Cuba: le autorità fermano un piano terroristico orchestrato dagli Stati Uniti

Cuba: le autorità fermano un piano terroristico orchestrato dagli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nuovi piani di destabilizzazione contro Cuba? Secondo una dichiarazione trasmessa dalla Televisione cubana, è stato rivelato che il ministero dell'Interno ha fermato diverse persone legate a piani di azioni violente in programma negli ultimi giorni dell'anno.

Il ministero dell'Interno ha quindi riferito che tra i fermati ci sono terroristi che sono stati inclusi nella lista di persone soggette a indagini penali, in base al loro coinvolgimento nella promozione, pianificazione, organizzazione, finanziamento di atti terroristici contro Cuba, che lo Stato cubano ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 7 dicembre.

Humberto López, che denuncia regolarmente alla televisione nazionale i piani di queste organizzazioni terroristiche, ha riferito che le autorità cubane hanno arrestato un cittadino di origine cubana residente negli Stati Uniti, che è entrato illegalmente nel Paese via mare utilizzando una moto d'acqua, per poi spostarsi in altre regioni e cercare di reclutare ulteriori persone, che sono state arrestate e sono anch'esse indagate.

Al detenuto sono state sequestrate pistole di vario calibro con moduli di caricatori rinforzati e munizioni.

Uno dei reclutati e arrestati durante l'attuale indagine ha confessato di aver ricevuto ordini da Manuel Milanés Pizonero, che risiede negli Stati Uniti e che gli ha offerto 50 dollari per l'affissione di manifesti, 100 dollari per l'aggressione di pubblici ufficiali, 100 dollari per bruciare canneti e 200 dollari per bruciare depositi di tabacco.

Un secondo detenuto ha confessato di avere legami con Amijail Sánchez González, residente negli Stati Uniti, perseguito a Cuba per porto e possesso illegale di arma da fuoco, furto, uccisione illegale di bestiame, lesioni, attività economica illegale e omicidio colposo.

Ha dichiarato che Amijail Sánchez gli ha offerto 1.500 dollari per distruggere una torre elettrica ad alta tensione, bruciare auto statali cubane (300 dollari) e campi di canna da zucchero (100).

Dunque mentre gli Stati Uniti continuano a tenere Cuba nella lista dei paesi sponsor del terrorismo e dichiarano che le autorità cubane non sono collaborative in questa presunta lotta al terrorismo, essi stessi sponsorizzano, incoraggiano e foraggiano atti di terrorismo reale su suolo cubano. Ma questa non è certo una novità, la storia è piena di evidenze in tal senso. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti