Dittatura del politically correct: negli USA condanna a 16 anni per aver bruciato bandiera LGBT

Dittatura del politically correct: negli USA condanna a 16 anni per aver bruciato bandiera LGBT

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Francesco Santoianni
 

Chissà cosa diranno le tante “anime belle della sinistra” davanti alla condanna a 16 anni di carcere comminata, negli Stati Uniti, per “crimine di odio” (e, cioè per aver bruciato una bandiera LGBT)? E che diranno i milioni di “Je suis Charlie” che, in nome di Voltaire, (“Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire”) sfilavano, più che contro il terrorismo, a favore del “diritto” di potere ingiuriare i mussulmani? O le Sardine che al punto 5 del loro “programma” pretendono di equiparare la violenza verbale a quella fisica? O i fautori della surreale Commissione parlamentare contro l’odio, osannata, tra gli altri da Amnesty International, (sedicente paladina del diritto di opinione)? Verosimilmente, vi diranno che bruciare bandiere LGBT è il primo passo verso il rogo agli omosessuali; così come vi hanno detto che condannare il sionismo è il primo passo verso una nuova Auschwitz, o che criticare la politica dei “porti aperti” è razzismo…

È la dittatura del Politically correct che impone il concetto di “odio” finalizzato , ad esempio, a far sbattere fuori da Facebook chi osa criticare la guerra alla Siria. Un concetto, questo dell’”odio”, che serve a procurare un allarme, a produrre nei destinatari una percezione di pericolo. Serve a «fare presto», in deroga alle cautele del diritto, perché chi “odia” è certamente una persona irrazionale, al massimo da curare ma, intanto, da mettere in galera prima che il suo lato “bestiale” diventi una minaccia per l’intera società.


Stiamo esagerando? Leggetevi cosa scrive La Stampa su chi lotta oggi in Francia per la difesa delle pensioni.

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti