Venezuela: arriva nel paese petroliera dell'Eni per l'esportazione di petrolio

Venezuela: arriva nel paese petroliera dell'Eni per l'esportazione di petrolio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una petroliera noleggiata per trasportare 650.000 barili di petrolio diluito fornito da PDVSA all'italiana Eni è arrivata nelle acque venezuelane il 10 giugno 2022. 

Il carico sarà il primo ad essere prelevato dall'azienda italiana dopo aver ricevuto a maggio l'autorizzazione del governo statunitense all’esportazione del petrolio venezuelano. 

Questo tipo di operazioni erano state sospese dall'amministrazione dell'allora presidente USA Donald Trump, nell'ambito delle sanzioni imposte a PDVSA dal 2019, che miravano a rimuovere dal potere il presidente venezuelano Nicolás Maduro. 

Il Dipartimento di Stato nordamericano ha rilasciato un'autorizzazione simile alla compagnia petrolifera spagnola Repsol.

L'arrivo nelle acque venezuelane della nave Aframax Minerva Zoe, battente bandiera greca e noleggiata dalla compagnia petrolifera italiana Eni, costituisce la prova necessaria a confermare le voci di un imminente alleggerimento delle sanzioni statunitensi sul Venezuela. Insomma, anche a causa dei problemi energetici derivanti dagli embarghi imposti contro la Russia, l’amministrazione Biden sembra decisa a un graduale smantellamento della politica di "massima pressione" esercitata da Trump sul Paese caraibico, nel vano tentativo di rovesciare la Rivoluzione Bolivariana. 

Non si tratta più solo di dichiarazioni dei portavoce statunitensi. Non si tratta nemmeno di indiscrezioni dei media internazionali, sempre supportati da "fonti anonime". L'arrivo della suddetta nave venerdì scorso è un fatto che non può essere interpretato in molti modi: le compagnie petrolifere europee stanno riprendendo le loro forniture ai terminali venezuelani.

Nonostante i media internazionali, in particolare Reuters e Bloomberg, avessero avvertito di questo alleggerimento delle misure dell'Office of Foreign Assets Control (OFAC), alcuni sottosegretari e portavoce della Casa Bianca continuavano a nascondersi dietro il riconoscimento che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden continua a dare a Juan Guaidó come "presidente incaricato” del Venezuela per evitare le critiche che settori conservatori, sia repubblicani che democratici, lanciano su un'ancora ipotetica svolta nei confronti di Caracas.

Non è un caso che siano le compagnie petrolifere europee a rompere il blocco che si è inasprito nel 2019 contro il Venezuela, come evidenzia RT. La crisi energetica causata dal conflitto in Ucraina ha portato il Vecchio Continente, i cui paesi pagano il prezzo maggiore, a chiedere agli Stati Uniti di alleviare la "sensazione di insicurezza" che circonda la scarsità e gli alti prezzi del petrolio, motivo per cui hanno bisogno di nuove fonti di approvvigionamento. E Washington ha accolto la richiesta europea.

Secondo il sociologo e analista politico venezuelano Ociel Alì Lopez, professore presso la Universidad Central de Venezuela, non è causale che sia proprio l’italiana Eni la prima a riprendere le importazioni di petrolio venezuelano. «Il governo italiano è stato uno dei pochi in Occidente a non inchinarsi alla narrativa statunitense quando cercava di implementare il ‘governo parallelo’”. 

La nave dovrebbe caricare 650.000 barili di greggio diluito presso il terminale del complesso petrolchimico e industriale General José Antonio Anzoátegui nei prossimi giorni.

Siamo davanti a un evento cruciale per il Venezuela. Per Caracas era già previsto un ritorno alla crescita economica dopo anni di inenarrabili sofferenze imposte dagli Stati Uniti, ma adesso con la prova concreta della rottura "legale" dell'assedio il Venezuela torna a essere un’opzione concreta l'acquisto di carburante e le relazioni commerciali. 

Se l'Europa è d'accordo, l'America Latina la seguirà presto. Questo si nota già nei discorsi molto più equilibrati degli attuali presidenti della regione, anche di quelli facenti parte dell’ormai naufragato Gruppo di Lima, una coalizione di governi che voleva intervenire in vari modi in Venezuela per rovesciare violentemente il suo governo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti