«Crimine di stampo nazista»: il Venezuela condanna il bombardamento israeliano delle ambulanze dell'ospedale di Gaza

«Crimine di stampo nazista»: il Venezuela condanna il bombardamento israeliano delle ambulanze dell'ospedale di Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro degli Esteri venezuelano, Yván Gil, ha riferito che il governo bolivariano condanna il nuovo massacro commesso da Israele, dopo il bombardamento di un convoglio di ambulanze con feriti nell'ospedale Al Shifa, il più importante della Striscia di Gaza.

"Si tratta di un nuovo crimine di guerra di stampo nazista, per il quale le responsabilità penali devono essere determinate a livello internazionale", ha dichiarato il ministro degli Esteri venezuelano in un post pubblicato sulla piattaforma X.

Le forze di occupazione israeliana ha attaccato venerdì una carovana di veicoli di soccorso che trasportavano i feriti dall'ospedale di Al-Shifa al valico di frontiera di Rafah, dove sarebbero passati per l'Egitto per essere curati.

Secondo il capo dell'ufficio stampa del governo a Gaza, Salama Marouf, 15 persone sono state uccise e 60 ferite nel bombardamento.

In precedenza, Caracas ha condannato il genocidio del governo di occupazione sionista contro il popolo palestinese, considerandolo una minaccia alla pace, alla sicurezza internazionale e una violazione dei principi e dei fondamenti della Carta delle Nazioni Unite.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha sottolineato che il suo Paese è in prima linea nella solidarietà con la Palestina perché la nazione bolivariana non può rimanere in silenzio di fronte all'ingiustizia.

Ha inoltre chiesto la cessazione del massacro, un cessate il fuoco e negoziati basati su accordi internazionali e sul rispetto delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e delle Nazioni Unite.

La capitale venezuelana Caracas è stata teatro di recenti manifestazioni di solidarietà e di denuncia dell'aggressione israeliana contro la Striscia.

L'aggressione israeliana contro Gaza per 28 giorni consecutivi ha già causato la morte di 9.227 persone, tra cui 3.826 bambini e 2.405 donne. Inoltre, altri 23.516 sono stati feriti.

Questo il comunicato della Repubblica Bolivariana del Venezuela: 

«La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna il nuovo massacro commesso da Israele, che ha bombardato un convoglio di ambulanze con feriti, mentre lasciavano l'ospedale Al Shifa, che costituisce un nuovo crimine di guerra di stampo nazista, per il quale devono essere accertate le responsabilità penali a livello internazionale.

Il mondo non può rimanere indifferente alle atrocità commesse dallo Stato di Israele: la barbarie deve cessare e i responsabili devono essere portati davanti alla Corte Penale Internazionale.

Il Venezuela esorta la comunità internazionale a mobilitarsi e a chiedere un cessate il fuoco immediato, a fermare il genocidio, a fornire assistenza umanitaria alla popolazione di Gaza e ad applicare le risoluzioni delle Nazioni Unite per la creazione di uno Stato palestinese sovrano e in pace».

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti