ALBA LATINA/L'ultima fake news contro il Venezuela: 30mila morti nel paese pe...

L'ultima fake news contro il Venezuela: 30mila morti nel paese per il Covid-19

 


di Clodovaldo Hernández - LaIguana.TV
 

Dopo aver trascorso due mesi a nascondere i risultati della strategia venezuelana contro la pandemia di Covid-19 e alcuni tentativi falliti di diffondere false informazioni su infetti e morti, il meccanismo mediatico del capitalismo egemonico è entrato in una fase di menzogne aperte, esagerate, iperboliche.

 

Senza la minima intenzione di sostenere le loro affermazioni, i media anti-venezuelani e gli influencer che replicano quelle stesse linee editoriali, hanno diffuso fake news sfacciatamente esagerate come portare il numero di morti per coronavirus a 30.000, che significa il 272,727% in più rispetto al bilancio delle vittime ufficiale nel paese, che ha raggiunto a malapena 11 persone martedì 26 maggio.

 

Se quello fosse il numero di persone morte, dovrebbero esserci circa 500.000 persone infette nel paese, secondo la percentuale registrata come media nel mondo.

 

L'iperbole è una figura che consiste nell'esagerare intenzionalmente la realtà. Funziona nella vita di tutti i giorni, come quando qualcuno dice "bussa alla porta un milione di volte!" o "questo zaino pesa 500 chili". È valido nel campo della letteratura e dell'oratoria, ma è un peccato capitale nel giornalismo poiché implica, come in questo caso, una grave distorsione dei fatti.

 

Il meccanismo per mettere in circolazione la menzogna sproporzionata è un classico della manipolazione mediatica: una fonte apparentemente qualificata lo afferma, anche se senza mostrare alcuna prova, la menzogna viene rilanciata con enfasi da un media straniero (a cui importa poco mentire sull'argomento del Venezuela, dal momento che lo fa da molto tempo) e viene replicata da numerosi account sui social media e social network locali.

 

La fattispecie è completamente inimmaginabile, dal momento che quel numero di morti in un paese di 30 milioni di abitanti avrebbe causato una vera commozione nazionale e sarebbe completamente impossibile da nascondere. Ma per quanto improbabili siano, ci sono persone disposte a fare eco a questo tipo di fake news.

 

“Vogliono almeno pareggiare”

 

Il costituente e comunicatore Alberto Aranguibel, che ha studiato a fondo queste forme di manipolazione delle informazioni, ha detto a LaIguana.TV che "la pandemia ha sorpreso la macchina di propaganda neoliberista capitalista (la gigantesca rete di comunicazione nelle mani del grande capitale) con l'impatto di una realtà che per la prima volta ha superato la capacità dei media di assemblare in modo stravagante la verità con la loro buona conoscenza e comprensione”.

 

Questa capacità era sempre stata usata dai media, ma questa volta non ha funzionato, permettendo alle persone di vedere finalmente una verità non filtrata o alterata dai media. "Quella verità era nelle strade, nella forma degli infetti, dei morti, dell'inettitudine dei leader neoliberisti per affrontare la contingenza e in contrasto con la sorprendente capacità di vero aiuto umanitario dei paesi socialisti, rispondendo efficacemente all'emergenza, che i media non hanno potuto nascondere”.

 

Aranguibel ritiene che di fronte a questa crisi vi sia un urgente bisogno di salvare a tutti i costi l'immenso potere che stanno perdendo di fronte alla pandemia e che mette a rischio la validità stessa del modello capitalista neoliberista nel mondo. "L'attacco al Venezuela, ancora una volta basato su denigrazioni folli e assurde, è un'espressione di quel bisogno della destra e dei suoi media di cercare di salvare (o almeno pareggiare il gioco) ciò che la pandemia sta costando al capitalismo, e in particolare la logica imperialista del nuovo ordine egemonico unipolare, lasciandolo nudo nella sua incompetenza nel riuscire risolvere i problemi dell'umanità”.

 

La necessità di “pareggiare il gioco" nelle informazioni sul Venezuela è stata esacerbata dalle sconfitte che gli Stati Uniti e i suoi alleati interni ed esterni hanno subito nell'ultimo mese, con il fallito tentativo di invasione con mercenari, paramilitari e disertori, e con l'arrivo nel paese dall'Iran delle navi cisterna caricate con benzina e additivi per riprendere la produzione locale del carburante.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa