Il Venezuela è l'unico paese al mondo dove l'Assemblea Nazionale sostiene sanzioni contro il popolo

Il Venezuela è l'unico paese al mondo dove l'Assemblea Nazionale sostiene sanzioni contro il popolo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Fabrizio Verde

Può l’Assembla Nazionale di un paese, che in teoria avrebbe il compito di fare gli interessi di quel popolo che l’ha eletta e che dovrebbe rappresentare, avallare e addirittura esaltare sanzioni imposte da un paese esterno che agiscono a detrimento del popolo?

 

Questo è esattamente quanto accade in Venezuela. 

 

Le nuove sanzioni imposte dagli Stati Uniti vanno infatti a colpire il sistema CLAP. Programma che permette la consegna diretta di prodotti alimentari a oltre 6.000.000 di famiglie in maniera quasi gratuita. 

 

Una mossa che elimina ogni dubbio sul terrorismo economico del governo Trump contro il popolo venezuelano, come denuncia l’ex vicesegretario dell’ONU Pino Arlacchi. 

 

L’ammissione del ruolo svolto nella vicenda dall’Assemblea Nazionale arriva attraverso Twitter da Alberto Federico Ravell, il "ministro dell’Informazione in esilio" del governo golpista dell’autoproclamato presidente Juan Guaidó. 

 

Il sodale del golpista ha pubblicato una nota orgogliosamente intitolata: «Le sanzioni al CLAP sono il risultato di un lavoro congiunto tra gli Stati Uniti e l'Assemblea Nazionale». 

 

Nella nota si rivendica la misura come "un risultato" dell'AN riuscita a influenzare il programma di vendita alimentare sovvenzionato, che raggiunge sei milioni di famiglie in tutto il paese.

 

Il testo cita anche dichiarazioni di Guaidó dello stesso tono, con l'accusa che le misure prese dal Dipartimento del Tesoro sono contro uomini d'affari e funzionari corrotti.

 

Il titolo di questo tweet - scrive la Iguana - deve essere conservato negli archivi, perché equivale a una confessione di coloro che stanno cercando di smantellare quella politica pubblica che è riuscita a salvare una parte significativa della popolazione, vittima delle peggiori privazioni nutrizionali a causa di guerra economica, speculazione, accaparramento e iperinflazione.

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale