Foreign Policy: "Gli Usa stanno portando il conflitto con la Russia fino al livello di guerra"

Foreign Policy: "Gli Usa stanno portando il conflitto con la Russia fino al livello di guerra"

J. Tayler: "Attraverso l'Ucraina, sono determinati ad intensificare la loro disputa con la Russia, fino al punto di conflitto armato".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La politica degli Stati Uniti in Russia compromette seriamente l'obiettivo di sviluppare un rapporto di "coesistenza pacifica". Lo afferma l'editorialista di 'Foreign Policy', Jeffrey Tayler.
"Gli Stati Uniti, attraverso l'Ucraina, sono determinati ad intensificare la loro disputa con la Russia, fino al punto di conflitto armato", prosegue lo studioso, secondo il quale l'approvazione del memorandum 'sul sostegno ad una Ucraina libera' equivale ad una dichiarazione di guerra contro Mosca.
 
Il documento, che autorizza la fornitura di armi a Kiev, manca di buon senso, è 'pieno di lunghi ultimatum belligeranti, imprecisioni sulla storia recente e qualifica la Russia come una "minaccia alla pace mondiale". Da questo punto di vista, prosegue Tyler, aveva ragione il parlamentare russo Mikhail Yemelianov quando diceva che "a giudicare dalle loro intenzioni, gli Stati Uniti sembrano voler trasformare l'Ucraina in una piattaforma di lotta contro Mosca."
 
Inoltre, le sanzioni non sono riusciti a far cambiare la posizione di Mosca o ridurre la popolarità di Putin nel paese. Secondo i sondaggi, l'85% della popolazione russa sostiene il presidente. Dal punto di vista di Tayler, l'unica via di buon senso per Washington è cercare un accordo con Mosca, che preveda la neutralità e la non adesione alla Nato dell'Ucraina. Un tale accordo non è mai stato negoziato sul serio e vale la pena di chiedersi perché, sottolinea l'analista. "E 'possibile che gli Stati Uniti in realtà non abbiamo imparato nulla dai  decenni di esperienza della Guerra Fredda, quando si tratta con il Cremlino? E' stata completamente omessa da Washington la diplomazia e si preferisce emettere ultimatum, anche quando si tratta di un paese che ha un arsenale nucleare in grado di distruggere gli Stati Uniti e il resto del pianeta? ", ha detto Tayler.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti