Hezbollah e Amal: gli attacchi ai manifestanti portano il Libano verso la guerra civile

Hezbollah e Amal: gli attacchi ai manifestanti portano il Libano verso la guerra civile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Almeno sei persone sono morte e altre decine sono rimaste ferite oggi durante una massiccia protesta, indetta dal Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah) e dal movimento libanese Amal, davanti al Palazzo di Giustizia, per chiedere la rimozione del giudice Tarek Bitar che indaga sull'esplosione nel porto di Beirut (capitale libanese) nell'agosto 2020, e per la quale sono sospettati di negligenza diversi ex ministri loro affiliati.

In un comunicato congiunto diffuso lo stesso giorno, i movimenti libanesi Hezbollah e Amal hanno denunciato che i partecipanti alla manifestazione pacifica davanti al Palazzo di Giustizia sono stati oggetto di "fuoco diretto di cecchini" alle 10:45 (ora locale) , appena 15 minuti prima dell'inizio ufficiale della protesta.

Infatti, cecchini appostati sui tetti degli edifici vicini hanno preso di mira i manifestanti e poi si sono sentiti intensi colpi di arma da fuoco.

"Questi attentati mirano a trascinare il Paese in una deliberata guerra civile [...] e feroce sedizione" , si legge nella nota, che invita anche l'esercito libanese ad assumersi le proprie responsabilità e ad intervenire tempestivamente per identificare e arrestare gli autori della attacchi.

 

Hezbollah identifica gli aggressori

In un'altra dichiarazione congiunta emessa lo stesso giorno, citata dalla catena locale Al-Mayadeen , Hezbollah e Amal hanno accusato il partito filo-americano delle Forze libanesi di aver sparato contro i manifestanti a Beirut, e hanno indicato che questa fazione ha deliberatamente compiuto omicidi, chiedendo che siano "processati e severamente puniti" .

Il premier libanese invita tutti alla calma

Da parte sua, il primo ministro libanese Nayib Mikati ha convocato una riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza centrale libanese per discutere della situazione.

Attraverso una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio, Mikati ha annunciato che sta monitorando le misure per riprendere il controllo della situazione, mentre ha anche contattato alti funzionari dell'esercito e del governo per seguire la situazione.

Allo stesso modo, ha invitato tutti a mantenere la calma e ha esortato la popolazione "a non lasciarsi trascinare in conflitti civili" .

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti