Non la Grecia, ma l'Austria inaugurerà la stagione dei salvataggi bancari a carico dei risparmiatori.

 Non la Grecia, ma l'Austria inaugurerà la stagione dei salvataggi bancari a carico dei risparmiatori.

"Sviluppi straordinari" in Austria: scoperto un buco da 7,6 miliardi di euro per la bad bank della Hypo Alpe Adria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


 
Tutte le falsità della narrativa ufficiale della crisi - il "recupero", le “riforme funzionano”.... - stanno emergendo in superficie. Lo scrive Zero Hedge che sottolinea come uno degli scheletri nell'armadio è uscito allo scoperto: “gli sviluppi particolari” annunciati dal Ministero delle Finanze austriaco sulla bad bank Hypo Alpe Adria con un buco di capitale pari a 7,6 miliardi di euro, che il governo non è disposto a coprire. L'Heta, la band bank dell'istituto Hipo Alpe-Adria finito in gravi difficoltà finanziarie, ha un bond da 450 milioni in scadenza venerdì e uno da 500 il 20 marzo. Questi rimborsi non saranno rispettati. La Heta ha già presentato un conto da 5,5 miliardi ai cittadini austriaci, ma ne avrebbe avuti bisogno altri 7,6 miliardi oltre a quelli. Di conseguenza, secondo la Reuters, la bad bank creata all'indomani del crollo Hypo, è di per sé in fallimento e la vigilanza del mercato finanziario austriaco intervenuta domenica ha imposto una moratoria sul rimborso del debito, per dare il tempo alla FMA di elaborare un piano dettagliato per garantire la parità di trattamento di tutti i creditori. Una banca bad bad per salvare una bad bank? L'ultima alchimia dei nostri tempi insomma.
 
In poche parole, l'Austria ha tolto il sostegno dello Stato di quello che è stato fino a questo momento il pilastro fondamentale di fiducia di un sistema finanziario traballante. Tra i motivi della massiccia carenza di capitale c'è l'esposizione enorme in collaterali a seguito del perdurare della crisi del Sud-Est Europa. La Hypo Alpe Adria era stata nazionalizzata nel 2009, dopo che aveva realizzato insopportabili svalutazioni su crediti di cattiva qualità nei Balcani. Le autorità di Vienna hanno informato che rispetteranno le garanzie per 1 miliardo di euro su un debito subordinato emesso da Heta nel 2012. 
 
Secondo i calcoli di Reuters, quasi 10 miliardi di debito è ormai compresso e la situazione non è più sostenibile.  Ma la battuta finale, sottolinea correttamente Zero Hedge, è che mentre il mondo era in attesa dell'annuncio dei controlli sui capitali, o di un bail-in da parte della Grecia la scorsa settimana, quella che fino a poco tempo era valutato un paese AAA / Aaa ha informato i creditori di un bail-in imminente: "Il Ministero delle Finanze ha osservato che i creditori possano essere costretti a contribuire ai costi di liquidazione di Heta  sotto la nuova normativa europea, che l'Austria ha adottato quest'anno in modo che i contribuenti devono assumersi l'intero onere". Non la Grecia, ma Vienna inaugurerà la stagione dei salvataggi bancari a carico dei risparmiatori.
 
Se il tutto avviene nell'Austria del collasso di Creditanstalt nel 1931 che infiammò la Grande Depressione, c'è da stare, per dirla alla Giambattisto Vico, tranquilli.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti