Ultima follia Usa: un piccolo contingente di truppe in Siria verrà inviato a sostegno dei "ribelli moderati". Reuters

Ultima follia Usa: un piccolo contingente di truppe in Siria verrà inviato a sostegno dei "ribelli moderati". Reuters

Il Cremlino ieri parlava di "misura illegale per il diritto internazionale" e "conseguenze imprevedibili"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Come ampiamente annunciato nei giorni scorsi da l'AntiDiplomatico, gli Stati Uniti decidono di inviare un piccolo contingente di forze speciali statunitensi in una missione di "consiglio e assistenza" per i ribelli siriani che combattono contro i militanti islamici. Lo riporta Reuters citando funzionari statunitensi anonimi. Si attende un annuncio completo da parte del presidente Barack Obama a breve.
 
Obama in passato si era sempre rifiutato di inviare truppe americane in Siria, sostenendo che la coalizione guidata dagli Stati Uniti avrebbe sostenuto solo raid aerei. Ma la pressionde del Segretario di Stato Kerry e di quello della Difesa Carter è prevalso.

Per capire chi sono i "ribelli moderati" che gli Usa armeranno (Al-Nusra, Al-Qaeda):




Come abbiamo documentato più volte, gli sforzi di armare e addestrare i "combattenti per la libertà” siriani si sono risolti in un fallimento.
 
Il tentativo del Pentagono di costituire “un esercito siriano” è iniziato a maggio con un comunicato stampa del tutto ridicolo che tentava di spiegare il processo di “selezione” dei ribelli. In estate, gli Stati Uniti erano riusciti a mettere in campo solo circa 60 combattenti. Nel mese di luglio sono stati attaccati da Al Qaeda che ha rapito il comandante del gruppo. A settembre, il generale Lloyd Austin ha ammesso al Congresso che solo "quattro o cinque" combattenti erano ancora attivi sul terreno. Il resto era stato ucciso, catturato o aveva disertato nell’ISIS. 
 
Ora che la Russia è in procinto di cancellare tutto ciò che si presenta come un ribelle e ora che Hezbollah, l'IRGC, e le varie milizie sciite Teheran sono impegnate a marciare su tutto ciò che si presenta come un estremista sunnita, Washington tenta di rifornire questi “soldati per procura”. Questo è assurdo per due motivi, i) gli Stati Uniti stanno dando armi a soldati che stanno cercando di uccidere i russi e gli iraniani, il che significa Washington sta letteralmente conducendo una guerra contro Mosca e Teheran, e ii) sta dando al Free Syrian Army le stesse armi anticarro da usare contro le stesse milizie sciite che Washington sostiene in Iraq (vale a dire che sono "alleati" in Iraq, e nemici in Siria). 

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi» (Albert Einstein)

Ieri vi riportavamo della possibile reazione del Cremlino (per comprendere la criminale confusione che regna oggi a Washington)


Le conseguenze di eventuali operazioni di terra americane in Siria sarebbero imprevedibili. Lo ha affermato il Presidente della commissione parlamentare della Russia per gli affari esteri, Kosachev, in un'intervista a RT durante una visita diplomatica a Washington. 
 
Verso chi sostiene che i  raid aerei russi hanno preso di mira i civili, subito dopo che il Ministero della difesa russo ha convocato i responsabili militari dei paesi della NATO e dell'Arabia Saudita, chiedendo loro di chiarire le loro accuse, Kosachev ha accusato i mass media di "rumors che circolano deliberatamente". Le stesse "voci" vengono diffuse in tutto i social media. "Questo è solo una guerra di informazione contro la Russia e non altro".
 
Dopo aver invitato tutte le nazioni a unirsi alla coalizione guidata russo contro l'ISIS in Siria, che Mosca sta conducendo "nel quadro del diritto internazionale", ha concluso: "Non abbiamo alcuna intenzione di entrare in qualsiasi altra coalizione per la semplice ragione che sono al di fuori del quadro del diritto internazionale", ha detto.

Commentando il potenziale coinvolgimento di truppe di terra statunitensi contro l'ISIS in Iraq e Siria emersa ieri e che l'Antidiplomatico vi ha segnalato, Kosachev ancora una volta ha sottolineato che, quando si tratta di Siria, la campagna guidata dagli Usa sta già violando il diritto internazionale. Potenziali nuove truppe sul terreno, ritiene Kosachev, violerebbero ulteriormente le norme internazionali. "Tutte le operazioni in Siria condotte dalle forze americane saranno illegali", ha detto Kosachev, spiegando che Washington non è stata invitata da Damasco a partecipare a un'operazione militare in un paese sovrano.
 
"Saranno intrappolati, saranno coinvolti in questo conflitto in corso e le conseguenze saranno assolutamente imprevedibili. L'invio di truppe statunitensi in Siria sarebbero un grosso errore", ha concluso, sottolineando che la Russia non invierà truppe di terra in Siria. "Cerchiamo di non interferire, ma di promuovere un dialogo politico all'interno del paese. Crediamo che non vi è altro modo per risolvere i problemi interni della Siria, ma di mantenere un dialogo politico."

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti