L'Unione Africana condanna l'omicidio di George Floyd

L'Unione Africana condanna l'omicidio di George Floyd

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Unione Africana ha dichiarato che la recente morte di un uomo nero disarmato negli Stati Uniti equivale a un omicidio.

 

Il presidente della Commissione Moussa Faki Mahamat "condanna fermamente l'omicidio di George Floyd avvenuto negli Stati Uniti d'America per mano delle forze dell'ordine e desidera estendere le sue più sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari", si legge nella dichiarazione diffusa dall'Unione Africana.

 

"Richiamando la storica Risoluzione dell'Organizzazione per l'unità africana (OUA) sulla discriminazione razziale negli Stati Uniti d'America fatta dai Capi di Stato e di governo africani, alla prima riunione dell'Assemblea dell'OUA tenutasi al Cairo, in Egitto, dal 17 al 24 luglio 1964, il Presidente della Commissione dell'Unione Africana ribadisce fermamente il rifiuto dell'Unione Africana delle continue pratiche discriminatorie nei confronti dei cittadini neri degli Stati Uniti d'America", ha aggiunto la nota.

 

Moussa Faki ha inoltre esortato le autorità degli Stati Uniti d'America a intensificare gli sforzi per garantire la totale eliminazione di tutte le forme di discriminazione basate sulla razza o l'origine etnica.

 

Floyd, 46 anni, è stato arrestato lunedì a Minneapolis, Minnesota, dopo aver tentato - secondo quanto è stato riportato - di utilizzare una banconota da $ 20 contraffatta in un negozio locale.

 

Le riprese video lo hanno mostrato ammanettato e collaboratore.

 

Ma la polizia afferma abbia fatto resistenza all'arresto. Uno degli ufficiali gli ha stretto il collo con un ginocchio, nonostante Floyd ripetesse: “Non riesco a respirare".

 

Poco dopo, Floyd perde conoscenza, ma l'ufficiale mantiene la sua posizione sull'uomo.

 

Floyd poco dopo essere stato portato in ospedale è morto.

 

Le proteste contro la brutalità della polizia sono scoppiate in diverse città degli Stati Uniti, tra cui Minneapolis, aumentando ulteriormente quando il procuratore locale Mike Freeman ha dichiarato che non si sarebbe "affrettato" per accusare i quattro ufficiali coinvolti.

 

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo