L'ex capo salvataggi Europa del FMI: "La Germania, non la Grecia deve lasciare l'euro"..

L'ex capo salvataggi Europa del FMI: "La Germania, non la Grecia deve lasciare l'euro"..

Mody: "Sarebbe meglio oggi per tutti gli interessati, però, che sia la Germania piuttosto che la Grecia la prima ad uscire”.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


 
Nel suo ruolo ormai egemonico dell'Europa, la Germania ha di fatto distrutto il progetto della zona euro e dell'Unione europea. Nessuno con un minimo di coscienza politica può oggi dire che esiste una singola possibilità di riformare l'Europa dell'austerità dopo l'umiliazione della democrazia imposta alla Grecia di Tsipras. Euro ed austerità sotto il regime di Berlino Bruxelles e Francoforte sono state, sono e saranno sempre due facce della stessa medaglia. Accogliamo quindi con interesse quanto scritto questa mattina su Bloomberg dall'ex responsabile del FMI sui salvataggi europei, Ashoka Mody secondo cui deve essere la Germania non la Grecia che deve lasciare la zona euro.
 
"L'ultimo round di dispute tra la Grecia e i suoi creditori europei ha dimostrato ancora una volta che i paesi con queste economie diverse non avrebbero mai dovuto entrare in una unione monetaria. Sarebbe meglio oggi per tutti gli interessati, però, che sia la Germania piuttosto che la Grecia la prima ad uscire”. 
 
E ancora, prosegue Mody: “Dopo mesi di trattative estenuanti, recriminazioni e inversioni, è difficile vedere un vincitore. L'accordo raggiunto in Grecia con i suoi creditori - se dura - persegue la stessa strategia economica che non ha guarito il paese, anzi. I Greci stringeranno ancora di più la cinghia. I creditori non vedranno quei nuovi soldi che inietteranno nel paese”. Che senso ha proseguire quindi?
 
"Un ritorno al marco tedesco provocherebbe un deprezzamento immediato dell'euro, dando paesi della periferia una spinta in termini di competitività. Se, come poi sarebbe probabile, Paesi Bassi, Belgio, Austria e Finlandia seguissero l'esempio della Germania, forse per formare un nuovo blocco della moneta, l'euro continuerebbe a deprezzarsi”, prosegue Mody secondo cui il rischio da un'uscita tedesca sarebbe di scarso rilievo. Ma con un grande guadagno politico: la Germania ha acquisito il ruolo d potenza egemone in Europa ma non è disposta a sostenere i costi. “Giocando il ruolo di bullo con una patina morale, sta facendo la regione un disservizio”, ha concluso.
 
GEREXIT, scrive a commento il Blog KTG, suona poi molto meglio di Grexit. Uno smembramento di questa trappola che parta dalla Germania è il modo più semplice e indolore per togliere dalle spalle dei popoli dell'Europa questa scure di democrazia, diritti e libertà.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti