ALBA LATINA/Coronavirus: con il sistema Patria il Venezuela ha adottato un mo...

Coronavirus: con il sistema Patria il Venezuela ha adottato un modello virtuoso come la Corea del Sud

 


Mision Verdad
 

La crisi globale generata da Covid-19 è diventato uno scenario di lotta tra modelli politici e sociali.

 

Dopo un trimestre dall'apparizione dei primi casi, la pandemia del 21° secolo ha messo in luce la fragilità dei paesi che hanno abbracciato la tesi neoliberista e la forza di quelli che hanno dato priorità alla posizione dello Stato e all'uso della tecnologia per organizzare la società di fronte a una contingenza inaspettata e pericolosa.

 

Sin dai primi due casi diagnosticati clinicamente, il Venezuela ha applicato drastiche misure di protezione che aderiscono a modelli di successo conosciuti e applicati in Cina e in altri paesi asiatici, anch'essi approvati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Ma oltre a importare misure e ricorrere a esperti di altri paesi, il Venezuela si affida al proprio sistema di protezione popolare e collettiva, fondato negli anni del governo di Hugo Chávez e approfondito negli anni della leadership di Nicolás Maduro.



 

Test e chiamate di emergenza

 

L'ultimo rapporto pubblico colloca la Corea del Sud vicino ai 9 mila infetti da Covid-19, essendo il nono paese al mondo con il maggior numero di casi rilevati, dietro Francia, Spagna, Italia o Stati Uniti, dove si trovano i principali focolai della pandemia sul fronte occidentale.

 

Sebbene la cifra stessa possa sembrare terrificante nel caso della Corea del Sud, il numero di vittime che Covid-19 ha provocato nel paese cambia questo aspetto immediato. A differenza dell'Italia, dove sono già morte oltre 5 mila persone, nel Paese asiatico le morti ammontano a sole 104.



 

La relazione tra i casi rilevati, l'aumento della curva di contagio e le vittime fatali (oltre al tasso di recupero dei pazienti), è uno dei principali tasti per analizzare l'evoluzione della pandemia, individuarne la letalità e prendere misure solide per fermare la sua espansione.

 

Per questo motivo, esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno elogiato la severa quarantena applicata dalla Cina nella regione di Wuhan a metà gennaio per fermare la diffusione del virus.

 

I portavoce dell'organismo internazionale hanno intensificato le loro richieste di allarme mentre la pandemia si espande: “Non date per scontato che la vostra comunità non sarà colpita (...) Ci sono molte cose che tutti i paesi possono fare. Misure di allontanamento fisico, come la cancellazione di eventi sportivi, concerti e altre grandi riunioni, possono aiutare a ritardare la trasmissione del virus. Possono ridurre l'onere per il sistema sanitario”.

 

E possono aiutare a rendere gestibili le epidemie, consentendo misure specifiche e mirate. Ma per sopprimere e controllare le epidemie, i paesi devono isolare, testare, trattare e rintracciare. In caso contrario, le catene di trasmissione potrebbero continuare a un livello basso, ha detto il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom qualche giorno fa.

 

Insieme alla quarantena, l'OMS raccomanda di eseguire il maggior numero possibile di test per determinare, con la massima precisione possibile, il numero di pazienti infetti. Con queste informazioni, i sistemi sanitari possono essere meglio preparati e le misure di allontanamento fisico diventano più efficaci nel bloccare le infezioni.

 

L'Occidente guarda altrove

 

I paesi che hanno ascoltato queste raccomandazioni e che hanno implementato alternative per definire in modo più realistico la curva di trasmissione possono essere contati sulle dita di una mano.

 

Nei paesi centrali dell’Occidente, la creazione di quarantene rigorose è in ritardo e i sistemi sanitari sono crollati e affondati.

 

Questa iniziale sottovalutazione degli effetti di Covid-19 da parte delle élite dirigenti (e irresponsabili) in questi paesi ha contribuito al caos e alla diffusione del virus su scala catastrofica.

 

Tuttavia, l'applicazione dell'austerità come programma politico-economico su larga scala aggiunge un'ulteriore complicazione a un quadro già travolgente: i test sono scarsi a causa della mancanza di investimenti per svilupparli rapidamente come richiesto, o a causa dello smantellamento dell'industria manifatturiera e sanitaria, mentre le restrizioni alla mobilità ostacolano l'applicazione dei test negli ospedali.

 

In particolare, i governi occidentali stanno cercando di controllare una pandemia bendati e con le mani legate dietro la schiena non avendo informazioni su come agire efficacemente nella diffusione incontrollata delle infezioni.

 

Secondo Expansión, che cita il Financial Times di Londra: "Gli esperti medici consultati dal giornale britannico avvertono che in molti paesi ci sono strozzature tra la domanda e l'offerta di test perché tutti vogliono che il test rilevi Covid -19, ma non ci sono a sufficienza. Gli esperti sottolineano che il rallentamento dei sistemi sanitari nel rilevare i pazienti infetti ha paralizzato la visibilità della diffusione del coronavirus e probabilmente ridotto le possibilità di contenerlo”.

 

Qualche giorno fa, l'OMS ha rafforzato la sua richiesta in tal senso. In particolare, il direttore Tedros Adhanom ha indicato: “Dobbiamo eseguire test su ogni persona che nota i sintomi di Covid-19 in modo che, se è positiva, possiamo isolarla immediatamente (...) Anche i casi più lievi dovrebbero essere messi in isolamento. Il portavoce ha aggiunto: "Abbiamo un semplice messaggio per tutti i paesi: test, test, test, (senza prove) i casi non possono essere isolati e la catena di infezione non verrà rotta".

 

Queste raccomandazioni contrastano con l'azione fatale del governo degli Stati Uniti, che ha effettuato 32.000 test su una popolazione di oltre 300 milioni. Lo stesso vale per il Regno Unito o la Spagna, dove i test contano alcune migliaia di persone, in attesa che vengano acquistate forniture in un mercato internazionale stressato dalla domanda crescente o che l'industria manifatturiera produca il kit e altre forniture di base per il trattamento di Covid-19.

 

Quando ciò si verifica, la curva di contagio cresce, così come le morti tra la cecità sull'entità della pandemia e il disorientamento sulle misure da adottare.

 

Il caso della Corea del Sud

 

Proprio come hanno sorpreso gli alti tassi di mortalità in Italia, anche il caso della Corea del Sud lo ha fatto, ma per ragioni diametralmente opposte: nel paese asiatico, la mortalità per Covid-19 è di circa l'1%.

 

Con lo slogan "Bali, Bali" (che tradotto significa "Veloce, veloce"), il sistema sanitario sudcoreano ha combinato una strategia di confinamento e diagnosi parallela, dopo che il primo caso di Covid-19 nella città di Daegu è diveuto noto il 20 di gennaio.

 

A metà febbraio, sono stati avviati test su 10.000 persone al giorno, per un totale di 240.000 diagnosticati in un mese e mezzo, una cifra importante in contrasto con la popolazione totale del paese: 50 milioni di persone. L'applicazione di questi test ha permesso al governo di delimitare le aree in cui si trovano l'86% delle persone infette (Daegu e North Gyeongsang) e, di conseguenza, adottare le misure appropriate per evitare il contagio.

 

Hwang Seung-sik, epidemiologo e professore alla Seoul National University, afferma che con questi test di massa "siamo riusciti a ridurre il tasso di nuovi casi confermati a meno di 100 al giorno. È un grande risultato”.

 

Il sistema applicato dalla Corea del Sud consiste nello schierare personale medico su strade e autostrade, insieme a un sistema in rete di cliniche mobili o self-service, per eseguire test su persone senza che si trasferiscano nei centri ospedalieri e trasformino sale d'attesa in punti caldi del contagio.


Il test consiste in un breve questionario e una misurazione della temperatura, l'intero processo dura circa 10 minuti e i risultati arrivano nel giro di un giorno.

 

Il Los Angeles Times riferisce che “sebbene i ranghi delle persone infette siano cresciute di diverse migliaia, i test aggressivi hanno dato ai funzionari sanitari la possibilità di rilevare i focolai quando si presentano, concentrare le risorse su quelle aree e isolare quelli con il potenziale per diffondere il virus".

 

Aggiunge, a titolo di confronto, che “negli Stati Uniti, con sei volte la popolazione della Corea del Sud, sono state segnalate circa 2.000 infezioni e 43 sono morte fino a venerdì (13 marzo). Ma a destare maggiore preoccupazione sono i casi sconosciuti. Con una disponibilità limitata di test, i medici e i funzionari della sanità pubblica devono scegliere chi testare, sollevando la preoccupazione che altri stiano inconsapevolmente diffondendo il virus mortale”.

 

Kim Ganglip, viceministro del paese per la salute e il benessere, ritiene che “l’enorme capacità di analisi ci consente di identificare precocemente i pazienti e ridurre al minimo gli effetti dannosi (…)”.

 

L'applicazione di questi test di massa ha ridotto il tasso di infettati da 813 il 29 febbraio a 114 del 12 marzo, una tendenza che continua ancora oggi in questa direzione, indica eldiario.es.

 

Un media spagnolo spiega in cosa consiste il sistema di test clinici applicato dalla Corea del Sud, che è già stato copiato dagli Stati Uniti e da altri Paesi, e fa anche un paragone: con le cliniche mobili, “si potrebbero fare molti altri analisi al giorno (circa 400), perché il processo è molto veloce: il personale sanitario non ha bisogno di cambiare dopo ogni analisi, il che riduce significativamente il rischio di contagio, minimizzando il contatto diretto con entrambi i medici e tra pazienti. I campioni vengono inviati in contenitori ermetici a uno dei 118 laboratori autorizzati a questo scopo, dove 1.200 professionisti medici li analizzano. Il paese asiatico ha stabilito 633 punti di controllo, alcuni dei quali improvvisati di fronte a luoghi in cui sono comparsi focolai di infezione e può eseguire circa 20 mila test al giorno. Sono state 75 le vittime dopo 8 mila 320 contagi contati, in contrasto con i dati relativi alla Spagna, di 11 mila 883 contagi e 529 morti: sette volte di più”.

 

Questo nuovo sistema è supportato, in parte, da un'applicazione per smartphone chiamata "protezione di sicurezza auto-quarantena", sviluppata dal Ministero degli Interni della Corea del Sud.

 

Con questa applicazione, la popolazione inserisce i propri dati e le proprie risposte in un questionario e il sistema valuta se c’è bisogno un tampone ed è qui che entrano in gioco il sistema della clinica mobile o, se necessario, le visite a domicilio. Inoltre, l'applicazione consente di monitorare la persona in caso di infezione per evitare di violare la quarantena e mettere a rischio altre persone.

 

Questo sistema ha fornito la chiave per invertire la curva di contagio: diagnosi precoce, geolocalizzazione delle principali fonti di infezione, ridotta mobilità delle persone che cercano di essere testate e adozione precisa di misure di quarantena per tagliare la catena delle infezioni, a partire da dati affidabili che forniscono test rapidi, senza costi eccessivi e ingenti.

 

La novità del sistema Patria è messa alla prova con Covid-19

 

Lanciata nel 2017, la piattaforma Patria è stata avviata nel tentativo di centralizzare in un unico database i milioni di beneficiari di tutte le politiche sociali attuate dal governo venezuelano, collegate alla Patria de la Patria, dove ci sono già 20 milioni di persone il costruito.

 

Con questo meccanismo, il governo di Nicolás Maduro ha preso il polso della vita sociale ed economica del paese, ha migliorato l'amministrazione delle risorse e le ha reindirizzate proprio ai settori più vulnerabili alla guerra economica, disconnettendosi dalla gestione dei tradizionali blocchi burocratici e inciampanti imposti da una formazione statale segnata dal burocratismo e dalle trappole del rentismo.

 

Questo sistema, nato come una necessità in tempo di guerra, ha configurato una nuova istanza di coordinamento e comunicazione tra il popolo e lo Stato, garantendo condizioni di trasparenza ed efficienza all'assegnazione diretta di buoni e scatole di alimenti (CLAP) che ci hanno permesso di superare la grave crisi economica causata dal blocco degli Stati Uniti.

 

Nel tempo, la piattaforma Patria si è evoluta in base alle condizioni materiali del Paese, mostrando la sua flessibilità e adattabilità per rispondere alle esigenze della popolazione.

 

Pertanto, la piattaforma ha assunto la forma di una nuova architettura finanziaria indipendente dal tradizionale sistema bancario commerciale, con la quale è possibile effettuare transazioni relative a Petro, pagare servizi pubblici, trasferire ad altri conti bancari, ricevere rimesse, tra le altre applicazioni per la vita quotidiana.

 

Ma questo sistema non funziona in modo unidirezionale. La popolazione, a sua volta, modella le politiche dello Stato trasmettendo informazioni vitali sui piani di contenimento, indicando i fattori che devono essere consolidati e avvertendo dei fallimenti che si presentano. È un nuovo meccanismo di contro-potere, di gestione intelligente delle risorse scarse nel quadro del blocco e di coordinamento politico diretto con l'organizzazione popolare e sociale del popolo.

 

Sebbene sia emerso in un contesto determinato dalla rottura delle catene di approvvigionamento alimentare e dal rafforzamento dei CLAP, il sistema Patria ha rafforzato le linee di difesa nazionale e ha fornito al paese uno strumento per coordinare azioni sociali e politiche su larga scala in situazioni di stress e conflitti.

 

Questa nozione di anticipazione e prevenzione ha permesso al sistema Patria di diventare uno strumento per la diagnosi precoce, la geolocalizzazione delle infezioni e la definizione di piani di emergenza nel mezzo della pandemia per frenare la curva espansiva del virus.

 

In questo senso, è stato lanciato un sondaggio dalla piattaforma per valutare i sintomi di Covid-19 e anche l'accesso aperto agli aiuti finanziari nel mezzo della quarantena. Pertanto, lo Stato ottiene informazioni vitali per conoscere la portata geografica dei possibili casi di contagio, la loro gravità e, quindi, adottare misure efficaci.

 

Il sondaggio ha dato i suoi primi risultati, dimostrando la sua efficacia come metodo di rilevazione precoce. Il presidente Nicolás Maduro, durante il suo discorso del 22 marzo, ha annunciato che 10 milioni 965 mila 519 venezuelani, più della metà dei quali iscritti al sistema nazionale, hanno risposto. Con queste informazioni, 17 mila 570 persone sono state visitate su 21 mila in totale che saranno esaminate nell'ambito del programma di applicazione dei test di prevenzione. Un totale di 135 persone sono state trasferite ai Centri diagnostici completi per eseguire test di screening per Covid-19.



 

L'uso di questo strumento impedisce alle persone di uscire di casa per diagnosticare se stesse (mettendo gli altri a rischio di contagio), allo stesso tempo comunica al sistema sanitario dove e con quale intensità ‘zonificare’ l'assistenza primaria per casi lievi o gravi.

 

In questo modo, la catena di trasmissione del virus viene tagliata, l'attenzione medica è focalizzata, le risorse sanitarie vengono salvate (come kit per i test e altre forniture) e viene stabilita una gerarchia di priorità in base alle informazioni fornite, che indicherà cosa aree a cui partecipare, quali ospedali rafforzare e dove rafforzare le misure di isolamento.

 

Contrariamente alla maggior parte dei governi occidentali, il governo venezuelano e il popolo hanno un meccanismo che offre una visibilità completa della crisi e dei suoi nodi critici, guidando le azioni da intraprendere per controllare l'epidemia. Né gli Stati Uniti né il Regno Unito, figuriamoci Spagna, Italia o Francia, hanno un sistema di informazione-governo come il sistema Patria, già dimostrato in precedenti situazioni di emergenza.

 

Dal 2017, il Venezuela si sta preparando per una situazione di questo tipo con un sistema ideato per superare le dinamiche burocratiche dello Stato e rafforzare il coordinamento tra il governo e il popolo organizzato.

 

Si può affermare con sicurezza che, insieme alla Corea del Sud, un paese che non ha restrizioni economiche e guerre politiche come il Venezuela, il sistema Patria costituisce un antecedente universale e un modello da applicare per superare le crisi sistemiche usando la tecnologia è l’organizzazione delle persone.

 

Ancora una volta, il Venezuela conferma il suo modello politico mettendo in primo piano il benessere sociale dell'intera popolazione al di sopra del pensiero neoliberista che sta collassando proprio ora.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa