Un candidato sindaco di Miami: «Il Papa è un rotolo di carta igienica»

Un candidato sindaco di Miami: «Il Papa è un rotolo di carta igienica»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Per i cattolici è un fatto spiritualmente immenso partecipare all'"Angelus", quel momento di preghiera e di parole in onore della Vergine Maria. Il Papa lo esegue ogni domenica a mezzogiorno dalla finestra del suo studio, nel Palazzo Apostolico del Vaticano. La Piazza San Pietro si riempie di credenti provenienti da tutti gli angoli del mondo.

Rare volte però ci sono stati individui che hanno cercato di disturbare un tale atto di fede.

Il 24 ottobre 2021 rimarra' nella storia vaticana e cattolica come il giorno in cui un gruppo di cubani, oppositori della rivoluzione, è quasi riuscito a sabotare questo momento di preghiera e di riflessione cristiana: stavano per occupare la Piazza con il pretesto di denunciare la "dittatura cubana". I servizi di sicurezza italiani e del Vaticano sono riusciti a fermare in tempo l'esecrabile piano.

Come alternativa, si sono sistemati in una strada vicina, Via della Conciliazione, si sono buttati a terra e hanno iniziato a gridare slogan, accompagnati da parole scurrili e insulti. Questo, mentre il Papa parlava e benediceva la folla riunita in piazza.

Questo tipo di "manifestazione" la avevano gia' realizzata qualche ora prima in un'altra strada poco distante. 

Quindi la polizia era allertata sulle loro intenzioni.

A guidare questa azione vergognosa è stato un "blogger", di nazionalità cubana e statunitense, residente a Miami, Alexander Otaola. Poche ore dopo la polizia italiana lo ha espulso.
Da quel momento Papa Francesco si è convertito in un suo nemico, non perdendo occasione per insultarlo nei termini più volgari. Così come insulta e minaccia chiunque non sia di suo gradimento politico.

Logicamente, definisce il Papa "comunista". Ad esempio, nel suo programma del Il 10 luglio 2022 ha affermato: «Tra comunisti si coprono. Tra questi vecchi sfaccendati, si lanciano l'un l'altro la calda coperta elettrica per scaldare quelle artrosi (...)».

Il Papa «è Fidel Castro con la kippah bianca». Lì, come in tanti altri argomenti in cui è necessaria una certa cultura, ha dato prova di grande ignoranza: quello che il Papa porta in testa si chiama "prendisole" o "zucchetto", in italiano. La "kippah" è indossata dagli uomini ebrei.

Il 22 giugno 2023, Otaola affermò: "Francesco è un vecchio che rappresenta la Chiesa cattolica e rappresenta uno Stato (…) Immaginate che questa vecchia merda lo trattano come Sua Santità".

Il 20 luglio 2023, di fronte all'appello del Papa al dialogo tra gli esseri umani, ha detto: "No, signor Papa, non dialogheremo con Satana, ma nemmeno dialogheremo con un falso rappresentante di Dio sulla terra". Per "Satana" intendeva la rivoluzione cubana.

Per poi aggiungere: "Credo che siate voi ad essere molto vicino a questa descrizione di Satana".

Questo individuo si è lanciato come candidato a sindaco di Miami. Da quello che ripete quotidianamente, l'unica offerta che fa agli elettori è di bloccare qualsiasi aiuto al popolo cubano sull'isola e di perseguitare i "comunisti". 

Il 12 gennaio 2024, ha fatto una promessa: il suo primo viaggio da sindaco sarebbe stato in Vaticano: "Dio, il vero Dio, deve darmi la benedizione per fermarmi di fronte a un tale esemplare per dirgli che vigliacco è, che complice del comunismo (...) per questo diventerò sindaco di Miami". E ha continuato: "Mi piacerebbe conoscere le dimensioni del cervello di quest'uomo».

Questo candidato sindaco di Miami può riferirsi al Papa in questo modo perché vive in quella città e in quel Paese, al contrario, sicuramente, in Europa sarebbe già stato multato e persino chiuso il suo programma per aver usato tali termini nei confronti di un'alta autorità ecclesiastica e statale: "Quel vecchio che voi vedete bianco, è perché è un rotolo di carta igienica, è per pulirsi il culo con lui".

(Traduzione di Roberto Casella)

Hernando Calvo Ospina

Hernando Calvo Ospina

Colombiano residente in Francia.  Scrive per diversi media internazionali. Ha pubblicato 14 libri, tutti tradotti in più lingue. Negli ultimi anni ha realizzato diversi documentari.

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti