/ Le armi chimiche di Saddam e Assad, le brigate di stupratori di G...

Le armi chimiche di Saddam e Assad, le brigate di stupratori di Gheddafi, infine lo Stretto di Hormuz: ecco l'ultimo pretesto USA per la guerra all'Iran

 

Gli USA sembrano aver trovato il pretesto giusto per attaccare l'Iran, ovvero il presunto sabotaggio di navi saudite in un porto degli Emirati Arabi Uniti, due regni strettissimi alleati di Washington, per la guerra in Siria e nello Yemen.


Nell'articolo di Helen Buyinski, si evidenzia come la colpa delle "operazioni di sabotaggio" che hanno danneggiato quattro petroliere al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti sia stata già data "all'Iran o ai sostenitori appoggiati dall'Iran", per gentile concessione di "funzionari USA" anonimi citati da alcuni media.

 
I funzionari anonimi sono parte integrante di un buon casus belli. Le loro azioni dovrebbero essere abbastanza eroiche per il semplice fatto di verificare la loro storia si rifletta malamente sul giornalista che lo sta tentando. Che tipo di cinico giornalista metterebbe in dubbio il coraggio dell'l'informatore che ha diffuso la notizia sui "laboratori mobili di armi biologiche" di Saddam Hussein , segnando il destino di un milione di iracheni con il mito delle armi di distruzione di massa? 
Eppure i giornalisti creduloni ripetono ancora una volta le conclusioni di un funzionario anonimo senza chiedergli come sia arrivato a loro.
 
Con i fori di metri di larghezza sul lato di ogni nave, non ci sono stati feriti o morti - nemmeno una goccia di prezioso olio uscito dalle navi cisterna "sabotate" nel Golfo Persico. La natura dell'"attacco" combacia con i criteri troppo ampi del Segretario di Stato Mike Pompeo per una "risposta rapida e decisiva". Un attacco da parte dell'Iran "o dei suoi delegati" su "interessi o cittadini degli Stati Uniti" era tutto ciò che sarebbe servito per aizzare la collera dello zio Sam contro Teheran, e qui, come se fosse al momento giusto, l'Iran (o i suoi proclami!) Presumibilmente ha fatto un buco sul lato di una nave destinata a portare petrolio negli Stati Uniti.

 
Se l'Iran fosse così avventato da rischiare un tale conflitto, probabilmente cercherebbe di fare un danno reale. Ma tali atti apparentemente suicidi sono ormai noti e portano alle note guerre degli Stati Uniti. Il presidente siriano Bashar Assad avrebbe apparentemente attaccato il suo popolo con armi chimiche pochi giorni dopo che il presidente americano Barack Obama annunciò la sua famigerata "linea rossa", avvertendo il leader siriano a non usare armi chimiche per non sperimentare tutta la forza della democrazia, American Style
 
Il Mossad israeliano sarebbe stato la fonte della notizia che l'Iran stava pianificando una sorta di attacco agli Stati Uniti in primo luogo - una vaga ma "credibile minaccia" che forniva una motivazione ideale per schierare il gruppo di portaerei "Abraham Lincoln" degli Stati Uniti, una task force di bombardieri, una batteria di missili Patriot e potenzialmente fino a 120.000 truppe nella regione da parte del CENTCOM, anche se la fonte stessa ha ammisso che l'avvertimento era "poco chiaro". 
 
I portavoce dei media che hanno venduto agli americani le guerre in Libia, Siria, Iraq e Jugoslavia non sembrano impegnarsi troppo a vendere l'idea di una guerra con l'Iran come una narrazione coerente. A prescindere dalle continue ripetizioni di Pompeo della leitmotiv "primo sponsor del terrore", si sta diffondendo sospettosamente un piccolo mito: nessun bambino viene gettato dalle incubatrici, nessuna brigata di stupri alimentata dal Viagra marcia attraverso Teheran. I media sono stati impegnati a coprire il Venezuela con storie in cui uomini e donne si sono combattuti l'uno contro l'altro per mangiare l'ultimo animale dello zoo, e rubare le otturazioni d'oro dai cadaveri, ma le storie sull'Iran sono decisamente già cotte.
Persino il presidente degli Stati Uniti non sembra sapere cosa sta succedendo, a parte quello che si suppone stia mobilitando le truppe. "Sto ascoltando piccole storie sull'Iran: se faranno qualcosa, soffriranno molto", ha detto ai giornalisti.
 

 
 
Qual è esattamente il problema. Come possono aiutarli a fare "qualsiasi cosa?" Nel frattempo, piazzando miliardi di dollari nelle acque iraniane e sfidando tutti gli avversari ad attaccare, sapendo che sarà incolpato l'Iran, gli Stati Uniti hanno creato una situazione quasi garantita per scatenare la guerra.
 
 
Fonte: Rt
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa