Gianni Minà: "La fine di un'epoca la stiamo vivendo noi non Cuba"

Gianni Minà: "La fine di un'epoca la stiamo vivendo noi non Cuba"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Cuba si trova alla vigilia di un grande cambiamento. In occasione dell’ottavo Congresso del Partito Comunista il segretario generale Raul Castro lascerà la carica che detiene in favore delle nuove generazioni. 

L’agenzia Adnkronos ha contattato Gianni Minà, il migliore giornalista italiano e un grande conoscitore di Cuba, che ha affermato: “Cuba è in crisi economica per un embargo ancora imposto dagli Stati Uniti da 60 anni. Sfido qualunque paese a sopravvivere senza poter fare accordi economici con altri Stati" e ciò è tanto più "vergognoso" durante una pandemia.

Riguardo alle sanzioni che continuano ad essere applicate nella loro brutalità nonostante sia in corso una pandemia mondiale, Minà afferma: “In più Trump, nonostante la pandemia abbia toccato tutto il mondo con malati e morti di Covid (compresa Cuba) ha pensato bene di rendere il blocco economico più rigoroso: l’aumento della vessazione nelle transazioni finanziarie e commerciali, il divieto di volo dagli Stati Uniti a tutte le province cubane, la persecuzione e l’intimidazione delle compagnie che inviano rifornimenti di carburante all’Isola e la campagna di discredito contro la cooperazione medica cubana che ha guadagnato nel mondo il rispetto di tutti, compreso il nostro Paese. Questo atto di guerra economica è oggi, dove tutti le nazioni sono in ginocchio, francamente vergognoso”. 

"I cubani, dopo la Rivoluzione del '59, hanno deciso di abbracciare un altro sistema, quello socialista, coniugato nella loro storia - sottolinea il giornalista - E pare che continueranno a farlo perché, pur con molte criticità, garantisce alla popolazione una qualità della vita dignitosa, cosa che nel resto dei paesi dell'America Latina e del Sud del mondo è ormai, di nuovo, diventata un miraggio. Nel 2016 Fidel Castro presenziò per l'ultima volta al Congresso del partito comunista, invitando a proseguire il cammino comune. Miguel Diaz Canel, rappresentante della nuova generazione di politici dell’Isola, ha già, da tempo, raccolto il testimone".
"Ma la fine di un’epoca, come quella dei Paesi occidentali (e quindi pure del nostro) la stiamo vivendo noi - conclude Minà - Purtroppo, ancora non ce ne stiamo rendendo conto".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti