Grazie a Martin Schulz, le raccomandazioni al TTIP passano con l'ISDS

Grazie a Martin Schulz, le raccomandazioni al TTIP passano con l'ISDS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


da beppegrillo.it

Martin Schulz questa volta l'ha fatta grossa. Non gli è bastato far slittare, con una forzatura, il voto sul TTIP del mese scorso. Oggi, interpretando il regolamento a suo piacimento, il presidente del Parlamento Europeo ha perfino impedito la votazione di un emendamento contro la clausola ISDS proposto dal Movimento 5 Stelle.
 
Si è compiuto dunque il piano delle grandi multinazionali e delle lobby anche tra le mura di Bruxelles e Strasburgo. In un mese sono riusciti a convincere la maggioranza degli eurodeputati indecisi, soprattutto italiani. Quelli che fino a trenta giorni fa avrebbero votato contro la clausola della discordia.
 
È stato vergognoso, soprattutto, l'atteggiamento del presidente dell'S&D Gianni Pittella (appartenente al Partito Democratico). Evidentemente deve aver preso delle ripetizioni dal suo maestro, nonché Presidente del Consiglio italiano. Fino a un giorno fa, infatti, twittava con fierezza la fine dell'ISDS, salvo poi essere fulminato da un ripensamento nella notte. Vedere per credere:




Quelle al voto di oggi erano delle linee guida, delle raccomandazioni alla Commissione Europea. Il testo, nelle sue parti più problematiche, è stato annacquato e reso quasi incomprensibile. L'ISDS è stato riformato, ma solo in facciata: con un'opera di maquillage semantico sono riusciti a scampare quelle che sarebbero state delle indicazioni molto più stringenti. Il meccanismo, più che pubblico - come dice Pittella - è a dir poco fumoso. La maggioranza degli eurodeputati si è dimenticata che il 97% della popolazione europea si era già espressa esplicitamente sia contro il TTIP, sia contro tutti i suoi derivati, grazie ad una consultazione popolare.
 
In questo video l'eurodeputata Tiziana Beghin spiega tutto: 

 
  

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti