Oakland (USA), i portuali bloccano le armi verso Israele in solidarietà con la Palestina

Oakland (USA), i portuali bloccano le armi verso Israele in solidarietà con la Palestina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Con la recente aggressione israeliana contro la Striscia di Gaza è rinata la solidarietà internazionalista con i lavoratori protagonisti. Da Livorno, Napoli, Ravenna, i portuali in tutto il mondo, si sono rifiutati di caricare le armi per Israele usate per massacrare i palestinesi. Ad Oakland era una tradizione già consolidata da 7 anni. I portuali sistematicamente non permettono lo scarico delle navi con armi israeliane.

 di Workers.org

Per il settimo anno consecutivo, alle navi di proprietà israeliana non è stato permesso di scaricare nel porto di Oakland. Il 4 giugno, migliaia di sostenitori della lotta palestinese hanno fatto sei picchetti simultanei durante due turni di lavoro per "Block the Boat" mentre i membri del sindacato International Longshore and Warehouse Union Local 10 hanno si sono rifiutati di lavorare sulla nave.

La nave israeliana della ZIM è stata dunque costretta a lasciare il porto alle 6 del pomeriggio - con tutto il suo carico ancora a bordo.

La giornata di azione è iniziata quando centinaia di manifestanti si sono riuniti al porto alle 5:00 del mattino per impedire ai lavoratori di entrare nell'ormeggio dove la nave ZIM di proprietà israeliana aveva attraccato. I picchetti sono stati fatti davanti sei ingressi utilizzati dai lavoratori del porto.

A quel punto i membri dell'ILWU Local 10 e altri membri del sindacato si sono rifiutati di attraversare il picchetto e hanno iniziato a parlare con i manifestanti e i diversi camion che stavano imbarcandosi su altri navi hanno suonato i clacson in solidarietà con la protesta.

La nave israeliana ha effettivamente lasciato il porto prima dell'inizio ufficiale del secondo turno della sera – segno di forte successo e della forza dell'azione Block the Boat.

L'azione di solidarietà è stata organizzata dall'Arab Resource and Organizing Center (AROC) e sostenuta da molti gruppi progressisti della Bay Area. Secondo l'AROC, il blocco della nave è stato una risposta diretta a un appello internazionale inviato dai sindacati palestinesi che chiedevano ai lavoratori di tutto il mondo di sostenere la Palestina rifiutando di maneggiare qualsiasi merce o carico israeliano.

In una dichiarazione del 6 giugno rilasciata dall'AROC, Elias Al-Jelda del Comitato esecutivo della Federazione generale dei sindacati della Palestina a Gaza, ha dichiarato: "Riscalda i nostri cuori nella Striscia di Gaza occupata e assediata e nel resto della Palestina occupata il fatto che i nostri compagni guidati da AROC, e con la solidarietà dei nostri compagni lavoratori della ILWU Local 10, abbiano ottenuto questa grande vittoria #BlockTheBoat contro la ZIM a Oakland. Chiediamo a tutti i lavoratori portuali del mondo di intensificare la campagna di boicottaggio contro le navi della ZIM e tutte le imprese che traggono profitto dall'apartheid".

Nella dichiarazione, il presidente della ILWU Local 10 Trent Willis ha sottolineato: "La lotta dei lavoratori è mondiale (…) Quando i lavoratori del mondo lo capiranno e si renderanno conto che dobbiamo unirci per fare dei cambiamenti, allora sarà un mondo migliore, anche per il popolo palestinese. Il potere dei lavoratori, il potere economico, è il vero potere - è più potente di quelle bombe che Israele sta lanciando".

La protesta “Block the Boat” di Oakland faceva parte di una settimana internazionale di azioni per impedire l'attracco e lo scarico di qualsiasi nave che trasporta merci israeliane o di proprietà di Israele. Secondo il comunicato dell'AROC "Oakland e la Bay Area hanno ottenuto ancora una volta una storica vittoria del Boycott, Divest and Sanctions Movement (BDS) per la Palestina".

In contemporanea, sulla costa orientale degli Stati Uniti centinaia di persone della coalizione #BlockTheBoat il 6 giugno hanno fatto un presidio al porto di New York e New Jersey, contro una nave Zim che attraccava nella cittadina di Elizabeth, N.J.

 

Potrebbe anche interessarti

La disoccupazione è necessaria al capitalismo di Francesco Erspamer  La disoccupazione è necessaria al capitalismo

La disoccupazione è necessaria al capitalismo

Sul silenzio assordante dei pestaggi dei lavoratori FEDEX di Paolo Desogus Sul silenzio assordante dei pestaggi dei lavoratori FEDEX

Sul silenzio assordante dei pestaggi dei lavoratori FEDEX

Mamma Papà ho trovato un lavoro: il vostro di Giorgio Cremaschi Mamma Papà ho trovato un lavoro: il vostro

Mamma Papà ho trovato un lavoro: il vostro

Astrazeneca e la "scienza" che governa l'Italia di Francesco Santoianni Astrazeneca e la "scienza" che governa l'Italia

Astrazeneca e la "scienza" che governa l'Italia

L'Economist e la pietra tombale dell'UE in un grafico di Giuseppe Masala L'Economist e la pietra tombale dell'UE in un grafico

L'Economist e la pietra tombale dell'UE in un grafico

Franz Rosenzweig: Intelligenza sana e Malata di  Leo Essen Franz Rosenzweig: Intelligenza sana e Malata

Franz Rosenzweig: Intelligenza sana e Malata

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5? di Antonio Di Siena Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti