/ Generale Soleimani: "Il cancro di Daesh, creato da Usa e Israele,...

Generale Soleimani: "Il cancro di Daesh, creato da Usa e Israele, sarà eliminato entro due mesi."

 
Il Generale iraniano Qasem Soleimani ha assicurato che il gruppo terrorista Isis sarà eliminato nei prossimi due mesi e l’Iran celebrerà questa vittoria.  



Durante una cerimonia pubblica organizzata giovedì nel nord dell’Iran, il comandante delle Forze dei Quds e del Corpo dei Gurdiani della Rivoluzione Islamica di Iran ha promesso la “prossima sradicazione” di DAESH. Lo riporta Hispan Tv.

Riferendosi a una promessa di vendetta sull’ISIS per aver decapitato il comandante militare iraniano Mohsen Hoyayi in Siria, Soleimani ha confermato che manterrà la sua parola. "Daesh riceverà quella vendetta in meno di tre mesi. Aumenteremo in modo incessante gli attacchi per ridurre tale termine a due mesi e rimuovere il cancro che rappresenta l'ISIS, creato dagli Stati Uniti e dal regime israeliano", ha proseguito.

Il comandante persiano ha sottolineato che nessun paese, governo o nazione ha più diritto a celebrare questo trionfo futuro che i governi e i popoli di Iraq, Siria, Libano e della Repubblica islamica d'Iran.

In un altro punto delle sue osservazioni, in riferimento alla retorica del presidente americano Donald Trump, durante il suo intervento alla 72a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) a New York, Soleimani ha sottolineato come  ormai neanche il popolo statunitense tiene in considerazione le parole di “quest’uomo ignorante”.





Dall'inizio delle crisi Iraq e Siria, la Repubblica Islamica dell'Iran ha sostenuto militarmente i governi e le popolazioni dell'Iraq e della Siria su richiesta di Baghdad e Damasco. Soleimani assicura che il suo paese continuerà ad aiutare i suoi vicini fino alla sconfitta totale del terrorismo nella regione.
 
Fonte: Hispan TV
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa