Si riunisce a Bruxelles il Tribunale Internazionale contro il bloqueo a Cuba

Si riunisce a Bruxelles il Tribunale Internazionale contro il bloqueo a Cuba

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 16 e 17 novembre si riunirà a Bruxelles il Tribunale Internazionale contro il bloqueo a Cuba. L'evento si svolgerà presso la sede del Parlamento Europeo e il dossier con le denunce presentate e la risoluzione della Corte saranno stampati e distribuiti via internet a esponenti politici europei e dell'ONU. Si tratta di un Tribunale a carattere politico, non giuridicamente vincolante, che ha comunque un alto valore simbolico, perché segue la tradizione degli altri tribunali popolari, creati per denunciare guerre, aggressioni e violazioni dei Diritti Umani da parte delle potenze imperialiste.

L’idea è stata approvata durante l'ultimo Vertice dei Popoli, che si è svolto a Bruxelles parallelamente al Vertice ufficiale Unione Europea-CELAC 2023. La proposta è stata lanciata da diverse organizzazioni europee, latinoamericane e statunitensi, quindi oggi la Corte ha rappresentanti in Italia, Spagna, Germania, Grecia, Belgio e Stati Uniti: giuristi, sindacalisti e politici o membri di diverse organizzazioni sociali. Circa 300 persone hanno annunciato la loro presenza a Bruxelles.

Al Vertice dei Popoli, è stato ripreso lo spirito della dichiarazione dell’Avana del 2014, quando la CELAC è stata dichiarata zona di pace, ed è stato riaffermato il suo impegno per la risoluzione pacifica dei conflitti, il rispetto dello stato di diritto e il disarmo nucleare. Principi che Cuba e Venezuela attuano dentro e fuori il continente e che caratterizzano la loro diplomazia di pace. Per questo motivo, il Congresso dei Popoli ha denunciato l'assurda decisione degli Stati Uniti di rinnovare l’inclusione di Cuba fra i paesi “che patrocinano il terrorismo”. In quell’occasione, un discorso forte del presidente cubano, Miguel Díaz Canel, aveva illustrato l’entità del danno causato al popolo cubano dal blocco.

L’Eroe della Repubblica di Cuba e Presidente dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli, Fernando González, aveva allora accettato la proposta di creare il Tribunale e l’Assemblea aveva fissato le due date della prima sessione. Ora Fernando, uno dei Cinque Eroi imprigionati negli Stati Uniti, ha spiegato alla stampa il valore del Tribunale e ha sottolineato il ruolo di Norman Paech. Membro della Società democratica dei giuristi, Paech è stato definito “un riferimento importante nel sistema giudiziario tedesco e nella difesa delle cause giuste nel mondo” e figura come il giudice principale della Corte.

Sarà accompagnato da cinque giudici provenienti da Germania, Italia, Grecia e Stati Uniti e tre pubblici ministeri provenienti da Spagna, Stati Uniti e Belgio; tutti rinomati giuristi che avranno il compito di presentare le argomentazioni giuridiche e di preparare la sentenza finale sulla base di informazioni dettagliate sull'impatto del blocco.

I testimoni saranno per lo più statunitensi ed europei, anche se – ha spiegato Fernando González – ci sarà la partecipazione di cubani che vivono all’estero “che servirà come testimonianza per analizzare come questo quadro di norme e leggi incide anche sui paesi europei, violandone la sovranità”, data la sua extraterritorialità. Solo tra il 1°. Nel marzo 2022 e nel 28 febbraio 2023, si stima che i danni causati al popolo cubano dal blocco siano dell’ordine di 4.867 milioni di dollari. Se il blocco non fosse esistito, il PIL di Cuba avrebbe potuto crescere del 9% nel 2022. Più dell’80% dell’attuale popolazione cubana ha conosciuto la propria nazione solo sotto gli effetti devastanti di questa politica.

Una politica genocida praticata da 13 governi nordamericani con il tentativo di strangolare la piccola isola che decise di essere libera dal 1959. Ufficialmente il blocco iniziò il 7 febbraio 1962, con la firma di un ordine esecutivo da parte del presidente John F. Kennedy, ma il processo di strangolamento era iniziato ancor prima che la Rivoluzione definisse il suo carattere socialista. Pochi mesi dopo la vittoria cubana, il presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower sospese l’acquisto della quota di zucchero e ruppe le relazioni diplomatiche il 3 gennaio 1961. Il più lungo blocco imposto ad un paese sovrano cominciò allora a provocare, a tutti i livelli, la massima sofferenza del popolo per indurlo ad abbandonare il socialismo.

La politica aggressiva e unilaterale degli Stati Uniti nei confronti di Cuba si è aggravata dal 2019, sotto l’amministrazione di Donald Trump, che – oltre a dettare 243 misure per rafforzare il blocco – ha incluso Cuba nella lista dei “paesi che patrocinano il terrorismo”. Un’aggressione mantenuta dall’attuale governo di Joe Biden, che ignora i 31 anni di risoluzioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che hanno approvano la necessità di porre fine al blocco.

Verrà portato in Tribunale il caso della bambina Natali, malata di cancro da quando aveva due anni, protagonista di La gota de agua, documentario diretto da Yaimi Ravelo e Iriana Pupo, prodotto da Resumen Latinoamericano, che sarà presentato a Bruxelles. L'ICAP trasmetterà in diretta dalla sua sede dell'Avana l'intero evento, che potrà essere seguito attraverso la piattaforma Siempre con Cuba. Anche il sito web del Parlamento europeo trasmetterà la conferenza in streaming.

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti