Come gli USA cercano di rivitalizzare i terroristi di Al-Qaeda in Siria

Come gli USA cercano di rivitalizzare i terroristi di Al-Qaeda in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il portale statunitense  World Socialist Website ( WSW ), in un articolo pubblicato ieri, ha affrontato l'obiettivo alla base della decisione della catena connazionale  PBS di trasmettere, la scorsa settimana, sul suo programma Frontline un'intervista avvenuta a febbraio nella provincia siriana di Idlib ad Abu Mohamad al-Golani, fondatore e attuale leader del braccio siriana di Al-Qaeda, l'alleanza terroristica Hayat Tahrir Al-Sham (HTS), guidata dal Fronte Al-Nusra (autoproclamato Fronte Fath Al-Sham). 

"L'intervista condotta da Martin Smith di Frontline è stato essenzialmente uno spettacolo mediatico, nelle parole di Smith, organizzato per coprire la sanguinosa storia del terrorismo dal Fronte Al-Nusra in Siria e fornire ad Al-Golani uno spazio per proclamare l'attuale versione: Hayat Tahrir Al-Sham, una forza politica legittima e un alleato naturale di Washington", si spiega nell'articolo di WSW .

Inoltre, si sostiene che gli Stati Uniti, con questa campagna mediatica, cercano di ripulire l'immagine del terrorista di Al-Golani e preparare il terreno per riabilitare l'organizzazione estremista da lui fondata per riutilizzarla come arma per commettere più crimini e materializzarne i propri obiettivi in ??Siria, un paese che subisce una guerra devastante da 10 anni.

HTS, un lupo travestito da agnello?

Nell'intervista, il terrorista ha assicurato che la coalizione che guida "non rappresenta alcuna minaccia economica o alla sicurezza per gli Stati Uniti o altri paesi occidentali", pertanto ha chiesto a questi paesi di rivedere la loro politica nei confronti dell'alleanza HTS. Tra l'altro, ha cercato di travisare la realtà in Siria e ha negato che i membri del suo gruppo avessero arrestato dei civili. WSW ha ricordato che tali commenti cercano solo di deviare l'opinione pubblica e coprire i crimini documentati del suo gruppo terroristico.

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite il mese scorso ha denunciato in un rapporto sulla Siria la brutale repressione condotta da HTS contro la popolazione civile a Idlib. Da parte sua, il 5 aprile la Rete siriana per i diritti umani ha riferito che almeno 2.246 cittadini siriani sono imprigionati o dispersi nei centri di detenzione HTS.

Gli Stati Uniti, utilizzando e assistendo gli elementi terroristici del Fronte Al-Nusra,  hanno saccheggiato i giacimenti petroliferi  nella regione siriana nordoccidentale di Idlib, un'area considerata l'ultima roccaforte degli estremisti nel Paese arabo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti