World Affairs/Israele progetta di distruggere l'unica fonte di acqua in un vill...

Israele progetta di distruggere l'unica fonte di acqua in un villaggio palestinese

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Il regime israeliano progetta di distruggere l'unica fonte di acqua da un villaggio palestinese nella Cisgiordania occupata. Lo riporta il quotidiano israeliano Haaretz


Come riportato dal quotidiano israeliano Haaretz, l'amministrazione civile israeliana intende demolire il serbatoio dell'acqua del villaggio di Um Al-Jamal, dove vivono decine di famiglie palestinesi.
 
Per giustificare il loro piano, le autorità israeliane sostengono che il serbatoio dell'acqua è stato costruito senza licenza appropriata - motivazione respinta dalla popolazione locale- ed hanno dato solo tre giorni agli abitanti del villaggio per impugnare la decisione in tribunale.
 
Nel villaggio, che si trova nella parte settentrionale della Valle del Giordano, dove i territori palestinesi occupati e Giordania condividono un confine, tutte le famiglie dipendono dall'acqua dedicandosi per la maggior parte all'agricoltura ed all'allevamento.
 
Questo caso rende evidente il valore della parola del regime israeliano che aveva promesso di non effettuare alcuna demolizione durante il mese sacro del Ramadan.
 
Non è un caso isolato, perché da mercoledì scorso il regime israeliano ha tagliato la fornitura di acqua a diverse località nel nord della Cisgiordania occupata, dove molte persone praticano il digiuno del Ramadan ed il caldo è terribile.
 
Gli israeliani, inclusi coloni dagli insediamenti illegali nelle terre occupate,  hanno accesso a 300 litri di acqua al giorno, secondo l'organizzazione EWASH, mentre la media in Cisgiordania è di 70 litri.
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa