/ Gaza, tre giorni di fuoco

Gaza, tre giorni di fuoco

 

I primi bombardamenti nella notte tra sabato e domenica. Secondo il sito ebraico Yediot Ahronot la pioggia di oltre 25 missili che si sono abbattuti su Rafah e Khan Younis, sud di Gaza, era la risposta all'introduzione di quattro uomini in territori israeliano



di Paola Di Lullo
 

Da domenica notte alla notte scorsa, la Striscia ed i gazawi hanno vissuto tre giorni di fuoco. Il che, in gergo comune, vorrebbe significare tre giorni pesanti, impegnativi, difficili. Invece in questo caso bisogna leggere alla lettera. Tre giorni di fuoco vero da cielo, mare e terra. Gaza vive da undici anni sotto embargo israeliano, con tutte le conseguenze che lo stesso comporta, ed è bloccata via cielo, via mare, via terra. Da tutti e tre i settori si sono abbattuti sulla Striscia missili e colpi di mortaio.


I primi bombardamenti nella notte tra sabato e domenica. Secondo il sito ebraico Yediot Ahronot la pioggia di oltre 25 missili che si sono abbattuti su Rafah e Khan Younis, sud di Gaza, era la risposta all'introduzione di quattro uomini in territori israeliano.
La stazione televisiva di Hamas, Al Aqsa, aveva mandato in onda un filmato in cui si vedevano, nella mattina di sabato, 4 giovani palestinesi attraversare il confine e dar fuoco ad una postazione dell'IDF. 
I palestinesi avevano lasciato scritto su una tenda "March of Return. Returning to lands of Palestine", prima di rientrare nella Striscia. Tutta l'operazione sarebbe durata un minuto circa.
Il link del video mandato in onda dalla stazione televisiva palestinese https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1995469107154229&id=129653250402500
Il link del video dei bombardamenti 
https://www.facebook.com/eyeonpalestine2011/videos/1928170290538536/


La risposta era arrivata, appunto, nella notte, colpendo postazioni di Hamas.
Tre i morti, tutti a Rafah, uccisi da una cannonata sparata da un carro armato.
Due di essi erano combattenti delle Brigate di al-Quds, l'ala militare del Jihad Islamico, Hussein Samir al-Umour, 25 anni, e Abd al-Halim Abd al-Karim al-Naqa, 28 anni.
Il terzo palestinese ferito e poi morto era Nassim Marwan al-Umour, 25 anni.


Le Brigate al-Quds promettono vendetta.


 

Lunedì sera, i carri armati israeliani erano tornati in azione, bombardando diversi presunti siti militari di Hamas nella parte settentrionale della Striscia.
Secondo il portavoce del ministero della salute di Gaza, Ashraf al-Qudra, Muhammad Masoud al-Radie, 25 anni, membro delle Brigate al-Qassam, l'ala militare del movimento di Hamas, è stato ucciso in un bombardamento a Beit Lahiya.
Colpi di mortaio contro la cittadina sarebbero stati sparati per colpire tre siti di Hamas.


La risposta del Jihad islamico arriva martedì mattina. Una trentina di colpi di mortaio, di cui due, non intercettati dall'Iron dome, caduti in zona di confine, a Sderot ed Eshkol, dove sono risuonate le sirene e migliaia di abitanti sono stati costretti a recarsi nei rifugi.


Ed allora Israele si scatena sulla Striscia, colpendo, prevalentemente Zaytoun e ShiajeiaIl peggior bombardamento dai tempi di Protective Edge.


 


I video dei bombardamenti :

https://youtu.be/hevNtPkeoSw

https://youtu.be/BhRvm-2x1wM


 

Ma ieri era anche la giornata della Freedom Ship, due pescherecci che, salpando dal porto di Gaza, si prefiggevano lo scopo di rompere, in uscita, l'embargo israeliano. Trasportavano 35 persone, tra cui malati, feriti, studenti e disoccupati. Dopo aver superato il limite di nove miglia imposto da Israele, i pescherecci sono stati avvicinati dalle navi da guerra israeliane e si è interrotto ogni tipo di collegamento. A 12 miglia dalla costa uno dei pescherecci è stato abbordato e condotto nel porto di Ashdod con le 17 persone che erano a bordo, tutti tratti in arresto. In serata, sono stati rilasciati i passeggeri della Freedom Ship, tra cui una donna, 4 feriti e 4 malati di cancro. Ancora in arresto il capitano, Suhail al-Amoudi.




Mentre le barche palestinesi si avviavano in acque internazionali, Israele bombardava ancora Gaza.

Colpito con sette missili un sito della Brigate al Quds, braccio armato del Jihad islamico, al centro della Striscia. Bombardata anche Khan Younis.
Il video del bombardamento
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1954175444616253&id=100000714496988


Gli F16 israeliani hanno lanciato anche tre raid su terreni vuoti nei pressi dell'Aeroporto Internazionale di Arafat, a est di Rafah.
Preso di mira un sito ad est di al-Maghazi e un altro a est di Deir al-Balah, centro di Gaza Strip.
La maggior parte dei siti colpiti, almeno 35, appartenevano alla resistenza palestinese, soprattutto alle Brigate Al-Quds, l'ala armata del Jihad islamico, ma anche ad Hamas. Fin dalla mattina, razzi palestinesi erano arrivati in territorio israeliano. Sarebbero sei gli israeliani feriti nella esplosioni, tra cui tre soldati.


In nottata, Israele ha ripreso i bombardamenti sulla Striscia. La Resistenza ha risposto e le sirene hanno suonano in tutti gli insediamenti al confine con Gaza.
Il video dei bombardamenti https://www.facebook.com/palinfo/videos/1736586339710767/
Alle 4,00, ora locale, grazie alla mediazione dell'Egitto arriva un accordo di cessate il fuoco e la fine, per adesso dei bombardamenti israeliani.


 


 

I 118 morti della Great Return March e gli oltre 13.000 feriti, di cui 332 in gravi condizioni, non hanno placato la sete di sangue del vampiro.


Per la stampa mainstream, pedissequo pappagallo di Israele, la marcia sarebbe stata organizzata da Hamas per implementare disordini ed agitazioni al border. Per chi non avesse letto prima, ribadisco ancora che, invece, la marcia, ideata e coordinata dal Coordinating Committee of the March of Return (Comitato di Coordinamento della Marcia di Ritorno) è nata da un'istanza tutta e solo popolare, di tutto il popolo gazawi, al di là delle fazioni politiche. Le marce, i sit in e le veglie, hanno mostrato un popolo armato solo della sua volontà di ottenere giustizia ed il rispetto delle norme internazionali, prima tra tutte la risoluzione 194, che spingeva i rifugiati ad esercitare il loro diritto al ritorno. Israele ha schierato cecchini che hanno colpito indistintamente uomini, donne, bambini, handicappati, giornalisti, medici, paramedici. Hanno sparato per uccidere. Alle spalle, alla testa, al torace, in pieno volto. Hanno usato i proiettili ad espansione, o dum dum, vietati dalla Convenzione di Ginevra. Molti dei feriti sono in pericolo di vita, altri hanno subito l'amputazione di uno o più arti. Per la stessa stampa, Israele ha esercitato il suo diritto a difendersi. Hanno parlato di "scontri", di "battaglia" tra Israele e Gaza, ma scontri e battaglie presupporrebbero, quantomeno, un minimo di parità di forze dispiegate sul campo. Israele è il terzo esercito meglio armato al mondo, i palestinesi disponevano di pietre, copertoni incendiari e qualche molotv.


L'Organizzazione per i diritti umani dell’Onu ha definito eccessivo l’uso della forza da parte di Israele, e - udite udite! - anche Amnesty International, da sempre fin troppo tenera con Israele, ha chiesto ai governi di tutto il mondo di imporre un embargo globale sulle armi a Israele in seguito alla sproporzionata risposta del paese alle manifestazioni di massa lungo la recinzione che lo separano dalla Striscia di Gaza.


 

FONTI :  Ma'an News in arabic

Ma'an News Agency

Shehab News Agency

Quds Network

Palinfo

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa