Il dominio unipolare Usa ai titoli di coda

Il dominio unipolare Usa ai titoli di coda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La decisione di Mosca di condurre un'operazione militare speciale sul territorio dell'Ucraina per smilitarizzare e denazificare il paese, ha messo il mondo occidentale di fronte alla nuova realtà. Sarebbe stato possibile evitare un tale disastro, se gli Stati Uniti e la NATO avessero ascoltato la Russia e risposto alle preoccupazioni di Mosca in modo sensato e ragionevole.

Vasily Piskarev, il capo della commissione della Duma di Stato sulla sicurezza e la lotta alla corruzione, ha accusato il regime di Kiev della catastrofe. Il regime ucraino, che gode di sostegno in Occidente, è salito al potere otto anni fa come risultato di un colpo di Stato. Questo è un regime fascista nella sua natura, ha affermato il russo. Tutti i tentativi di risolvere la crisi attraverso i colloqui sono falliti, e le uccisioni di civili nel Donbass sono continuate. Secondo Piskarev, era giunto il momento di un'azione decisiva per liberare l'Ucraina "dal terrore scatenato dagli ultimi seguaci di Hitler e Bandera" e proteggere la Russia da evidenti minacce militari e finanche biologiche.

Washington e Bruxelles hanno fatto molto per attirare l'Ucraina e la Georgia NATO, hanno alimentato sentimenti neo-nazisti anti-russi nel paese slavo un tempo fraterno per trasformare l'Ucraina in un avamposto contro la Russia.

Se la NATO si fosse consolidata nella regione del Mar Nero, la Russia avrebbe dovuto affrontare immediatamente una minaccia reale per le sue regioni meridionali. Lo storico Oleg Airapetov ritiene che Washington e i suoi fedeli satelliti avevano preso la strada per la guerra con la Russia già nel 2008. La Russia non poteva lasciare il suo territorio a sud in balia del destino.

La Russia ha ripetutamente ricordato alla NATO i suoi impegni riguardo la non espansione a est. Mosca ha chiesto ripetutamente e insistentemente all'Occidente di prendere in considerazione le sue preoccupazioni di sicurezza e di seguire i principi di sicurezza uguale e indivisibile sanciti dai documenti dell'OSCE. Tutto è stato inutile.

Ha senso fare appello alla coscienza e alla nobiltà d’animo dei politici occidentali, se non sanno nemmeno cosa siano queste qualità? Non vogliono discutere la revisione dell'ordine mondiale, e Mosca è stata spinta a usare la forza militare.

Oggi, i politici statunitensi ed europei cercano ancora di giocare il solito schema sulla "Grande Scacchiera" seguendo le orme del loro "profeta" Zbigniew Brzezinski. Non si sono nemmeno accorti che si sono portati in una situazione di stallo. L'Occidente incolpa la Russia di tutti i problemi blocco e poi procede a strangolare l'economia russa con sanzioni anche a scapito delle proprie economie e dei propri popoli.

Ursula von der Leyen, il capo della Commissione Europea, ha annunciato nuove restrizioni che colpiranno i settori strategici dell'economia russa, e si è impegnata a bloccare l'accesso alla tecnologia e ai mercati finanziari per indebolire la base economica russa e la sua capacità di modernizzarsi. Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese Bruno Le Maire ha riconosciuto che le sanzioni avrebbero avuto un impatto negativo sull'economia del suo paese, ma ha detto di essere pronto a pagare "eroicamente" il prezzo, poiché "sono in gioco i nostri valori di libertà".

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz è rimasto scioccato nello scoprire che le azioni di Mosca in Ucraina hanno messo in dubbio l'ordine mondiale nel continente. Scholz era lieto che l'Unione Europea e la NATO fossero così accuratamente preparati per l'adozione di nuove sanzioni. Il presidente ceco Milos Zeman, che in precedenza aveva tenuto una posizione equilibrata, improvvisamente ha chiesto che la Russia fosse scollegata dal sistema di pagamento SWIFT. 

I politici europei sono incapaci di percepire gli eventi in modo obiettivo.

I battaglioni nazisti usano sistemi di razzi a lancio multiplo Grad contro i civili e le infrastrutture nel Donbass, mentre i politici occidentali ricorrono al vizioso sistema di sanzioni illegittime distruttive contro l'economia e i cittadini russi. Entrambi agiscono in modo disumano, cercando di ottenere i loro benefici unilateralmente, basandosi sul diritto del più forte. Gli obiettivi a lungo termine non possono essere raggiunti attraverso metodi brutali. Anche il giorno più lungo ha una fine.

I governi dell'UE dovrebbero tenere a mente il fatto che i loro paesi dipendono dalla Russia così come la Russia dipende da loro.

Oltre alle tradizionali fonti di energia - petrolio, gas e carbone - i paesi occidentali importano dalla Russia:

    nichel,
    palladio,
    titanio
    alluminio,
    materiali in legno,
    prodotti agricoli,
    fertilizzanti azotati,

e molti altri prodotti. Per fermare le importazioni di questi beni strategicamente importanti, non hanno nemmeno bisogno di stabilire restrizioni dirette sulle banche russe che conducono transazioni finanziarie per quei contratti.

Gli USA si danno la zappa sui piedi quando vietano alle aziende e ai cittadini statunitensi di investire in obbligazioni e azioni russe - scoraggiano molti dal trattare con la valuta statunitense. La Russia ha previsto il problema di trattare con il dollaro e ha iniziato a prendere in prestito nei mercati asiatici. Se la Russia viene scollegata da SWIFT, le banche russe passeranno al Central Bank Financial Message Transmission System, che può lavorare insieme alla controparte cinese - China International Payments System (CIPS).

Prima l'Occidente impara dagli errori del passato per quanto riguarda l'espansione aggressiva della NATO verso est, unita al totale disprezzo dei legittimi interessi di sicurezza della Russia, meno danni saranno inflitti alle parti opposte.

Nikolai Mezhevich, un esperto dell'Istituto d'Europa dell'Accademia Russa delle Scienze, ha detto che il mondo ha attraversato la linea, dietro la quale sta diventando un mondo totalmente diverso. Si stanno preparando nuove regole, che saranno messe sul tavolo molto presto. Gli Stati Uniti sono abituati a pensare che solo loro, la "nazione eccezionale", possono fare nuove regole per tutti gli altri, ma questa volta si sbagliano. La supremazia degli USA è finita.

Per capire quel che accade oggi dobbiamo volgere lo sguardo all’indietro. Lo smembramento della Jugoslavia da parte della NATO e la creazione del Kosovo nel 1999 hanno dimostrato la debolezza del diritto internazionale e delle Nazioni Unite. 

È stata un'esperienza umiliante per la Federazione Russa, poiché non c'era nessuna risoluzione del Consiglio di Sicurezza che approvasse un'azione con un'accusa inventata di genocidio. Una Russia relativamente debole poteva rendersi conto che l'Alleanza occidentale guidata dagli Stati Uniti l'avrebbe trattata più come un paese sconfitto che come un pari che rispetta i suoi interessi e riconosce il suo status di grande potenza. 

Quindi la Russia - come segnala su The Statesman l’indiano Subrata Mukherjee, già professore presso l’Università di Nuova Delhi - ha deciso di adottare la dottrina Primakov che accettava la relativa debolezza della Russia, preparandosi con un piano a più lungo termine per far risorgere l'intricata formazione di alleanze e prendendo atto di due inestimabili risorse di cui la Russia godeva, l'enorme l'arsenale nucleare come forza formidabile e il suo potere di veto nel Consiglio di Sicurezza. 

Mukherjee evidenzia inoltre che «poiché l'attuale mondo unipolare è intrinsecamente instabile, destabilizzante e aggressivo, l'emergere e il consolidamento di un mondo multipolare sarebbe più giusto, pacifico e stabile. Il sospetto che la Nato fosse un'organizzazione aggressiva è stato rafforzato dalla sua incursione nel mondo non occidentale. La sua espansione fino ai confini russi in fasi e cambi di regime tentati in Georgia e Ucraina e un'aperta proclamazione che entrambi questi paesi sarebbero diventati membri della Nato hanno portato alla promulgazione di una linea rossa russa in cui si affermava che non avrebbe tollerato alcuna ulteriore espansione della Nato.

Gli elementi critici di questa evoluzione sono l'allargamento dell'UE e l'incoraggiamento e il coinvolgimento diretto dell'Occidente in Ucraina , iniziato con la rivoluzione arancione nel 2004, culminato nella rimozione illegale di un governo filo-russo democraticamente eletto e del suo presidente attraverso un colpo di Stato che ha avuto il sostegno e il coinvolgimento delle potenze occidentali. 

Putin ha considerato il diroccamento di un governo legittimo come un superamento della linea rossa. Immediatamente prese il controllo della Crimea, che pensava sarebbe giustamente diventata una base navale della Nato. Questo fu l'inizio della determinazione russa a creare un cuscinetto tra la NATO e la Russia con l'Ucraina neutrale.

La politica dell'amministrazione Clinton di espansione verso est della Nato, contrariamente al fermo impegno del suo predecessore, ha incoraggiato l'amministrazione di George HW Bush a tentare un ulteriore consolidamento dell'Alleanza occidentale.

Alexander Grushko, viceministro degli Esteri russo, commentava che "l'adesione della Georgia e dell'Ucraina all'alleanza è un enorme errore strategico che avrebbe le peggiori gravi conseguenze per la sicurezza paneuropea". Putin non usa mezzi termini affermando che ciò rappresenterebbe una "minaccia diretta" per la Russia.

Sorprendentemente gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno ignorato queste mosse russe. Croazia e Albania sono diventate membri della NATO nel 2009. Anche l'espansione dell'UE è continuata. Il fatto che l'Ucraina sia un'enorme massa continentale è di grande importanza strategica per la Russia. Contrariamente alla propaganda occidentale, qualsiasi leader russo avrebbe fatto ciò che ha fatto Putin il 24 febbraio. John J Mearsheimer commenta: “Le grandi potenze sono sempre sensibili alle potenziali minacce vicino al loro territorio".

La dottrina Munro e la crisi dei missili cubani sono buoni esempi di tale intolleranza americana. La reazione russa è stata prevista da George Kennan nel 1998 quando ha affermato durante la prima fase dell'espansione della Nato che si è trattato di un "tragico errore" poiché non c'era alcuna minaccia percepibile da nessuna parte. Ha aggiunto e profetizzato che "i russi reagiranno gradualmente in modo piuttosto negativo e ripristineranno gradualmente le loro politiche".

Un impulso molto importante per la politica nordamericana di sostenere l'Ucraina e costringere la Russia a entrare in guerra è stato un desiderio caro a praticamente tutti i presidenti, ad eccezione di Donald Trump, nel periodo successivo alla Guerra Fredda; volevano un cambio di regime in Russia con l'aiuto di sanzioni draconiane. Ma hanno dimenticato che le sanzioni a Cuba da oltre 60 anni non hanno portato a un cambio di regime.

Lo stesso vale per Iran e Venezuela. Se le economie più piccole riescono a sopportare le sanzioni, allora come potrebbe cadere nella trappola un'economia enorme, ricca e autosufficiente come quella di Mosca. 

L'Ucraina, una delle nazioni più povere d'Europa, è anche una delle nazioni più corrotte del mondo.

Lungi dall'essere un fulgido esempio di democrazia, qui vengono regolarmente compiuti molti atti nefasti. C'è una forte corrente sotterranea di istinti fascisti persistenti in un segmento influente della popolazione; viene fornito un sostegno sostanziale ai sentimenti populisti e anti-russi nell'Ucraina orientale. Il governo ucraino non ha attuato l'accordo di Minsk (2015) che prevedeva un piano per la condivisione del potere ragionevole che includesse i russi e la lingua russa, poiché è parlata dal 30% della popolazione».

E’ molto probabile che le sanzioni imposte alla Russia dal blocco occidentale, e solo dal blocco occidentale, provocheranno un indebolimento generale di questi paesi e anche della NATO. Quindi con una NATO più debole si potrebbe giungere a un un partenariato più ampio tra Germania, Francia e Russia. L'uso eccessivo delle sanzioni e in particolare il loro uso contro la Russia dal 2014 ha portato a un'economia russa autosufficiente che è autosufficiente per l'ottanta per cento nei beni di consumo e impressionanti progressi tecnologici nei settori del gas e del petrolio. Mosca ha inoltre beneficiato notevolmente della cooperazione cinese che le ha consentito di compensare l'impatto delle sanzioni.

Russia e Cina hanno già iniziato a mettere in discussione la continuazione del dollaro come valuta di riserva e sono alla ricerca di alternative. Gran parte del commercio cinese e russo è ora condotto bilateralmente. Anche l'Asean ha iniziato a commerciare sempre più nelle proprie valute nazionali. A tal proposito sono allo studio ipotesi di pagamento in rupie o rubli del petrolio che la Russia fornisce all’India. Mentre il Venezuela avanza nell’implementazione del sistema di pagamento Mir del paese eurasiatico, introdotto dalla Banca Centrale della Russia nel 2017. "La connessione del Venezuela al sistema di pagamento Mir e la possibilità di utilizzare questa carta qui sarebbe utile per l'industria del turismo", ha affermato Sergey Melik-Bagdasarov, ambasciatore russo in Venezuela dal 2020.

"Entrambe le parti stanno facendo dei passi in questa direzione. Penso che sia troppo presto per parlare di date concrete", ha aggiunto in un'intervista all'agenzia di stampa Tass.

Attualmente, il Venezuela e la Russia hanno una forte connessione turistica con voli diretti tra Mosca-Caracas e Mosca-Porlamar dalla compagnia aerea statale venezuelana Conviasa, che cerca di stabilire in Venezuela un hub per i collegamenti con il paese eurasiatico.

Addirittura l’Arabia Saudita, uno stretto alleato che ha notevolmente contribuito all’egemonia statunitense con l'istituzione del petrodollaro, potrebbe spostarsi verso lo yuan. 

Quindi abbiamo due alleati di ferro degli statunitensi come Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti insieme alle due principali economie del Sud America, Messico e Brasile, e del Sud Africa insieme a India e Cina non hanno sostenuto la risoluzione dell'Assemblea Generale dell'Occidente e si sono astenuti dal voto. Insieme costituiscono l'85% della popolazione mondiale.

Il cambiamento è già in corso, avviene sotto i nostri occhi. Per questo la propaganda di guerra è fortissima e ogni pur timido dissenso viene ridotto al silenzio e criminalizzato. 

L’ordine unipolare dominato dagli Stati Uniti è ormai giunto ai titoli di coda. Alla fine dell’operazione militare russa in Ucraina l’umanità potrebbe finalmente entrare in una nuova era segnata dal multipolarismo. 

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica