Le "quinte colonne" di Washington per destabilizzare Mosca e Pechino

Le "quinte colonne" di Washington per destabilizzare Mosca e Pechino

Russia e Cina sono gli unici due paesi capaci di resistere all'egemonia USA. Paul Craig Roberts

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Russia e Cina hanno impiegato vent’anni per capire che organizzazioni “per la Democrazia” e per “la promozione dei diritti umani” operanti nei loro paesi non sono altro che organizzazioni sovversive finanziate dal Dipartimento di Stato USA e da un agglomerato di fondazioni private Americane coordinate da Washington, scrive Paul Craig Roberts . La vera ragion d’essere di queste organizzazioni non-governative (ONG) è l’espansione della egemonia Americana attraverso la destabilizzazione degli unici due paesi rimasti al mondo capaci di resistere all’egemonia USA.
 
Tali "quinte colonne" targate Washington hanno sguinzagliato “rivoluzioni colorate” in ex province russe, ad esempio la Georgia, paese di nascita di Josep Stalin e l’Ucraina, che è stata provincia Russa per secoli.
 
La prima volta che Vladimir Putin fu eletto, Washington mise subito in campo le sue quinte colonne per portare migliaia di persone a protestare in strada, recriminando che Putin avesse “rubato le elezioni”. Ma la propaganda americana non è arma efficace in Russia, dove l’89% dei cittadini appoggia l’operato del Presidente, e dove il restante 11% è composto quasi interamente da Russi che ritengono che al contrario, Putin sia troppo morbido nel reagire all’aggressione Occidentale. Anche questa minoranza appoggia Putin, gli piacerebbe soltanto che prendesse contromisure più risolute. La percentuale reale di cittadini che Washington è stata in grado di convertire in potenziali agenti di tradimento si aggira sul 2-3% della popolazione. A questa percentuale ammontano i sostenitori dell’ “Occidentalizzazione”, gli “Integrazionisti Atlantici”, come vengono definiti coloro che desiderano che il loro paese divenga un fido vassallo di Washington, chiaramente in cambio di denaro, di denaro che finisca direttamente nelle loro tasche, è chiaro.
 
Ma l’abilità di Washington nel posizionare le sue quinte colonne per le strade di Mosca ha avuto un effetto sull’indifferente pubblico americano ed auropeo. Molti occidentali ad oggi credono che Putin sia stato eletto con elezioni falsate e che sia indaffarato a usare il suo potere per ricostituire l’Unione Sovietica e distruggere l’Occidente.
 
Non che, in ogni caso, distruggerere l’Occidente sarebbe compito così arduo, visto che l’Occidente si è gia distrutto con le sue mani.
 
La Cina, con la sua ossessione di diventare ricca, è stato un bersaglio piuttosto semplice per Washington. La fondazione Rockefeller sostiene la nomina di professori Cinesi pro-Americani nelle cattedre delle Università. Le compagni Americane che operano in Cina si prodigano a creare dei “consigli aziendali” superflui e senza scopo pratico, dove i parenti dei membri della classe dirigente sono nominati e pagati con altissimi stipendi dirigenziali. Questo pone una ipoteca sulla lealtà della classe dirigente al suo popolo.
 
Nella speranza di aver compromesso la classe dirigente cinese attaverso il denaro, Washington ha provato a scatenare proteste ad Hong Kong tramite l’operato delle sue ONG, sperando che la protesta potesse diffondersi altrove in Cina, e che la classe dirigente, già ammansita con soldi Americani, fosse lenta a riconoscere il pericolo e reagire.
 
Russia e Cina oggi se ne sono finalmente rese conto. E’sorprendente infatti notare come fin adesso i governanti di questi due paesi, che gli Stati Uniti bollano come “minacce”, abbiano tollerato così a lungo l’esistenza di queste ONG finanziate da interessi esteri sul loro territorio. La tolleranza Russa e Cinese di tali quinte colonne di Washington deve avere infatti infuso un bel coraggio ai neoconservatori Americani, così spingendo il mondo un passo più vicino al conflitto.
 
Gli americani dovrebbero essere più umili e non sempre così arroganti. E’ tempo di riconoscere che gli standard di vita americani, eccetto per l’1% privilegiato, sono in costante declino, e lo sono da decenni. Se vogliano continuare ad abitare questo pianeta, gli americani dovrebbero mettersi in testa che le vere minacce per gli Stati Uniti non sono la Russia o la Cina, per come non lo furono Saddam Hussen, Gheddafi, Assad, lo Yemen, il Pakistan o la Somalia, l’unica minaccia per gli Stati Uniti è rappresentata dalla folle ideologia neoconservatrice che pretende la totale egemonia sul mondo, oltre che prima di tutto sui cittadini Americani.
 
Un obiettivo arrogamente come questo fa rischiare agli Stati Uniti e stati vassalli il coinvolgimento in una guerra nucleare.
 
Se, ipoteticamente, gli Americani si svegliassero, che cosa potrebbero fare per fermare un Governo così, ormai fuori controllo? O gli Europei, memori delle devastanti conseguenze della prima e seconda guerra mondiale, sono in grado di rendersi conto che i danni subiti in quelle passate guerre sarebbero cosa da poco paragonate alla devastazione completa di un conflitto nucleare?
 
Se qualche Stato Europeo per caso avesse al governo gente intelligente ed indipendente, l’Unione Europea dovrebbe proibire in maniera assoluta ad ogni Stato membro di ospitare postazioni balistiche, e strutture militari USA in genere nelle vicinanze dei confini Russi.
 
I gruppi lobbistici est-Europei con influenza sugli affari di Washington chiamano a gran voce vendetta contro l’Unione Sovietica, una entità che nemmeno esiste più. L’odio l’ha ereditato la Russia. Una Russia che non ha mai fatto niente di sbagliato, a parte non essersi letta la Dottrina Wolfowitz e realizzare che Washington non si fermerà fino al dominio totale del mondo e che questo richiede di spazzare via la Russia e la Cina.


Traduziopne per www.comedonchisciotte.org a cura di CONZI 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti