Lo Stato Islamico potrebbe essere sconfitto in due giorni. Ehud Barak, ex ministro della Difesa di Israele

Lo Stato Islamico potrebbe essere sconfitto in due giorni. Ehud Barak, ex ministro della Difesa di Israele

"Lo Stato Islamico ha successo perché non c'è uno sforzo coerente e coordinato per distruggerlo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


L'ex ministro della difesa Ehud Barak di Israele ritiene che lo Stato islamico "non sia forte" e potrebbe essere totalmente sconfitto "in due giorni". Barak ha fatto queste osservazioni durante un'intervista con RT.
 
"Penso che lo Stato Islamico abbia successo perché non c'è uno sforzo coerente e coordinato per distruggerlo. Tecnicamente, non sono forti. Sono 30.000 o 40.000 persone. I loro veicoli sono Toyota pickup dotati di mitragliatrici ", ha detto Ehud Barak in una intervista  con  RT .
 
"Probabilmente non hanno né un aereo né un singolo elicottero", prosegue Barak che ha partecipato a un gran numero di missioni di combattimento ed è considerato uno dei soldati più decorati d'Israele ha detto.
 
"Penso che con un piccolo sforzo più coordinato, lo Stato islamico  . potrebbe essere sconfitto, non è facile, ma non è escluso, non sono giganti", ha detto il politico israeliano, aggiungendo che la capacità operativa dei miliziani dell'ISIS viene "esagerata". 
 


Fondamentalmente quello che hanno affrontato a Ramadi e in altre città in Iraq è un esercito non vuole combattere. Quando l'esercito non vuole combattere, non hai bisogno di grandi capacità per vincere ", ha detto Ehud Barak, aggiungendo che" l'ISIS non mai combattuto una vera e propria battaglia . "
 
L'unica grande forza di resistenza che hanno incontrato sono state le milizie curde a Kobane, ha detto il politico. Secondo Barak, sono stati i turchi con le loro centinaia di anni di "regno" nella regione e "un sacco di esperienza" che hanno descritto "il giusto approccio per l'ISIS in Siria"
 
" I turchi dicono Siamo pronti a collaborare con gli americani contro il Daish, ma non dimenticate Assad. Non possiamo sconfiggere il Daish e rendere Assad più felice".

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti