/ "Assurdità geografica": la Russia risponde ad una controversa dic...

"Assurdità geografica": la Russia risponde ad una controversa dichiarazione statunitense sulla Siria

 

Le forze armate statunitensi tendono a "presentare quello che è desiderabile come se fosse realtà", ha dichiarato il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo.


Il Ministero della Difesa russo ha definito "assurdità geografiche" le recenti dichiarazioni del comandante delle operazioni generali e speciali della coalizione a guida Usa, James Jarrard, sulla situazione militare nella Siria orientale dopo la liberazione della città di Deir Ezzor.
 


Il portavoce della difesa russa, Igor Konashénkov, ha commentato che la maggioranza dei membri della coalizione sostenuta dagli Stati Uniti tendono a "presentare i loro desideri come se fossero una realtà", facendolo "senza alcuna conoscenza della realtà reale sul terreno". Inoltre, Konassénkov ha sottolineato che il generale James Jarrard "ha superato tutti i suoi colleghi nelle fantasie su ciò che sta succedendo a est della Siria".
 
"È stato molto strano sentire il comandante delle operazioni speciali della coalizione dire una sciocchezza geografica sostenere che migliaia di arabi in fuga 'in direzione di Mayadin'[a sud] di Deir Ezzor, liberata dalla presenza dell'ISIS, ma anche per sottolineare che il popolo sta andando "non a sud, popolato dagli arabi, ma a nord", ha affermato il rappresentante ufficiale della Difesa della Russia che ha citato le parole del generale americano.
 
Konashenkov ha anche ricordato ai suoi colleghi nordamericani che la città di Mayadin, che si trova a circa 40 chilometri a sud di Deir Ezzor, circa due settimane fa è stata liberata. "Ecco perché migliaia di siriani non "scappano "da Deir Ezzor [a Mayadin], ma tornano a casa con l'aiuto umanitario fornito dal Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria e le organizzazioni internazionali umanitarie ", ha ribadito Konashenkov.
 

Gli arabi che non tornano a Raqqa
 
Inoltre, Konashenkov ha aggiunto che "i siriani non vogliono fuggire da Deir Ezzor" per andare a Raqqa. "Infatti, hanno anche lasciato da un po' Raqqa dopo il bombardamento della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti", ha precisato il portavoce del ministero della difesa russo.
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa