"Gli Usa hanno 60 programmi destinati a destabilizzare l'Ucraina". Il fondatore di Wide Awake News

"Gli Usa hanno 60 programmi destinati a destabilizzare l'Ucraina". Il fondatore di Wide Awake News

"Gli americani devono rendersi conto che la crisi ucraina è stata causata da Washington". Charlie McGrath

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 Il diritto di una nazione alla sovranità e l'autogoverno non è più un elemento che la politica occidentale prende in considerazione, sostiene Charlie McGrath, fondatore del sito web di notizie americano Wide Awake News.
 
"Basta guardare quanto è successo negli ultimi mesi. Un governo legittimamente eletto dell'Ucraina è stato rovesciato con l'aiuto dell'Occidente e la classe bancaria che domina la politica occidentale," ha dichiarato McGrath a  RT in riferimento alla destituzione del presidente ucraino Viktor Yanukovich, e ha sottolineato il ruolo degli Stati Uniti nella situazione attuale del paese. "Abbiamo oltre 60 programmi finanziati da enti parastatali finanziati o con denaro pubblico che sono stati destinati alla destabilizzazione dell'Ucraina e hanno prodotto il colpo di stato che ci ha portato al disastro  che abbiamo ora", ha detto. 


 
L'Ucraina è in fiamme dal mese scorso novembre. La prima ondata di rivolte antigovernative sono state sostenuto pubblicamente dagli USA e dai paesi europei  quando il governo di Viktor Yanukovich ha rifiutato di firmare l'accordo di associazione con l'Unione europea. Il 22 febbraio, il presidente è stato deposto e il governo autoproclamato guidato da Alexander Turchinov è salito al potere, fissando elezioni presidenziali anticipate per il 25 maggio. 
 
Diverse aree dell'Ucraina orientale e meridionale non hanno riconosciuti la legittimità del nuovo governo di Kiev e hanno dato vita a una seconda ondata di proteste di massa. La penisola della Crimea, la base principale della Flotta russa del Mar Nero, ha indetto un referendum e ha deciso di ricongiungersi al territorio russo, come lo era stato fino alla metà del XX secolo . Kiev ha rifiutato di riconoscere i risultati della consultazione e i Paesi occidentali hanno annunciato una serie di sanzioni contro la Russia. 


 
 Per sedare le proteste nelle regioni orientali dell’Ucraina, il nuovo governo di Kiev ha inviato l'esercito e il conflitto minaccia di degenerare in guerra civile. L'11 maggio, due regioni, Donetsk e Lugansk, hanno tenuto due distinti referendum di autodeterminazione , dove la popolazione ha optato per la creazione di repubbliche indipendenti. Il governo centrale ucraino e Washington si sono affrettati ad annunciare che i risultati del referendum non avrebbero avuto alcun effetto giuridico . 
 
“E 'disgustoso e vergognoso”, commenta McGrath. “E se gli americani avessero sentito queste parole anni fa dai britannici?  E’imbarazzante quando un funzionario americano davanti alle telecamere di tutto il mondo sostiene che la scelta di un popolo per l'autodeterminazione (...) e voto libero ed equo è illegittima. (...) E 'davvero un peccato che la stragrande maggioranza degli americani creda a tutto questo (...) Gli americani devono svegliarsi e capire cosa sta succedendo, perché questo sta accadendo a causa degli Usa ", conclude McGrath.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti