essere ricaricati. Possono colpire bersagli a una distanza compresa tra 20 e 600 metri.

Sistemi missilistici antiaerei

A gennaio , l'amministrazione Biden ha consentito a Estonia, Lituania e Lettonia di fornire all'Ucraina i sistemi di difesa aerea portatili FIM-92 Stinger (MANPADS), progettati per distruggere bersagli aerei a bassa quota. La portata massima di MANPADS è di 8 chilometri, l'altezza è di 4 chilometri.

Secondo l'editorialista di The Drive Joseph Trevithick, i FIM-92 Stinger MANPADS non saranno in grado di risolvere il problema principale di Kiev: la protezione contro un possibile massiccio attacco aereo dalla Russia, mentre la fornitura di sistemi di difesa aerea MIM-104 Patriot a Kiev è irta di difficoltà organizzative e legali, in particolare, richiederebbero la presenza dell'esercito statunitense in Ucraina. Trevithick è fiducioso che gli Stati Uniti potrebbero aiutare l'Ucraina a ottenere i sistemi di difesa aerea sovietici (ADS) da paesi terzi, che Kiev, se necessario, è in grado di portare da sola in uno stato pronto al combattimento.

Droni

Attualmente, le forze aeree e navali dell'Ucraina hanno sei veicoli aerei senza pilota (UAV) tattici operativi turchi Bayraktar TB2. Secondo Bloomberg, in realtà, la Turchia potrebbe vendere decine di UAV all'Ucraina.

La velocità di crociera del Bayraktar TB2 è di 130 chilometri orari, la portata massima di volo è di 80 chilometri e l'altitudine massima è di 8 chilometri. Durata della batteria: fino a 27 ore. L'UAV è dotato di un sistema di sensori modulare ed è in grado di trasportare fino a quattro proiettili ad alta precisione.

Il Bayraktar TB2 viene utilizzato dall'Ucraina per monitorare la situazione nella regione del Mar Nero e nelle aree di confine con le autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, per prendere di mira i missili del sistema missilistico costiero ZhK-360MTs Neptune e per distruggere bersagli di superficie e di terra.

Dopo il conflitto in Nagorno-Karabakh, la società canadese Bombardier Recreational Products ha limitato la fornitura di motori Rotax 912 per il Bayraktar TB2. Ankara sta attualmente sviluppando la sua linea di propulsori per UAV, collaborando su questo tema con Kiev. Secondo il capo dell'ufficio del presidente ucraino Andriy Yermak, l'Ucraina ha già avviato la propria produzione di Bayraktar TB2.

Stazioni radar

Secondo l'addetto militare dell'ambasciata ucraina negli Stati Uniti, il colonnello Andriy Ordinovich, il livello di distruzione delle unità ucraine dopo essere state equipaggiate con stazioni radar nordamericane AN / TPQ-53 è diminuito dal 47 al 18 per cento. Le stazioni radar, tra le più avanzate dell'esercito statunitense, possono rilevare bersagli aerei, inclusi piccoli droni, a una distanza fino a 60 chilometri.

L'Ucraina ha anche ricevuto dalla parte statunitensi gli AN / TPQ-36, che sono i più antichi radar controbatteria dell'esercito USA. Questo radar è in grado di rilevare le posizioni di artiglieria e mortaio a una distanza fino a 24 chilometri e di tracciare contemporaneamente circa 100 proiettili nell'aria. In totale, dozzine di radar come AN/TPQ-36 e AN/TPQ-53 possono essere localizzati in Ucraina.

Stazioni radio

Secondo il colonnello ucraino Ivan Pavlenko , nel 2014-2015 la Russia ha disturbato i segnali delle stazioni radio ucraine Motorola operanti nelle gamme di frequenza di 137-180 megahertz e 400-470 megahertz, a seguito della quale Kiev ha dovuto passare a Harris e Prodotti Anselsan nel Donbass.

Secondo i militari, durante il conflitto nel sud-est del paese, l'Ucraina non ha praticamente difficoltà con le comunicazioni satellitari, poiché, come la Russia, utilizza principalmente la banda Ka. Tuttavia, a causa dello spoofing del segnale del Global Positioning System (GPS) nel 2015-2017, Kiev ha perso un centinaio di piccoli droni. Secondo Pavlenko, l'esercito russo è riuscito ad accedere da remoto al suo smartphone almeno due volte e azioni simili sono state intraprese contro altri ucraini.

Motovedette

Il più grande contributo degli Stati Uniti alla Marina ucraina è la fornitura di motovedette di classe Island precedentemente utilizzate dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti. Delle cinque barche previste, quattro sono già state consegnate alla parte ucraina. Ogni motovedetta raggiunge i 34 metri di lunghezza, che è un quarto della lunghezza della fregata Hetman Sahaydachny del progetto 11351 Nerey, l'ammiraglia della Marina ucraina, e ha circa un ventesimo del suo dislocamento.

Nel giugno 2020, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la consegna di 16 motovedette e attrezzature Mark VI all'Ucraina. Secondo il ministro degli Affari Esteri ucraino Dmitry Kuleba, sei barche sono in preparazione per Kiev come parte dell'assistenza militare. Le prime barche del tipo Mark VI, secondo quanto assicurato del capo di Stato Vladimir Zelensky, dovrebbero essere ricevute nel 2022.

È curioso notare che la più vecchia barca del tipo Mark VI, la US Navy, sia stata acquistata sette anni fa. In totale, gli Stati Uniti hanno 12 di queste imbarcazioni, che dovrebbero essere eliminate a causa della loro inutilità contro potenziali avversari e dei costi elevati. Secondo il maggiore generale Tracy King del Corpo dei Marines degli Stati Uniti (MCC), "in scenari di guerra contro nazioni di pari livello come la Russia o la Cina, si pensa che i Mark VI non fossero realmente necessari date le loro piccole dimensioni e la limitata potenza di fuoco dei missili".

Si propone di trasferire i compiti assegnati a imbarcazioni del tipo Mark VI su altre navi della Marina Militare e della Guardia Costiera statunitense. Il risparmio dei fondi di bilancio nordamericani a seguito della disattivazione di queste barche è stimato in 74 milioni di dollari.

Elicotteri

A gennaio, l'amministrazione presidenziale statunitense ha notificato al Congresso l'intenzione di lasciare Kiev con cinque elicotteri Mi-17V-5 in riparazione in Ucraina e originariamente destinati all'Afghanistan. Secondo la guida World Air Forces 2022 pubblicata da FlightGlobal, l'esercito ucraino ha 54 elicotteri Mi-8 e 34 Mi-24 in totale (esclusi gli elicotteri da addestramento). La Marina ucraina dispone di 4 elicotteri Ka-27, 1 elicottero Ka-226 e 4 elicotteri Mi-14.

Fucili

Dal 2015, la Guardia Nazionale dell'Ucraina ha a sua disposizione fucili di precisione Barrett di grosso calibro e granate anticarro a propulsione a razzo DRTG-73. Inoltre, le forze di sicurezza ucraine, in particolare, hanno armi leggere della compagnia americana Desert Tech, inclusi fucili da 12,7 mm.

Secondo l'ex ministro degli Affari Interni dell'Ucraina Arsen Avakov, i fucili Barrett dovrebbero essere usati contro gruppi di sabotaggio e ricognizione e granate DRTG-73 - "per carri armati e veicoli corazzati per il trasporto di personale". È probabile che le armi di Desert Tech possano essere utilizzate nei combattimenti urbani.

Altro equipaggiamento militare

L'elenco dell'equipaggiamento militare, dell'equipaggiamento ausiliario e dell'equipaggiamento che i paesi occidentali hanno fornito o intendono inviare a Kiev non si limita a quanto sopra. In particolare, dal 2014, l'Ucraina ha ricevuto preziose attrezzature mediche, veicoli fuoristrada blindati High Mobility Multipurpose Wheeled Vehicle (HMMWV) e pezzi di ricambio, dispositivi per la visione notturna, kit di pronto soccorso, un laboratorio per l'analisi operativa di sostanze chimiche, equipaggiamento per lo sminamento, equipaggiamento tattico, kit abbigliamento mimetico estivo e invernale, giubbotti antiproiettile ed elmetti in kevlar.

Attualmente, l'Ucraina sta intensificando la cooperazione con la parte occidentale nel campo della difesa informatica. Gli istruttori militari della NATO stanno lavorando attivamente nel paese. Secondo fonti del New York Times, il Pentagono prevede di inviare informazioni in Ucraina, comprese le immagini satellitari dei movimenti delle truppe russe vicino ai confini del Paese. A Kiev, secondo alti funzionari dell'amministrazione Biden, possono utilizzare queste informazioni per lanciare un attacco preventivo.

Le capacità militari del vicino russo non vanno né sottovalutate né sopravvalutate. Secondo lo studio Global Firepower Index 2022, le Forze armate dell'Ucraina occupano l'ottavo posto nella classifica delle forze armate dei paesi europei, seconde solo alle capacità di Russia, Francia, Gran Bretagna, Italia, Turchia, Germania e Spagna in termini di potenza.

Tuttavia, come osserva Carber, oggi l'Ucraina ha un esercito in servizio attivo più grande, meglio addestrato e più esperto rispetto agli ultimi dieci paesi che hanno aderito alla NATO messi insieme. Ossia la Macedonia del Nord, Montenegro, Albania, Croazia, Estonia, Slovenia, Slovacchia, Romania, Lituania, Lettonia e Bulgaria.

Insomma, sembra ben chiaro che dietro l’attuale narrazione russofobica vi siano oltre ai soliti interessi strategici e geopolitici, anche i colossali affari dell’industria bellica nordamericana e occidentale. Armare l’Ucraina contro una fantomatica invasione russa è anzitutto un lucroso affare. 

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO