World Affairs/Responsabili israeliani propongono di uccidere gli attivisti del ...

Responsabili israeliani propongono di uccidere gli attivisti del boicottaggio a Israele

 

Funzionari israeliani infuriati per la campagna internazionale di boicottaggio contro Israele chiedono qualsiasi azione, anche di uccidere i seguaci del movimento pro-palestinese per fermare la sua crescita.


La questione è stata discussa, lunedì scorso, nella città palestinese di Al-Quds (Gerusalemme), dove un gran numero di giornalisti politici, militari e responsabili israeliani hanno partecipato ad una conferenza dal titolo 'Stop BDS ", movimento internazionale di Boicottaggio, Disinvestimento e sanzioni (BDS) contro Israele, che denuncia l'occupazione della Palestina.

 
Anche se le autorità israeliane tendono a sminuire gli effetti negativi che ha avuto il boicottaggio anti-israeliano a livello globale per l'economia di questo regime, la conclusione della manifestazione di lunedì scorso è stata sufficiente per dimostrare l'efficacia del movimento.
 
Gli organizzatori della conferenza hanno ammesso che "senza coltelli o missili", il movimento BDS sta guadagnando sempre più seguito in Europa, Stati Uniti e altrove. Dal campus universitario della California (USA), ai supermercati Parigi (Francia), alle università, il boicottaggio economico e culturale diventa una minaccia palpabile per lo status internazionale di Israele, secondo i funzionari israeliani.
 
Parlando alla conferenza, Yisrael Katz, ministro dell'Intelligence del regime israeliano, ha chiesto di effettuare "omicidi mirati" degli attivisti che sostengono il movimento BDS, con l'aiuto dell'intelligenza del regime di Tel Aviv.
 
A sua volta, Tzipi Livni, ex agente del Mossad ha dichiarato che è ora di moda "essere vegetariani e odiare Israele", riferendosi alla grande diffusione di odio in tutto il mondo per la politica aggressiva del regime contro i palestinesi.
 
Il direttore del quotidiano israeliano "Yedioth Ahronoth", Ron Yaron, un altro oratore alla manifestazione, ha confrontato il regime israeliano con quello dell'apartheid in Sud Africa. Egli ha detto alla folla che il potere del BDS non può essere sottovalutato, e che Israele non dovrebbe essere nella posizione in cui è stato per 5, 10 anni il Sud Africa, ma subito ha precisato: non vi è alcuna relazione tra il Sudafrica e Israele.
 
La campagna internazionale BDS sempre più diffusa in tutto il mondo, è una risposta collettiva al genocidio, l'apartheid ed ai crimini contro l'umanità commessi dal regime israeliano negli ultimi decenni contro i civili palestinesi.
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa