L'esercito siriano ha liberato Palmyra!

L'esercito siriano ha liberato Palmyra!

Le forze armate siriane ele Forze di difesa nazionale, sostenuta da forze aeree russe, hanno trionfalmente ripreso l'antica città di Palmira, nel cuore del deserto siriano.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le forze armate siriane hanno cominciato la loro offensiva su larga scala l'8 marzo, colpendo le colline circostanti ed i frutteti, prima di iniziare l'assalto ai bastioni dell'ISIS. Il numero di terroristo dell'ISIS uccisi nella lunga battaglia durata 18 giorni non è stato confermato dall'esercito arabo siriano; tuttavia, una fonte, che ha accompagnato la Brigata Falchi del deserto durante la battaglia ha conformato ad Al-Masdar la notizia che centinaia di jihadisti sono stati uccisi, insieme a un gran numero di veicoli e armi pesanti distrutte. Il 21 maggio, 2015, iniziò il regno del terrore dell'ISIS su Palmira; questo gruppo terroristico ha brutalmente massacrato decine soldati e civili.



Al momento della cattura di Palmyra, il gruppo terroristico ha raso al suolo  santuari, templi e monumenti. Antichità inestimabili che hanno resistito a secoli di sfide, di catastrofi naturali e artificiali, sono stati tragicamente distrutti dall'ISIS. Palmyra è strategicamente importante perché situata in un deserto che si estende fino ai confini iracheni ad est, con la roccaforte del gruppo terroristico, Raqqa, a nord.. La caduta di Palmira, molto probabilmente aprirà la strada all'esercito siriano per avanzare verso la roccaforte del gruppo terroristico a Raqqa così come la città orientale di Deir ez-Zor. Attualmente, le forze della Guardia Repubblicana sono ancora a difesa della base militare di Deir ez-Zor, dove decine di migliaia di civili soffrono uno spietato assedio imposto dall'ISIS.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra