Félix Plasencia (min. Esteri Venezuela): "Le sanzioni USA hanno rafforzato il governo Maduro"

Félix Plasencia (min. Esteri Venezuela): "Le sanzioni USA hanno rafforzato il governo Maduro"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Il governo Maduro mira alle migliori relazioni con tutti i paesi senza eccezioni", afferma Félix Plasencia, ministro degli Affari Esteri del Venezuela intervistato dall’emittente RT in occasione della sua visita ufficiale in Russia.

Il ministro degli Esteri venezuelano ha rabadito che Maduro "ha sempre detto di avere le braccia aperte per un incontro con gli Stati Uniti e con tutti i Paesi membri della comunità internazionale”, al contrario di come afferma una certa narrazione che lo dipinge alla stregua di una sorta di autocrate isolato tanto in patria quanto all’estero. 

Al contrario, secondo Plasencia, il Venezuela "continua ad essere oggi un leader fondamentale nella regione" che lavora con “impegno per la la pace, il multilateralismo e la ricerca di un accordo con gli Stati Uniti" e che negli anni passati, durante la presidenza del compianto Hugo Chávez, ha sostenuto la creazione di organizzazioni regionali come l'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (Alba), l'Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur), Petrocaribe e la Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (Celac). 

"Speriamo che gli Stati Uniti si rendano conto che imporre misure coercitive contro il popolo venezuelano è una strada sbagliata che procura solo discredito e vergogna alla popolazione statunitense".

In merito alla sua visita in Russia, il diplomatico venezuelano ha affermato che, sebbene la delegazione venezuelana sia lì "per parlare delle relazioni di entrambi i paesi", lo fa anche a nome del resto delle nazioni latinoamericane, poiché "il Venezuela è la porta naturale del Sudamerica». 

Il prossimo 21 di novembre in Venezuela si celebreranno le elezioni regionali e locali. A tal proposito il ministro ha ricordato che la presenza dell’Unione Europea “è concordata in un documento firmato tra uno Stato sovrano e i 27 Paesi che compongono l’unione”.

"Speriamo che non ci sia violazione di questi accordi, perché farlo significherebbe dare un calcio a quanto concordato", ha aggiunto.

La Missione di Osservazione Elettorale (EOM) dell'UE, che parteciperà al processo elettorale su invito del Consiglio Elettorale Nazionale (CNE), si è impegnata a rispettare pienamente i principi di "imparzialità, obiettività e indipendenza" e a non interferire con le elezioni dove parteciperanno diversi settori dell'opposizione venezuelana che si erano astenuti in precedenti tornate elettorali. 

Sul Venezuela gravano pensati sanzioni che pregiudicano fortemente la qualità di vita del popolo. 
Il ministro degli Esteri venezuelano ha ricordato che le misure coercitive applicate dal governo degli Stati Uniti come misura di pressione per provocare la caduta del governo Maduro “colpiscono il popolo venezuelano e non rovesciano il governo di Maduro, che è emerso più forte da questo processo che va avanti da anni”. 

Ha poi aggiunto che l'imposizione di sanzioni, principalmente rivolte a colpire il settore petrolifero, hanno fatto sì che il Venezuela scommettesse sulla diversificazione della sua produzione di greggio, il cui mercato principale erano gli Stati Uniti. 

"Speriamo che ci sia un governo responsabile negli Stati Uniti che si renda conto che imporre misure coercitive contro il popolo venezuelano è una strada sbagliata”, ha concluso Plasencia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai