Il golpe in Brasile contro Dilma in 5 punti

Il golpe in Brasile contro Dilma in 5 punti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Santiago Mayor - RT SEPEMAS

(TRADUZIONE L'ANTIDIPLOMATICO)

 
Come ampiamente previsto, il Senato brasiliano ha approvato la messa in stato di accusa di Dilma Rousseff. Il presidente in carica è stato sospeso per 180 giorni, durante i quali si svolgerà il processo che definirà la sua sorte.
 
Questa storia è iniziata quando Rousseff ha vinto le elezioni presidenziali nel 2014.
 
 
1. La destra non pensava di perdere
 
Quando il Partito dei Lavoratori (PT) ha vinto al secondo turno, la destra latino-americano è rimasta deluso perché il suo candidato Aécio Neves, era ormai sicuro di impadronirsi  del paese più importante del Sud America. In quel momento ha iniziato a pianificare il colpo di stato.
 
All'inizio del 2015, i grandi gruppi aziendali con il supporto di molti media hanno iniziato a fare pressione sul governo per effettuare aggiustamenti. Questi cambiamenti si sono verificati a metà anno, quando l'esecutivo ha fatto profondi tagli ai programmi sociali.
 
Questa situazione ha seriamente danneggiato la reputazione del presidente, il cui rating è sceso dell'8%. Da allora l'idea si è rafforzata al punto da mettere sotto accusa, attraverso manovre in aree diverse, che i sondaggi avevano negato loro di arrivare al potere.
 
 
2. L''impeachment': un processo legale, ma illegittimo
 
Lo scandalo Lava Jato, corruzione e riciclaggio di denaro in connessione con la raccolta di tangenti da parte dell'impresa di proprietà statale Petrobras, ha occupato le copertine dei giornali brasiliani per tutto l'anno scorso. Mentre molti politici di tutti i partiti sono stati coinvolti nel caso, Rousseff ne è sempre stata fuori.
 
Gruppi di opposizione hanno dovuto trovare un altro argomento per cercare di rimuovere il suo presidente, così si sono concentrati sulla presunta manipolazione del deficit di bilancio nel 2014. Il caso si basa su una risoluzione della Corte dei conti brasiliana, che non ha approvato il bilancio presentato dall'esecutivo quell'anno. L'economista Wahren spiega che "il governo brasiliano ha speso più di quanto avessero preventivato" e ha deciso di usare "un meccanismo noto come 'pedalata fiscale', che coinvolge le banche per finanziare il debito" aggiuntivo.
 
Nel corso degli anni, diversi governatori di tutti i partiti politici hanno usato questa risorsa; tuttavia, solo che sta tentando di respingere il motivo per cui il presidente Rousseff, come spiega in un video il Collettivo per la democrazia a San Paolo. Per raggiungere questo obiettivo, hanno fatto ricorso a uno strumento (l'impeachment') che è legale ma, in questo caso, non è legittimo.


3. I politici dietro il colpo di stato
 
Il processo è iniziato formalmente nel mese dell'ottobre 2015. Nel mese di dicembre, il Presidente della Camera dei Deputati e membro del Partito del Movimento Democratico Brasiliano (PMDB), Eduardo Cunha, ha autorizzato la richiesta, anche se poco dopo il Supremo Tribunale Federale (STF) ha annullato temporaneamente la procedura.
 
Nel mese di marzo, ha ripreso vigore in seguito all'arresto dell'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva. Fino al 17 aprile, la Camera dei Deputati ha approvato l'avvio di impeachment, che si è formalizzato con il voto del Senato.
 
Dietro la figura di Cunha, uno dei politici più impegnati nella rimozione di Rousseff, ci sono diversi settori della destra brasiliana:  Buey, Biblia y Bala (BBB), composto dal fronte parlamentare agricola (BUE), la parte anteriore evangelica parlamentare (Bibbia) e la parte anteriore parlamentare della pubblica Sicurezza (Bala).
 
Questi blocchi hanno svolto un ruolo centrale nel voto della Camera. Secondo il sito Brasil de Fato, "tra i religiosi, il voto è stato 163-24 (un rapporto di 6,7 a 1).
 
 
 
4. I media dietro il colpo di stato
 
Oltre ai partiti politici, che sono il volto visibile del colpo di stato, hanno operato anche vari altri attori della società civile. In questo senso, i media hanno giocato un ruolo fondamentale.
 
Reporter senza frontiere indica che il 90% dei media brasiliani sono nelle mani di sette famiglie. Solo la corporazione Globo controlla circa il 40% del mercato.
 
Nel frattempo, il portale Manchetômetro ha analizzato come ogni partito hanno valutato i maggiori quotidiani del paese nelle ultime 12 settimane. Qui sotto, si può vedere la quantità di notizie negative che sono stati pubblicati sul terminale e il governo di Dilma Rousseff.

 
5. Come seguirà il processo
 
Dopo il voto del Senato, assumerà la presidenza Michel Temer, Vice Presidente, che ha anche sostenuto il colpo di stato. Nel frattempo, Dilma Rousseff deve presentare la sua difesa davanti al Senato, dopo aver raccolto le prove presentate da tutte le parti. A quel punto il Senato dovrà decidere se destituire definitivamente il presidente in una sessione speciale con una votazione dei due terzi (54 voti). 
 
In tal caso, Temer dovrà ultimare il mandato, che si conclude nel 2018, anche se il suo compito non sarà facile a causa della enorme resistenza popolare che si è espresso contro il colpo di stato e in difesa della democrazia nel paese.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti