Gli Usa ammettono uccisione civili a Kabul. Ma chi pagherà?

Gli Usa ammettono uccisione civili a Kabul. Ma chi pagherà?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tutti i Tg, giornali, sul web, quasi esaltano la bontà degli Statunitensi. I quali sarà pur vero che ammazzano civili, ma quando non lo fanno per portare "democrazia" e "diritti umani", almeno chiedono scusa.

Figurarsi, il generale Kenneth McKenzie, capo del comando centrale degli Stati Uniti, ha porto "profonde condoglianze" alle famiglie di 10 persone - sette dei quali bambini - uccise nell'attacco dei droni del 29 agosto a Kabul. È stato ordinato nella " seria convinzione che avrebbe impedito una minaccia imminente alle nostre forze ", ma "è stato un errore e offro le mie sincere scuse", si è giustificato il generalone. Avevano delle buone intenzioni, poi se ci vanno di mezzo degli innocenti che colpa possono avere?

La prima cosa che dovrebbe inorridire è che proprio il Il CENTCOM di McKenzie ha inizialmente affermato che il veicolo sul quale viaggiava il presunto terrorista rappresentava una "minaccia imminente" per l'aeroporto e il ponte aereo in corso e che non vi erano vittime civili. Poi, resosi conto di averla sparata fin troppo grossae che nemmeno i media servili avrebbero potuto ingoiarla, ha corretto il tiro, sostenendo che potrebbero esserci state vittime civili, attribbuendo la colpa alle presunte esplosioni secondarie. Scaricando la colpa sui propri soldati. Tanto erano già così disgraziati da aver accettato un lavoro nell'esercito per necessità. Sono già considerati ai margini della società americana, salvo poi essere strumentalizzati per a retorica patriottica a stelle per fomentare nuove guerre.

In tutta questa strage, per caso o sbaglio, politici e media occidentali si sono posti la domanda se McKenzie e compagnia tra i suoi superiori e inferiori pagheranno mai per questo crimine?

Non pretendiamo un processo o il carcere, quando sono gli Usa a commettere tali atrocità non sono mai crimini, ovvio.

Se proprio volete prenderci in giro su quanto siano sostanzialmente buoni dalle parti della Zio Sam, quanto meno si chiedano le dimissioni di McKenzie e sodali. Sarebbe stato un almeno un piccolo sussulto di dignità.

 

 

Angelo Brunetti

Angelo Brunetti

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti