/ USA, Russia e Cina si contendono il controllo dell'Artico

USA, Russia e Cina si contendono il controllo dell'Artico

 

Negli ultimi anni la concorrenza continua tra Stati Uniti, Russia, Cina e diversi paesi europei per dominare l'Artico si è intensificata.


In un'intervista pubblicata ieri dalla rivista statunitense Foreign Policy, l'analista politico Robbie Gramer ha avvertito sull'aperta ostilità e la concorrenza tra gli Stati Uniti, la Russia, la Cina e diversi paesi europei per dominare l'Artico e sulla crescente militarizzazione di questa regione.
 
"La Russia sta esponenzialmente espandendo la sua presenza militare nell'Artico mentre le tensioni crescono (...) Mosca ha modernizzato e ampliato le sue basi dell'era sovietica", si legge nell'articolo, precisando anche che queste installazioni militari costruite durante l'ex Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) serve come punto di partenza per le armi nucleari.
 
Allo stesso modo, si ricorda che con lo scioglimento del ghiaccio artico a causa del riscaldamento globale, nuove rotte marittime ridurranno drasticamente il tempo necessario per navi dall'Europa all'Asia e viceversa e le autorità russe hanno piani per prendere il controllo di queste nuove rotte marittime.
 
Anche la Cina resta attiva, secondo Gramer, e ha già rivelato piani e ha iniziato a promuovere la sua nuova Via della seta artica attraverso la quale cerca di aumentare la sua influenza e presenza in questa area polare del pianeta, sebbene alcuni dei suoi tentativi di presa in carico della costruzione di infrastrutture in quella regione è stata ostacolata dalle pressioni di Washington e dei suoi alleati.
 
"La Cina ha speso soldi per progetti infrastrutturali ovunque ci siano partner, tra cui Islanda e Groenlandia.
Pechino indica che i suoi progetti sono puramente commerciali, ma Washington e altre nazioni occidentali considerano queste misure come trucchi geopolitici per posizionarsi alle porte dell'Artico", ha scritto l'analista.
 
Mentre la NATO ha lavorato in una certa misura per non essere superata dalla Russia e dalla Cina, ha affermato Gramer, gli Stati Uniti non hanno fatto abbastanza e non hanno nemmeno un gran numero di navi da trasporto addestrate per passare attraverso il terreno difficile dell'Artico.
 
Nello specifico, afferma, la Russia ha 40 navi rompighiaccio mentre la Guardia Costiera USA ha solo due navi di questo tipo che sono molto vecchie e difficili da mantenere operative.
 
L'Artico è un'area di grande importanza per le sue grandi riserve di gas e petrolio, oltre ad essere di grande importanza per Mosca e l'Occidente, specialmente dopo il deterioramento delle relazioni della Russia con gli Stati Uniti e l'Unione Europea negli ultimi anni.
 
Con l'aumento delle tensioni tra le parti, la zona artica è diventata anche un nuovo scenario di rivalità tra i paesi sopra citati che cercano di controllarla.
 
 
Fonte: Foriegn Policy
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa